skip to Main Content

Il 30% della domanda europea di gas a rischio in caso di escalation tra Russia e Ucraina

Gas

Il GNL statunitense potrebbe svolgere un ruolo importante nel colmare il divario tra offerta e domanda di gas

Secondo le stime di Rystad Energy, un’escalation delle tensioni militari tra Russia e Ucraina potrebbe mettere a rischio fino a 155 miliardi di metri cubi all’anno di importazioni di gas naturale in Europa, se il conflitto dovesse causare l’interruzione delle consegne da parte della Russia. La cifra corrisponde al 30% della domanda annuale di gas dell’Europa occidentale.

MERCATI DEL GAS EUROPEI IN POSIZIONE PRECARIA

Sebbene sia improbabile una chiusura totale del gasdotto russo, avverte la società di ricerca, “i mercati del gas europei stanno entrando nell’ultimo periodo dell’inverno in una posizione precaria. Le scorte di gas sono ai minimi da cinque anni, i prezzi internazionali del GNL sono altamente volatili e il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania non dovrebbe essere operativo fino alla seconda metà di quest’anno”, ha sottolineato Rystad Energy.

CON LO STOP ALLE ESPORTAZIONI RUSSE EUROPA IN DIFFICOLTÀ

“Se le esportazioni russe venissero completamente bloccate, l’Europa avrebbe difficoltà a soddisfare il proprio fabbisogno di gas. L’Europa orientale sarebbe più duramente colpita poiché la regione dipende maggiormente dalle importazioni russe, mentre l’Europa occidentale potrebbe, in teoria, colmare il vuoto con un aumento delle importazioni di GNL, principalmente dagli Stati Uniti. I paesi dell’Europa occidentale hanno una capacità di importazione di GNL quasi sufficiente per sostituire tutto il gas russo, ma avrebbero bisogno di ulteriori 8 miliardi di metri cubi di produzione interna per compensare la differenza rispetto ai livelli del 2021”, ha spiegato la società di consulenza energetica.

RIGASSIFICAZIONE UN OSTACOLO AL NUOVO IMPORT

Tuttavia, la rigassificazione, potrebbe essere un ostacolo per le nuove importazioni. “La capacità di rigassificazione dell’Europa occidentale era operativa al 100% il mese scorso e la capacità di riserva per far fronte a un futuro aumento dei volumi di importazione è minima. Polonia e Lituania hanno solo una quantità minore di capacità aggiuntiva di terminale di importazione di GNL che potrebbe essere utilizzata. D’altra parte, l’Europa meridionale ha una notevole capacità di importazione inutilizzata, ma è meno dipendente dalla Russia poiché la regione fornisce già la maggior parte del proprio gas dal mercato del GNL, nonché attraverso gasdotti dal Nord Africa e dall’Azerbaigian”, ha ricordato Rystad Energy.

SENZA IL GAS CHE PASSA PER L’UCRAINA FACILE COMPENSARE PER L’EUROPA

Dei 155 miliardi di metri cubi di gas convogliato dall’Europa importati dalla Russia nel 2021, 40 miliardi di metri cubi sono stati convogliati attraverso l’Ucraina, una fornitura che sarebbe probabilmente interrotta in caso di escalation militare tra i due paesi. Se solo i 40 miliardi di metri cubi venissero tolti dal tavolo, l’Europa potrebbe compensare la differenza con relativa facilità, ma dovrebbe pagare prezzi spot più elevati per i volumi sostitutivi.

KNUTSSON: LA RUSSIA SVOLGE UN RUOLO FONDAMENTALE

“Nonostante la politica implicita dell’Europa di ridurre la sua dipendenza dal gas russo – come dimostrato dal significativo accumulo di impianti di importazione di GNL sulle coste dell’Europa occidentale negli ultimi anni – la Russia svolge un ruolo fondamentale nell’aiutare a soddisfare il fabbisogno di gas della regione. Di conseguenza, qualsiasi conflitto militare potrebbe avere gravi conseguenze per l’approvvigionamento di gas europeo”, ha affermato Sindre Knutsson, vicepresidente per l’analisi del mercato del gas e del GNL di Rystad Energy.

STOCCAGGI AL RIBASSO, EUROPA VULERNABILE

Attualmente o livelli di stoccaggio del gas in Europa rimangono bassi a 45 miliardi di metri cubi, il 30% in meno rispetto alla media quinquennale e ammonta a soli due mesi di gas per soddisfare la domanda media invernale. “Di conseguenza, la regione è particolarmente vulnerabile ai movimenti a breve termine dell’offerta e della domanda, come dimostrano i picchi record dei prezzi del gas scambiati sulla base olandese di trasferimento di titoli (TTF) negli ultimi mesi. Significa anche che qualsiasi interruzione dei flussi di gas russo attraverso l’Ucraina in Europa avrebbe un impatto immediato sui prezzi scambiati, sulla domanda di importazione di GNL e sul passaggio da gas a carbone per la produzione di energia, tra gli altri fattori”.

L’IMPORT EUROPEO

La Russia è una delle fonti di gas più critiche per il mercato europeo grazie alla sua vasta rete di gasdotti. A livello regionale, l’Europa occidentale (Europa nord-occidentale, Regno Unito e Scandinavia) ha importato 75 miliardi di metri cubi dalla Russia l’anno scorso, rappresentando il 25% della domanda totale. L’Europa orientale (Stati baltici, Europa centrale e orientale) ha importato 55 miliardi di metri cubi di gas russo, pari al 57% della domanda totale, mentre l’Europa meridionale (Iberia e paesi del Mediterraneo) ha acquistato dalla Russia 25 miliardi di metri cubi, pari al 21% del totale richiesta.

SENZA LA RUSSIA EUROPA ORIENTALE LA PIU’ ESPOSTA

Ogni regione sarebbe colpita dalle interruzioni del flusso russo in varia misura, con l’Europa orientale la più colpita. Polonia, Repubblica ceca e Slovacchia sarebbero particolarmente colpite, con i paesi più a sud meno vulnerabili a causa della buona fornitura attraverso il gasdotto Turk Stream.

L’EUROPA OCCIDENTALE STA CORRENDO AI RIPARI

L’Europa occidentale sta già acquistando gas extra dal mercato del GNL e sta massimizzando la capacità di importazione dopo che le forniture russe sono diminuite significativamente il mese scorso a causa dei minori flussi di gas attraverso l’Ucraina e il gasdotto Yamal-Europa che funziona al contrario. Le importazioni di GNL nell’Europa occidentale sono state pari a 294 milioni di metri cubi al giorno (MMcmd) a gennaio 2022, un nuovo massimo storico utilizzando il 100% della capacità di rigassificazione della regione, con la maggior parte dei volumi aggiuntivi provenienti dagli Stati Uniti. Degli 8,6 miliardi di metri cubi totali di GNL importati dall’Europa occidentale a gennaio, il 56% o 4,8 miliardi di metri cubi proveniva dagli Stati Uniti, 1,7 miliardi di metri cubi provenivano dalla Russia e 0,7 miliardi di metri cubi dal Qatar.

FORNITURA GNL DISPONIBILE MA SOLO DAGLI STATI UNITI

“È disponibile una maggiore fornitura di GNL, ma solo se i paesi europei sono disposti a pagare prezzi elevati. La maggior parte della fornitura extra di GNL potrebbe provenire dagli Stati Uniti, che hanno 102 miliardi di metri cubi di volumi liberi a bordo (FOB) sul mercato. Australia e Asia hanno la maggior parte dei volumi spot disponibili sul mercato, ma è improbabile che tali carichi arrivino in Europa a causa delle lunghe distanze di viaggio. Invece, gli Stati Uniti, l’Africa, parti dell’Europa e la russa Yamal LNG potrebbero offrire ulteriore GNL spot. L’Europa potrebbe anche acquistare volumi da aggregatori e trader che desiderano rivenderli sul mercato”, ha concluso Rystad Energy.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore