Scenari

Il futuro dell’energia è nelle ‘Micro Grid’

energia

Secondo l’analisi di Wood Mackenzie la capacità di generazione e stoccaggio di energia solare in Nord America, Europa e Oceania si raddoppierà entro il 2025 mettendo a dura prova la rete se non fosse per i sistemi di gestione delle risorse energetiche distribuite delle ‘Micro Grid’

La visione di una casa con un tetto fotovoltaico, una batteria e un veicolo elettrico in garage non è solo la visione di Elon Musk sul futuro dell’energia. È una visione che molti sostenitori delle rinnovabili condividono, e potrebbe essere sempre più realistica, grazie alla tecnologia dell’informazione.

Le risorse energetiche distribuite, gli impianti di generazione su piccola scala come gli impianti solari sul tetto che generano energia da utilizzare in loco o vicino al sito di generazione, sono una parte essenziale del futuro dell’energia rinnovabile. E le piattaforme software per la gestione di questi impianti di generazione su piccola scala sono la chiave per farli funzionare, secondo gli analisti di Wood Mackenzie che ne hanno recentemente scritto su Forbes.

GENERAZIONE E STOCCAGGIO DI ENERGIA SOLARE RADDOPPIERÀ ENTRO IL 2025

In un recente rapporto, i ricercatori di Wood Mac hanno dichiarato di aspettarsi che la capacità di generazione e stoccaggio di energia solare in Nord America, Europa e Oceania si raddoppierà entro il 2025. Solo negli Stati Uniti, la capacità solare e lo stoccaggio dovrebbero raggiungere i 127 GW tra il 2016 e il 2025, ha detto Elta Kolo e il responsabile della ricerca Fei Wang. Nel frattempo, i punti di ricarica per i veicoli elettrici dovrebbero moltiplicarsi per sette.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLE RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE

Questi cambiamenti, avvertono gli esperti, metteranno a dura prova la rete; o meglio, potrebbero farlo se non fosse per i sistemi di gestione delle risorse energetiche distribuite. Chiamati in breve DERMS, (Distributed energy resources management system) questi sistemi sono piattaforme software in grado di gestire numerosi impianti di energia distribuita.

Ecco come li descrivono gli esperti di Wood Mac: “Il software DERMS aiuta gli operatori di rete a garantire l’affidabilità del sistema mantenendo il comfort del cliente. Sebbene la singola piattaforma software di un fornitore di DERMS possa aggregare e orchestrare tutti i DER, le utility preferiscono sempre più spesso lavorare con una combinazione di fornitori di software DERMS per risolvere problemi specifici e spesso complessi”.

Uno di questi problemi è stata, ad esempio, l’emergenza della rete elettrica in California del mese scorso, quando un’ondata di caldo ha portato a picchi di domanda di energia e al rischio concreto di interruzioni nell’erogazione. Le interruzioni sono state evitate grazie ai sistemi di energia distribuita e alla cosiddetta risposta alla domanda di aiuto che hanno fornito su richiesta dei servizi pubblici dello stato.

UN RUOLO PIÙ PERMANENTE NELLA FORNITURA DI ENERGIA PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLE RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE

Ora, questa è stata una risposta ad una situazione di emergenza, ma le risorse energetiche distribuite potrebbero avere un ruolo più permanente nella fornitura di energia, secondo Jeff St. John di Green Tech Media.

“Le microgriglie, i sistemi di accumulo solare, i caricabatterie per veicoli elettrici, i carichi di energia distribuibili e altre risorse energetiche distribuite giocheranno un ruolo sempre più importante nel determinare l’equilibrio tra domanda e offerta di energia elettrica della California, che cerca di raggiungere l’obiettivo del 100 per cento di energia senza emissioni di carbonio entro il 2045”, ha scritto St John.

In effetti, dato che l’energia rinnovabile è già un elemento fisso del mix energetico, era solo una questione di tempo prima che i nuovi modi di distribuire questa energia in modo più efficiente trovasse la sua strada nella rete. Anche se rimangono delle sfide da affrontare.

LE SFIDE DA AFFRONTARE

La maggior parte di queste sono di carattere normativo e, come tali, per lo più politiche. Ciò significa che tali ostacoli saranno lenti da rimuovere e richiederanno sforzi da parte dei fornitori di energia distribuita per diventare parte prominente del quadro dell’approvvigionamento energetico. Ma c’è anche la questione dei sistemi di energia distribuita che stanno diventando molto più comuni e che richiedono soluzioni di gestione speciali.

È qui che brilleranno i Distributed energy resources management system, secondo gli esperti di Wood Mackenzie. Sono stati proprio questi sistemi di gestione che hanno reso possibile alle risorse energetiche distribuite di fornire l’elettricità di cui la California ha avuto bisogno durante la carenza di agosto. Sono tali sistemi di gestione che potrebbero rendere l’energia distribuita più accessibile ai clienti garantendo l’accesso a maggiori flussi di reddito sui mercati dell’energia all’ingrosso. E sono tali sistemi di gestione che potrebbero garantire un’adeguata fornitura di energia elettrica in futuro, quando la domanda sarà molto più dinamica a causa della proliferazione delle risorse energetiche distribuite.