Energie del futuro

Il Papa sceglie l’idrogeno per muoversi in Giappone

Per il Papa auto rigorosamente bianca e preparata per l’occasione dalla Casa giapponese ha attribuito la targa SCV 1, che contraddistingue le auto dei pontefici

Papa Francesco ha scelto un’auto a idrogeno, la Toyota Mirai per la sua visita in Giappone.

SCELTA SIMBOLICA

Si tratta di una scelta dalla forte connotazione simbolica che ben si coniuga con le parole di Papa Francesco pronunciate durante il suo viaggio nel Paese giapponese: “Occorre prendere decisioni coraggiose e importanti sull’uso delle risorse naturali, e in particolare sulle future fonti di energia”. Che comprendono, ovviamente, anche l’idrogeno.

BIANCA E CON TARGA SCV 1 PER TOYOTA

Rigorosamente bianca e preparata per l’occasione dalla Casa giapponese ha attribuito la targa SCV 1, che contraddistingue le auto dei pontefici.

SCELTA IN LINEA CON IL PONTIFICATO

Per il pontefice si tratta di una scelta in linea con il tema principale seguito fin dall’inizio del pontificato, particolarmente attento ai temi dell’ambiente e del clima. Basti ricordare l’enciclica “Laudato sì”, un appello a preservare la terra e tutto ciò che ci circonda, cambiando il nostro stile di vita per preservare la “casa comune”.