Advertisement Advertisement Skip to content
CO2 Crediti Carbonio ETS

Il ruolo degli assicuratori nel mercato (da 2 miliardi di dollari) della compensazione delle emissioni di carbonio

Nel mercato volontario del carbonio è nato un nuovo business: le polizze assicurative progettate per ridurre il rischio dei crediti che gli inquinatori acquistano per neutralizzare il loro impatto climatico

Le frodi di dati, le pratiche contabili discutibili e le catastrofi naturali sempre più gravi sono solo alcuni dei problemi che hanno colpito il mercato volontario del carbonio. Questi problemi hanno contribuito a stimolare un nuovo business: le polizze assicurative progettate per ridurre il rischio dei crediti che gli inquinatori acquistano per neutralizzare il loro impatto climatico. Resta però da vedere se le assicurazioni potranno contribuire a stabilizzare un settore sottoposto a severi controlli.

I crediti di carbonio sono uno strumento finanziario per aiutare a convogliare il capitale verso progetti che riducono le emissioni di gas serra. I project developer vendono crediti pari ad una tonnellata di anidride carbonica ridotta o evitata agli inquinatori che vogliono annullare le emissioni. Alcuni progetti, però, – in particolare quelli forestali – hanno dimostrato di apportare benefici al clima molto meno di quanto promesso, spesso perché le foreste non correvano il rischio di essere abbattute.

OKA E CLOVERLY OFFRONO ASSICURAZIONI SUI CREDITI DI CARBONIO

A dimostrazione della crescita del nascente settore assicurativo – scrive Coco Liu su Bloomberg -, la compagnia di assicurazioni Oka (con sede a Park City, nello Utah) dall’inizio di quest’anno collabora con Cloverly – una piattaforma di scambio di emissioni di carbonio – per offrire crediti assicurati. I 300 utenti aziendali di Cloverly possono acquistare una polizza da abbinare ai crediti di carbonio scambiati sul suo mercato digitale, non diversamente da come i consumatori possono aggiungere una garanzia estesa quando acquistano un nuovo telefono.

Se, ad esempio, una parte di un progetto forestale assicurato dovesse bruciare in un incendio, Oka pagherà all’assicurato il valore dei crediti di carbonio persi. Cloverly, con sede a Londra e ad Atlanta, non ha ancora invalidato i crediti sin dal suo inizio, nel 2019. Tuttavia, l’amministratore delegato, Jason Rubottom, afferma di non aver perso tempo a contattare Oka dopo aver appreso dell’azienda. “L’assicurazione è una soluzione necessaria per scalare questo mercato con integrità”, spiega Rubottom, aggiungendo che “c’è incertezza e rischio in qualsiasi credito di carbonio, e non c’è modo di evitarlo. Si tratta piuttosto di minimizzare e mitigare questo rischio”.

LA DOMANDA GLOBALE DI COMPENSAZIONI DI CARBONIO

Secondo la società di ricerche di mercato BloombergNEF, lo scorso anno la domanda globale di compensazioni ha raggiunto un nuovo record, con gli inquinatori che hanno acquistato crediti per controbilanciare ben 164 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. Secondo gli analisti di BNEF, entro il 2050 gli acquisti potrebbero aumentare fino a miliardi di tonnellate all’anno e valere 1,1 trilioni di dollari, purché gli investitori restino fiduciosi.

Un tempo il meccanismo alimentava la transizione energetica globale, quando l’energia eolica e quella solare faticavano a competere con i combustibili fossili in termini di costi. Negli ultimi anni, però, le compensazioni di carbonio hanno attirato critiche per non aver apportato benefici climatici significativi. Il cambiamento climatico ha aggravato le cose, con il peggioramento degli incendi che danneggiano progetti volti a sequestrare il carbonio nei decenni a venire.

LE ASSICURAZIONI SUI CREDITI DI CARBONIO

L’assicurazione del credito di carbonio “è essenziale per mantenere impegnati gli investitori”, afferma Natalia Dorfman, co-fondatrice e amministratore delegato di Kita Earth, una startup assicurativa con sede nel Regno Unito. Per Dorfman “ottenere milioni di dollari in progetti di compensazione sottostanti è impegnativo, senza la mitigazione del rischio assicurata”. Poiché gli assicuratori sono incentivati ​​a mettere sotto esame i progetti di compensazione delle emissioni di carbonio e a sottoscrivere quelli con rischi inferiori, secondo Dorfman l’assicurazione potrebbe portare anche “un ulteriore timbro di fiducia” al mercato del carbonio in difficoltà.

La maggior parte degli assicuratori tradizionali si è tenuta alla larga dall’offrire copertura per il carbon trading, citando preoccupazioni per la mancanza di dati di qualità per valutare i rischi, l’impatto di un clima sempre più instabile e il fatto che molti progetti sono situati in Paesi con dei sistemi giuridici deboli.

“Queste politiche a breve termine non risolvono i rischi a lungo termine, anche se aiutano le parti a gestire i rischi a breve termine in modo più efficiente”, ha spiegato Danny Cullenward, avvocato specializzato in clima e membro del Kleinman Center for Energy Policy dell’Università della Pennsylvania. “Non è e non potrà mai essere una risposta ai rischi indotti dal clima”. Fino ad oggi, acquirenti e venditori di crediti di carbonio si sono affidati in gran parte ad una pratica di autoassicurazione nota come “buffer pool”, in cui gli sviluppatori del progetto mettono da parte una parte dei crediti per coprire delle perdite impreviste di carbonio. Tuttavia, maggiore è il numero di crediti che gli sviluppatori convogliano nel buffer pool, meno ne restano per le vendite, pesando sulla redditività del progetto. Gli assicuratori dicono di poter fornire delle prestazioni simili a costi inferiori.

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO E IL RUOLO DEGLI EVENTI ESTREMI

I modelli meteorologici imprevedibili e l’emergere di nuove soluzioni per la riduzione delle emissioni sono due fattori che potrebbero complicare ulteriormente la questione. Il successo di un’assicurazione si basa infatti in gran parte sulla precisione con cui gli assicuratori riescono a prevedere il danno che potrebbero dover coprire e sul valutare di conseguenza il loro servizio. Il cambiamento climatico sta modificando le probabilità di alcuni eventi estremi, rendendo difficile la fissazione dei prezzi per i progetti di compensazione basati sulla natura.

Sebbene i progetti di rimozione del carbonio ingegnerizzati, come la cattura diretta dell’aria, siano più isolati dai pericoli meteorologici, le tecnologie sono ancora agli inizi e non dispongono di dati sufficienti per permettere agli assicuratori di sviluppare un modello significativo. Anche il modo in cui gli assicuratori affrontano le controversie sul fatto che un progetto abbia apportato degli effettivi benefici in termini di carbonio – la cosiddetta “addizionalità” – è ancora in fase di sviluppo. In teoria, un progetto è “addizionale” se la riduzione o l’eliminazione delle emissioni non sarebbe avvenuta, senza i ricavi derivanti dalla vendita di crediti di compensazione. Quest’ultimo, però, è un elemento difficile da misurare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su