skip to Main Content

La BCE e le nuove misure per includere il cambiamento climatico nella politica monetaria

BCE

Gli interventi mirano a tenere maggiormente conto del rischio finanziario legato al clima nel bilancio dell’Eurosistema

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso di adottare ulteriori misure per includere le considerazioni sui cambiamenti climatici nel quadro di politica monetaria dell’Eurosistema. Ha deciso di adeguare le partecipazioni in obbligazioni societarie nei portafogli di politica monetaria dell’Eurosistema e nel suo quadro di garanzia, di introdurre requisiti di informativa sul clima e di migliorare le sue pratiche di gestione del rischio.

Le misure sono concepite nel pieno rispetto dell’obiettivo primario dell’Eurosistema di mantenere la stabilità dei prezzi. Mirano a tenere maggiormente conto del rischio finanziario legato al clima nel bilancio dell’Eurosistema e, con riferimento all’obiettivo secondario, a sostenere la transizione verde dell’economia in linea con gli obiettivi di neutralità climatica dell’UE. Inoltre, le misure della BCE forniscono incentivi alle aziende e alle istituzioni finanziarie per essere più trasparenti sulle loro emissioni di carbonio e per ridurle.

“Con queste decisioni stiamo trasformando il nostro impegno nella lotta al cambiamento climatico in un’azione reale”, ha dichiarato la presidente della BCE, Christine Lagarde. “Nell’ambito del nostro mandato, stiamo compiendo ulteriori passi concreti per incorporare il cambiamento climatico nelle nostre operazioni di politica monetaria. E, come parte della nostra agenda climatica in evoluzione, ci saranno ulteriori passi per allineare le nostre attività con gli obiettivi dell’accordo di Parigi”.

LE MISURE DELLA BCE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Le misure concrete decise sono le seguenti:

– Detenzioni in obbligazioni societarie: l’Eurosistema punta a decarbonizzare gradualmente le proprie partecipazioni in obbligazioni societarie, in un percorso in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. A tal fine, l’Eurosistema indirizzerà queste partecipazioni verso emittenti con una migliore performance climatica attraverso il reinvestimento dei cospicui rimborsi previsti nei prossimi anni. Le migliori prestazioni climatiche saranno misurate con riferimento a minori emissioni di gas serra, obiettivi di riduzione del carbonio più ambiziosi e migliori informazioni sul clima.

L’inclinazione significa che la quota di attività nel bilancio dell’Eurosistema emessa da società con una migliore performance climatica sarà aumentata rispetto a quella delle società con una performance climatica inferiore. L’obiettivo è mitigare i rischi finanziari legati al clima sul bilancio dell’Eurosistema, e fornisce inoltre incentivi agli emittenti per migliorare la loro informativa e ridurre le loro emissioni di carbonio in futuro.

La BCE prevede che le misure si applicheranno a partire da ottobre 2022, con ulteriori dettagli che seguiranno poco prima. La BCE inizierà a pubblicare regolarmente informazioni relative al clima sulle obbligazioni societarie a partire dal primo trimestre 2023.

In ogni caso, il volume degli acquisti di obbligazioni societarie continuerà ad essere determinato esclusivamente da considerazioni di politica monetaria e dal loro ruolo nel raggiungimento dell’obiettivo di inflazione della BCE.

– Quadro delle garanzie: l’Eurosistema limiterà la quota di attività emesse da entità con un’elevata impronta di carbonio che possono essere costituite in pegno come garanzia dalle singole controparti quando prendono in prestito dall’Eurosistema. Il nuovo regime di limiti mira a ridurre i rischi finanziari legati al clima nelle operazioni di credito dell’Eurosistema.

Inizialmente, l’Eurosistema applicherà tali limiti solo agli strumenti di debito negoziabili emessi da società al di fuori del settore finanziario (società non finanziarie). Altre classi di attività possono anche rientrare nel nuovo regime di limiti man mano che la qualità dei dati relativi al clima migliora. La misura dovrebbe applicarsi entro la fine del 2024, a condizione che siano presenti i necessari presupposti tecnici.

Per incoraggiare le banche e le altre controparti a prepararsi in anticipo, l’Eurosistema condurrà delle prove del regime dei limiti prima della sua effettiva attuazione. Ulteriori dettagli, inclusa la tempistica, saranno comunicati a tempo debito.

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Inoltre, a partire da quest’anno, l’Eurosistema prenderà in considerazione i rischi del cambiamento climatico durante la revisione degli scarti di garanzia applicati alle obbligazioni societarie utilizzate come garanzia. Gli scarti di garanzia sono riduzioni applicate al valore della garanzia in base alla sua rischiosità.

In ogni caso, tutte le misure garantiranno la disponibilità di ampie garanzie, consentendo di continuare ad attuare efficacemente la politica monetaria.

– Obblighi di informativa sul clima per le garanzie: l’Eurosistema accetterà solo attività negoziabili e crediti da società e debitori conformi alla direttiva sulla rendicontazione della sostenibilità aziendale (CSRD) come garanzia nelle operazioni di credito dell’Eurosistema (una volta che la direttiva sarà pienamente attuata). Poiché l’attuazione del CSRD è stata ritardata, i nuovi criteri di ammissibilità dovranno applicarsi a partire dal 2026.

Questo requisito si applicherà a tutte le società che rientrano nell’ambito del CSRD. Contribuirà a migliorare la divulgazione e a generare dati migliori per le istituzioni finanziarie, gli investitori e la società civile.

Per incoraggiare le parti interessate ad allinearsi con le nuove regole nella fase iniziale, la BCE eseguirà esercizi di prova un anno prima dell’effettiva attuazione. Tuttavia, una parte significativa delle attività che possono essere costituite in pegno come garanzia nelle operazioni di credito dell’Eurosistema, come i titoli garantiti da attività e le obbligazioni garantite, non rientrano nel CSRD.

Per garantire un’adeguata valutazione dei rischi finanziari legati al clima anche per tali attività, l’Eurosistema sostiene una divulgazione migliore e armonizzata dei dati relativi al clima per tali attività e, agendo da catalizzatore, collabora strettamente con le autorità competenti affinché ciò avvenga.

– Valutazione e gestione del rischio: l’Eurosistema migliorerà ulteriormente i propri strumenti e capacità di valutazione del rischio per includere meglio i rischi legati al clima. Ad esempio, l’analisi della BCE ha mostrato che, nonostante i progressi già realizzati dalle agenzie di rating, gli attuali standard di informativa non sono ancora soddisfacenti.

IL RUOLO DI GOVERNI, AGENZIE DI RATING E AZIENDE

Per migliorare la valutazione esterna dei rischi legati al clima, l’Eurosistema esorterà le agenzie di rating ad essere più trasparenti su come incorporare i rischi climatici nei loro rating e ad essere più ambiziosi nei loro obblighi di informativa sui rischi climatici. L’Eurosistema è in stretto dialogo con le autorità competenti su questo tema.

Inoltre, l’Eurosistema ha concordato una serie di standard minimi comuni su come i sistemi di valutazione interna del credito delle banche centrali nazionali dovranno includere i rischi legati al clima nei loro rating. Tali norme entreranno in vigore entro la fine del 2024.

Guardando al futuro, il Consiglio direttivo si impegna a riesaminare regolarmente tutte le misure sopra delineate. Ne valuterà gli effetti e li adatterà, se necessario: (1) per confermare che continuino a realizzare i propri obiettivi di politica monetaria; (2) garantire – nell’ambito del suo mandato – che le misure pertinenti continuino a sostenere il percorso di decarbonizzazione per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi e gli obiettivi di neutralità climatica dell’UE; (3) per rispondere ai futuri miglioramenti dei dati climatici e della modellizzazione del rischio climatico o ai cambiamenti nella regolamentazione; e (4) affrontare ulteriori sfide ambientali, nell’ambito del suo mandato di stabilità dei prezzi.

Le aziende e i governi devono fare la loro parte per affrontare i rischi climatici, migliorando le informative e dando seguito ai loro impegni per ridurre le emissioni di carbonio.

Le decisioni sopra descritte fanno parte del piano d’azione per il clima annunciato nel luglio 2021. I lavori della BCE stanno procedendo come delineato nella tabella di marcia per il clima e potrebbero dover essere allineati, se e quando il calendario nella legislazione dell’UE dovesse cambiare.

La BCE include anche considerazioni sui cambiamenti climatici in aree del suo lavoro, oltre alla politica monetaria, tra cui la vigilanza bancaria, la stabilità finanziaria, l’analisi economica, i dati statistici e la sostenibilità aziendale. Con questo impegno, miriamo a fare la differenza in tre modi: (1) gestendo e mitigando il rischio finanziario del cambiamento climatico e valutandone l’impatto economico, (2) promuovendo la finanza sostenibile per sostenere una transizione ordinata verso una bassa economia del carbonio e (3) condividendo l’esperienza per contribuire a promuovere cambiamenti più ampi nel comportamento economico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore