skip to Main Content

La Bulgaria decide di scommettere sulla geotermia

Bulgaria

Il piano di recovery Ue della Bulgaria punta su una strategia energetica globale per il paese basata su rinnovabili e idrogeno

Il governo provvisorio in Bulgaria ha pubblicato la sua proposta di finanziamento attraverso il piano di ripresa post-Covid dell’Ue. Richiede poco meno di 800 milioni di euro per facilitare la transizione verso l’energia verde del Paese, con particolare attenzione agli aiuti per geotermia, idrogeno e tetto solare per le singole famiglie.

LA NUOVA VERSIONE

Secondo quanto riferisce il sito the Mayor, rispetto alla precedente versione incompiuta del piano, lasciata dall’ultimo governo di coalizione bulgaro, gli aiuti ai tetti fotovoltaici per le singole famiglie sono aumentati di sette volte e i fondi per la produzione di idrogeno verde sono aumentati di un terzo.

MENO FONDI PER IL GASDOTTO DI MARITZA IZTOK

Allo stesso tempo, il piano prevede una significativa riduzione del budget per il gasdotto del complesso energetico di Maritza Iztok, attualmente funzionante a capacità minima. Il gasdotto era precedentemente destinato ad accelerare la transizione della grande centrale a carbone all’idrogeno entro il 2030.

GLI OBIETTIVI A LUNGO TERMINE DELL’ENERGIA BULGARA: RINNOVABILI IN PRIMA LINEA

La parte del leone dei finanziamenti, circa 448 milioni di euro, andrà alla realizzazione di fonti energetiche rinnovabili con accumulatori in grado di produrre 1,7 gigawatt di energia. A complemento, tuttavia, gli investitori privati dovranno fornire altri 900 milioni di euro per terminare i progetti.

Altri 35 milioni andranno a finanziare le imprese che producono idrogeno verde, con le aziende che riceveranno dal 45 al 60% del finanziamento proposto. L’obiettivo finale di questa parte della proposta è promuovere la cooperazione tra governo e produttori, entrambi impegnati a garantire ulteriori finanziamenti dell’Ue a partire dal 2022.

Alla fine, entro il 2026, la Bulgaria dovrebbe essere in grado di produrre 7800 tonnellate di idrogeno verde. Parte di essa dovrebbe passare attraverso l’oleodotto Maritza Iztok, alimentando la centrale elettrica collegata dopo la sua riqualificazione.

70 MILIONI AL FOTOVOLTAICO SUI TETTI

L’aumento più significativo è però per il fotovoltaico su tetto per le singole case. Nella precedente versione del piano, erano destinati 10 milioni di euro, ora saliti a 70 milioni. Si prevede che ne beneficeranno circa 60.000 famiglie, un aumento di cinque volte rispetto al numero precedentemente proposto.

AL VIA INVESTIMENTI NELLA GEOTERMIA

Lo sviluppo più importante riguarda però gli investimenti pianificati nell’energia geotermica, una risorsa del tutto dimenticata dai precedenti governi bulgari. La proposta richiede di esplorare la fattibilità di una centrale elettrica nel nord della Bulgaria. Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’energia geotermica è disponibile a una profondità di 4500 – 4800 metri.

Quattro villaggi nel nord sono stati identificati come potenziali candidati, due intorno alla città di Montana, uno vicino a Vratsa e uno vicino a Lovech, dove sorgerà il nuovo stabilimento di produzione di auto elettriche .

L’Università tecnica in tandem con l’ Agenzia per lo sviluppo dell’energia sostenibile effettuerà perforazioni esplorative nei luoghi individuati. Inoltre, una parte del denaro sarà utilizzata nella creazione di un laboratorio di ricerca presso l’Università Tecnica per fornire assistenza accademica ed esperti per l’ulteriore sviluppo del concetto.

Back To Top