Advertisement vai al contenuto principale
Nucleare

La Camera ‘punta’ sul nucleare: al via indagine conoscitiva

L’iniziativa di Luca Squeri (FI) servirà per capire costi, benefici e tecnologie legate al nucleare

Un’indagine conoscitiva sul nucleare per approfondire le tecnologie, i costi, le potenzialità industriali e tutto ciò che è legato a un possibile riavvio di questa fonte di energia in Italia. Il via libera ufficiale è arrivato ieri dalle Commissione Ambiente e Attività produttive della Camera.

SQUERI (FI): BENE AVVIO INDAGINE CONOSCITIVA PER QUADRO SENZA PREGIUDIZI

“Le Commissioni Ambiente e Attività Produttive della Camera hanno deliberato un’indagine conoscitiva sul nucleare. Grazie a questa iniziativa, che nasce da una mia richiesta – ha detto in una nota il deputato e responsabile del Dipartimento energia di Forza Italia, Luca Squeri-, sarà possibile approfondire le caratteristiche della tecnologia nucleare, partendo dai costi, dai benefici e dalle potenzialità industriali, nonché il ruolo strategico del nucleare ai fini dell’obiettivo della decarbonizzazione. In questo si potrà avere un quadro completo e ragionato su questa fonte, finalmente scevro da quelle pulsioni ideologiche e quei pregiudizi che per troppi anni hanno condizionato il dibattito sul nucleare”.

DALLA RINASCITA IN ITALIA 45 MILIARDI DI IMPATTO ECONOMICO E 500MILA POSTI DI LAVORO ENTRO IL 2050

Ma che impatto avrebbe in nucleare sul nostro paese? A fare i conti ci ha pensato uno studio pubblicato da Ey: “L’energia nucleare è sul punto di una rinascita” dal quale emerge che tra effetti diretti e indiretti, si generebbero 45 miliardi di euro di benefici economici con oltre mezzo milione di posti di lavori entro il 2050 e 52 mila a stretto giro. Ciò senza dimenticare il ruolo che questa fonte rivestirebbe a livello di decarbonizzazione e programmabilità, in connessione con le rinnovabili.

 PRESENTE IN 32 PAESI NEL MONDO

Attualmente l’energia nucleare è presente in 32 Paesi con una capacità totale di 413 GW: grazie ad essa è possibile evitare che 1,5 gigatonnellate (Gt) di emissioni globali finiscano in atmosfera, riducendo la domanda mondiale di gas di 180 miliardi di metri cubi, sempre secondo la ricerca Ey.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su