skip to Main Content

La carenza di litio potrebbe frenare la corsa all’auto elettrica

Auto Elettriche

Ecco perché la carenza di litio potrebbe abbattersi sul nascente mercato dell’auto elettrica

Non solo semiconduttori. Le case auto potrebbero presto dover affrontare un nuovo e grande problema: la carenza di litio, componente essenziale per le batterie. Il mercato nascente dei veicoli elettrici potrebbe essere, dunque, stroncato sul nascere.

Tutti i dettagli.

L’ALLARME DI RYSTAD ENERGY

Partiamo dalle previsioni. Secondo quanto emerge da un’analisi di Rystad Energy, l’automotive potrebbe presto dover affrontare  un importante deficit di litio. L’attuale capacità di estrazione del litio, spiega la società di ricerca, può soddisfare  la domanda dal mercato dei veicoli elettrici peri prossimi sei anni. Dal 2027, però, la forte domanda di veicoli a batteria è destinata a creare un grave deficit di fornitura di litio, provocando importanti ritardi nella produzione.

UN MERCATO CHE FRENA SUL NASCERE

E dunque, mentre i veicoli elettrici iniziano a crescere sulle strade d’Europa, la carenza del famoso metallo potrebbe frenare il mercato sul nascere.

LE PREVISIONI NEL REGNO UNITO

Anche nel Regno Unito, uno dei mercati di veicoli elettrici (EV) in più rapida crescita in Europa, con veicoli plug-in che rappresentano l’11% delle vendite britanniche. Secondo la Society of Motor Manufacturers and Traders, le vendite di veicoli elettrici a batteria sono aumentate del 186% a 108.000 lo scorso anno, mentre i veicoli elettrici ibridi plug-in sono aumentati del 91%.

A questi ritmi, la domanda di litio potrebbe triplicare entro il 2025 a un milione di tonnellate all’anno, per  raddoppiare nuovamente a due milioni di tonnellate all’anno entro il 2030.

Questo significa che per soddisfare la domanda servirà almeno il quadruplo del litio attualmente estratto.

“Il ritmo di  crescita delle vendite di veicoli elettrici nel Regno Unito corre il rischio di rallentare senza un chiaro percorso a causa della scarsa fornitura di litio e dei metalli associati alle batterie”, ha detto Chris Berry, presidente della società di consulenza strategica sui metalli con sede a Washington DC House Mountain Partner, aggiungendo “i produttori di auto del Regno Unito rischiano di essere lasciati indietro dai loro colleghi cinesi, statunitensi, tedeschi e giapponesi”.

 

 

Back To Top