Advertisement Skip to content
Cina Minerali Critici

La Cina difenderà la sua (forte) posizione nelle catene di approvvigionamento di minerali critici

Secondo alcuni analisti, la presa della Cina sui mercati dei minerali critici è destinata ad aumentare, nonostante gli sforzi degli USA e dell’Ue per diversificare le loro catene di approvvigionamento delle auto elettriche e delle rinnovabili

Mentre la guerra tecnologica tra Cina e Occidente si intensifica e la transizione energetica avanza, la Cina sta incrementando gli investimenti in minerali critici all’estero come parte della sua Belt and Road Initiative (BRI), con l’obiettivo di garantire più materie prime per batterie e pannelli solari. Mentre gli Stati Uniti e l’Unione europea stanno cercando di stringere alleanze per contrastare il dominio della Cina nella catena di approvvigionamento – fondamentale per la transizione energetica – Pechino sta investendo miliardi di dollari nella fornitura e lavorazione di minerali e metalli in Africa, America Latina e Medio Oriente.

Secondo alcuni analisti, la presa cinese sui mercati dei minerali critici è destinata ad aumentare, nonostante gli sforzi degli Stati Uniti e dell’Ue per diversificare le loro catene di approvvigionamento di veicoli elettrici e rinnovabili. Un nuovo rapporto di questa settimana ha mostrato che la Cina è intenzionata a difendere la sua già enorme quota di mercato globale in queste catene di approvvigionamento.

GLI INVESTIMENTI ALL’ESTERO DELLA CINA NEI MINERALI CRITICI

Come parte della BRI, nella prima metà di quest’anno la Cina ha investito più di 10 miliardi di dollari in metalli e attività minerarie, un aumento del 131% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo un rapporto della Fudan University di Shanghai. “Un’importante area di crescita di importanza strategica è l’impegno della Cina nei metalli e nell’estrazione mineraria”, ha scritto Christoph Nedopil, autore del rapporto. L’impegno sotto forma di investimenti e costruzioni come parte della BRI è stato forte nei Paesi dell’Africa e dell’America Latina.

La Cina detiene già quote significative delle fonti minerarie globali, e un controllo ancora maggiore nella lavorazione dei materiali dove, secondo il rapporto – tra litio, nichel, cobalto e grafite -, possiede oltre il 50% della capacità globale. Nella prima metà del 2023, Pechino si è mossa per espandere l’estrazione e la lavorazione di litio e rame attraverso l’acquisizione di Kodal Minerals da parte di Hainan Mining, parte di una miniera di litio in Mali, un accordo per un impianto di lavorazione del rame in Arabia Saudita e la messa in servizio di un impianto di lavorazione del litio nello Zimbabwe.

L’IMPEGNO DELLA CINA ATTRAVERSO LA BELT AND ROAD INITIATIVE

I finanziamenti e gli investimenti BRI complessivi della Cina nella prima metà del 2023 consistevano in 103 accordi per un valore totale di 43,3 miliardi di dollari, rispetto ai circa 35 miliardi di dollari nella prima metà del 2022. Secondo il rapporto, nella prima metà del 2023 a dominare gli investimenti BRI sono state le imprese del settore privato per la seconda volta dopo il 2022, incluse Huayao Cobalt e CATL.

Per il resto di quest’anno, è possibile un ulteriore rimbalzo dell’impegno della BRI cinese, con una forte attenzione ai partenariati con i Paesi BRI nelle energie rinnovabili e nelle tecnologie correlate. Oltre il 2023, secondo i principali risultati del rapporto, la Cina prevede di investire di più in nuove tecnologie, tra cui batterie, energia rinnovabile, data center e accordi sostenuti da risorse nel settore minerario, petrolifero e del gas. “Gli investimenti legati al verde, inclusi i metalli rilevanti per la transizione energetica, hanno visto un impegno cinese molto significativo”, ha detto Nedopil, autore del rapporto e direttore del Green Finance & Development Center.

LA BELT ROAD INITIATIVE

La BRI venne lanciata dieci anni fa come strategia di sviluppo delle infrastrutture in Asia, Africa e America Latina. Dall’inizio dell’iniziativa, l’impegno cumulativo della BRI cinese sotto forma di investimenti e costruzioni ha già superato la soglia di 1 trilione di dollari e alla fine del primo semestre 2023 si è attestato a 1.016 trilioni di dollari. Secondo il rapporto, la Cina nella prima metà di quest’anno ha avuto “l’impegno energetico più verde in qualsiasi periodo di 6 mesi dall’inizio della BRI, nel 2013”.

Nei metalli e minerali, l’impennata degli investimenti – che nella prima metà del 2023 ha superato i 10 miliardi di dollari – ha già superato l’investimento per l’intero anno 2022. Se il gigante asiatico continuerà a firmare accordi di investimento per la fornitura di metalli e minerali ad un ritmo simile per il resto dell’anno, gli investimenti in metalli e miniere come parte della BRI probabilmente nel 2023 supereranno il precedente record annuale di 17 miliardi di dollari stabilito nel 2018.

IL DOMINIO DELLA CINA NELLA FORNITURA DEI MINERALI CRITICI

Mentre gli investimenti globali nei minerali stanno aumentando vertiginosamente, la Cina continua a dominare l’approvvigionamento e le catene di approvvigionamento, il che rappresenta una sfida per la transizione energetica. La banca UBS prevede che, entro il 2025, la Cina finirà per controllare quasi un terzo della fornitura globale di litio.

Secondo UBS, le miniere controllate da Pechino, non solo in Cina ma anche in Africa, vedranno la loro produzione totale di litio aumentare di oltre tre volte in 3 anni, dalle 194.000 tonnellate del 2022 a 705.000 tonnellate entro il 2025. Questo aumento dell’offerta aumenterà la quota cinese della fornitura globale di litio dal 24% del 2022 al 32% nel 2025.

Un rapporto di Darton Commodities prevede che nei prossimi due anni la quota di cobalto della Cina raggiungerà il 50% della produzione globale di cobalto. Il gruppo cinese CMOC è attualmente il secondo più grande produttore di cobalto nella Repubblica Democratica del Congo, il Paese che ora fornisce il 75% dell’offerta globale.

INVESTIMENTI GLOBALI IN MINERALI CRITICI E LA POSIZIONE DELL’AIE

L’Agenzia Internazionale dell’energia è diventata più ottimista sulla capacità del settore di soddisfare l’aumento previsto della domanda. Gli investimenti globali in minerali critici sono aumentati del 30% lo scorso anno, dopo un balzo del 20% nel 2021. La dimensione del mercato dei minerali chiave per la transizione energetica è raddoppiata negli ultimi 5 anni, raggiungendo i 320 miliardi di dollari nel 2022, spinta dall’aumento della domanda e dai prezzi elevati.

L’agenzia ha però avvertito che una limitata diversificazione dell’offerta potrebbe rappresentare una sfida per l’industria. La Cina, la Repubblica Democratica del Congo e l’Indonesia continuano a dominare gran parte dell’approvvigionamento di materie prime critiche, mentre la Cina è un attore dominante nelle operazioni di raffinazione, ha concluso l’AIE.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su