skip to Main Content

La digitalizzazione? È l’unico modo per far sopravvivere le compagnie petrolifere

Navi

La pandemia ha già costretto la maggior parte delle compagnie petrolifere ad accelerare la riconversione tecnologica

Il passaggio al digitale è da tempo all’ordine del giorno delle compagnie petrolifere. Anche se, a dire il vero, le grandi aziende si sono prese tutto il tempo per testare le novità prima di adottarle appieno. Ma ora sembra che il vento stia cambiando e che le compagnie abbiano messo il piede sull’acceleratore.

AGENDE CAMBIATE PER IL CORONAVIRUS

Le agende di investimento delle compagnie energetiche sono solo un’altra delle cose che il coronavirus ha cambiato radicalmente. L’esplorazione è passata in secondo piano per la maggior parte di esse. Ora si tratta solo di sopravvivenza. E cose come l’analisi dei dati, il monitoraggio remoto e il cloud computing possono garantire questa sopravvivenza perché riducono i costi senza influire negativamente sull’efficienza operativa. E anzi, semmai, possono aiutarla.

LA PANDEMIA HA ACCELERATO IL RICORSO AL DIGITALE

“La pandemia di Covid-19 ha accelerato i tempi di adozione di alcune tecnologie digitali da cinque anni a tre mesi – ha afferma Andy Brogan, leader della EY Global Oil & Gas Consulting, Andy Brogan secondo quanto riporta Oilprice -. I risparmi sui costi che il digitale può offrire sono fondamentali per la sopravvivenza nell’odierno ambiente a basso prezzo, in quanto le compagnie petrolifere e del gas cercano di ottenere una maggiore efficienza operativa e di aumentare la produttività lungo la catena del valore”.

LO STUDIO EY

E di questo sembra che il settore ne sia ben consapevole. Secondo un nuovo studio di EY intitolato “Oil & Gas Digital Transformation and the Workforce Survey 2020”, la maggior parte dei dirigenti del settore ritiene che l’investimento nella tecnologia digitale sia diventato urgente e sta pianificando di fare di più.

La pandemia ha già costretto la maggior parte delle aziende di settore ad adottare alcune forme di tecnologia digitale. Le operazioni a distanza, ad esempio, sono diventate molto popolari durante i blocchi determinati dal coronavirus. Due dei principali fornitori di servizi petroliferi, Baker Hughes e Schlumberger, hanno riferito che la maggior parte della loro attività di perforazione è stata supportata dal lavoro a distanza durante il secondo trimestre dell’anno. E ora che le compagnie petrolifere ne hanno avuto un assaggio, potrebbero rendere questa opzione permanente, dopo averne apprezzato i risparmi sui costi.

Ma non si tratta solo di lavoro a distanza. L’analisi dei dati svolge un ruolo enorme nella trasformazione digitale dell’industria petrolifera, come in qualsiasi altro settore. Circa l’85% delle compagnie petrolifere che hanno partecipato al sondaggio di EY ha dichiarato di utilizzare già l’analisi avanzata. L’intuizione derivata dall’uso dell’analisi dei dati è stata vista come una delle tre principali tendenze digitali in grado di avere un impatto positivo sul settore da parte del 43 per cento degli intervistati di EY.

Tuttavia, non è sufficiente la disponibilità a investire maggiormente nella tecnologia digitale per dare una svolta al business in tempi come questi. La trasformazione digitale del settore petrolifero sembra destinata a diventare un’impennata.

SERVONO PIU’ DATI DI QUALITA’

“Più usiamo i dati e più vediamo potenziali problemi con i dati, sia nel modo in cui vengono raccolti sia nel modo in cui vengono utilizzati. Per questo ci si sta davvero spingendo verso la necessità di avere più dati di maggiore qualità, ma anche di avere persone in grado di usarli correttamente e interpretarli”, ha detto un insider del settore a EY durante l’indagine. In effetti, un cambiamento di questa portata richiederebbe un massiccio coordinamento intradipartimentale, una maggiore agilità e, cosa forse più importante, la ricerca e la formazione dei talenti giusti per la nuova industria petrolifera che si affida a una vasta portata di nuove tecnologie, dalle applicazioni mobili e dal cloud computing all’automazione dei processi e alla realtà aumentata.

La tendenza alla sostituzione della forza lavoro è già iniziata. Ancor prima che il coronavirus si diffondesse nel settore, alcune aziende stavano già iniziando ad assumere più talenti tecnologici, avendo capito che sarà un componente essenziale in un futuro caratterizzato da una maggiore automazione e dall’analisi dei dati. E ora, con l’improvvisa aggiunta dell’urgenza della digitalizzazione, le compagnie petrolifere si trovano ad affrontare un nuovo tipo di carenza di talenti: una carenza di dipendenti con le giuste competenze per l’era post-pandemica.

“La sfida per il petrolio e il gas è immediata – ha affermato Tim Haskell, EY US Oil & Gas People Advisory Services Leader -. Non è sufficiente che le aziende si limitino a spendere di più in tecnologia. Sono necessari investimenti nella forza lavoro per scalare e integrare le tecnologie e, in ultima analisi, catturare il valore voluto. Le aziende devono trovare un equilibrio negli investimenti, affrontando al tempo stesso le pressioni del mercato. Altrimenti l’industria perderà anni cruciali e potenzialmente una generazione di lavoratori”.

L’ENNESIMA SFIDA DEL SETTORE

Sembra l’ennesima sfida che si aggiunge a tante altre già ammassate sui dirigenti del settore petrolifero, ma c’è una buona notizia: i dipendenti esistenti possono essere riqualificati per il nuovo panorama lavorativo. Questo richiederà ovviamente tempo e risorse, che attualmente sono limitate, ma dovrebbe ripagare nel lungo termine. Il fatto che la stragrande maggioranza degli intervistati del sondaggio EY abbia identificato la riqualificazione della forza lavoro come cruciale per il loro successo nei prossimi tre anni è abbastanza significativo. Il fatto che, secondo EY, circa il 60% dei dipendenti dovrà essere riqualificato o riqualificato, significa che il compito non sarà facile.

La digitalizzazione dell’industria del petrolio e del gas sembra essere inevitabile in questa fase. Le aziende che devono affrontare un orizzonte temporale improvvisamente molto più breve a causa dell’incertezza dovuta alla pandemia possono risparmiare miliardi di dollari automatizzando e utilizzando i dati in un momento in cui i soldi sono pochi. Inoltre, la riqualificazione che questo cambiamento comporterebbe può essere in grado di ridurre la perdita di posti di lavoro che altrimenti sarebbe stata inevitabile. Questa crisi insomma sta davvero aiutando le compagnie petrolifere e del gas ad evolversi in versioni più snelle e più digitali di quanto non siano adesso.

Back To Top