skip to Main Content

La Libia stretta tra la guerra tra fazioni e i risvolti sul petrolio

Libia

Il Paese nordafricano, membro dell’OPEC+, sta perdendo tra i 70 e gli 80 milioni di dollari al giorno di entrate petrolifere

La Libia sta producendo solo circa 100.000-150.000 barili al giorno di petrolio greggio poiché quasi tutti i suoi giacimenti vengono chiusi durante l’ultima serie di combattimenti tra fazioni politiche nel Paese dilaniato dalla guerra.

Il ministro del petrolio, Mohammed Aoun, a inizio settimana ha dichiarato che la produzione di petrolio del Paese è diminuita di 1,1 milioni di barili al giorno, da 1,2 milioni di barili al giorno all’inizio di quest’anno. Oggi un portavoce del ministero ha confermato la cifra, nel senso che la Libia sta producendo circa un decimo di quanto produceva all’inizio dell’anno.

LA GUERRA TRA LE FAZIONI DELLA LIBIA

Il conflitto al momento è sulla’agenda del primo ministro libico. L’ultimo voto è stato a favore di un candidato sostenuto dal parlamento orientale, Fathi Bashaga. Tuttavia, il premier ad interim, Abdul Hamid Dbeibah, ha rifiutato di cedere il seggio. Ne sono seguiti combattimenti tra fazioni rivali, sotto forma di blocchi dei terminal per le esportazioni di petrolio e chiusure dei giacimenti.

Di conseguenza, la Libia sta perdendo tra i 70 e gli 80 milioni di dollari al giorno di entrate petrolifere, secondo il portavoce del ministero del petrolio. L’ultima interruzione al membro probabilmente più problematico dell’OPEC arriva in un momento in cui la produzione è estesa a tutto il cartello, mentre la domanda continua a crescere.

LA PRODUZIONE PETROLIFERA DELL’OPEC+

Proprio questa settimana l’OPEC ha riferito che la sua produzione combinata a maggio era diminuita, anziché aumentata per raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo OPEC+ del 2021. Questi obiettivi sono stati appena sollevati durante l’ultima riunione dell’OPEC+, in risposta agli appelli dei grandi importatori di petrolio occidentali affinché l’organizzazione faccia qualcosa per l’impennata dei prezzi del carburante. Sulla base dei dati di maggio, tuttavia, le possibilità che l’OPEC+ mantenga la  sua promessa di effettuare un maggiore aumento della produzione iniziano a sembrare esigue.

Con la situazione libica che difficilmente si risolverà presto, i prezzi del petrolio stanno ricevendo un supporto aggiuntivo dai barili libici persi. Il greggio Brent viene già scambiato oltre i 120 dollari e ora, a causa degli eventi in Libia, potrebbe rimanere a questi livelli più a lungo del previsto. D’altra parte, la Libia ha dimostrato di poter riavviare la produzione in tempi relativamente brevi, il che significherebbe un rapido ritorno dei barili, una volta risolto il conflitto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore