Advertisement vai al contenuto principale
Namibia

La Namibia sarà una nuova stella nella frontiera del petrolio?

Le risorse combinate scoperte da Shell, Total e Namibia sono state stimate in 11 miliardi di barili di petrolio

La fama del petrolio della Namibia è chiamata Orange Basin, un bacino di acque profonde dove negli ultimi due anni sono state fatte numerose scoperte significative. Secondo quanto scritto di recente dall’Africa Oil and Gas Report, il pozzo Graff-1X della Shell, ad esempio, ha riserve che Wood Mackenzie ha stimato in 800 milioni di barili. Nel frattempo, TotalEnergies lo scorso luglio ha colpito un giacimento che potrebbe contenere – secondo le stime di Barclays – fino a 3 miliardi di barili di petrolio. Il governo della Namibia si sta già preparando al boom petrolifero?

LA NAMIBIA SI PREPARA AL BOOM PETROLIFERO

Le risorse combinate scoperte da Shell, Total e Namibia – secondo quanto riportato di recente da Upstream – sono state stimate in 11 miliardi di barili di petrolio.

Ma le supermajor non sono le uniche a cercare petrolio e gas in Namibia, che si trova tra l’Angola, uno dei maggiori produttori storici di petrolio del continente, e il Sud Africa. All’inizio di questa settimana, un’altra società, la Global Petroleum, ha ricevuto l’approvazione dal governo per estendere le sue attività di esplorazione offshore. L’estensione dipendeva dai risultati dei precedenti lavori di esplorazione, il che significa che dovevano essere piuttosto promettenti.

I PIANI DEL GOVERNO

All’inizio del mese di agosto Bloomberg ha riferito che il governo stava preparando un’espansione da 2,1 miliardi di dollari di un porto locale per trasformarlo in un terminal per l’esportazione del petrolio. I soldi arriverebbero da investitori privati. Secondo l’amministratore delegato dell’Autorità Portuale della Namibia, Andrew Kanime, la ristrutturazione del porto potrebbe iniziare alla fine del 2024 e non richiederà più di tre anni.

Il primo petrolio in Namibia potrebbe arrivare nel 2029, secondo la compagnia petrolifera statale namibiana Namcor, che è partner di minoranza nelle iniziative locali di Shell e TotalEnergies. Entro il 2035, il paese potrebbe essere tra i 15 maggiori produttori di petrolio del mondo, ha affermato questo mese il primo ministro Saara Kuungongelwa-Amadhila alla Conferenza sul petrolio e il gas della Namibia.

L’OPPOSIZIONE POLITICA E DEI FINANZIATORI

Con la scarsità di risorse di petrolio e gas non sfruttate nelle giurisdizioni che non sono soggette a sanzioni – secondo quanto riporta Bloomber – le supermajor hanno un bacino più piccolo di nuove opportunità di esplorazione. L’Africa fa parte di questo pool nonostante la spinta della lobby della transizione contro l’esplorazione di petrolio e gas nel paese con le minori emissioni di anidride carbonica al mondo. Istituzioni finanziarie come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale hanno lasciato intendere che ritirerebbero i finanziamenti ai paesi africani se approvassero le attività di esplorazione di idrocarburi e i membri del G7 hanno anche messo in guardia contro le scommesse su petrolio e gas, ma con poche eccezioni perché più della metà il G7 si trova in Europa, dove il petrolio e il gas sono attualmente più scarsi.

La Namibia, quindi, ha tutte le possibilità per realizzare il suo sogno petrolifero. Le riserve di 11 miliardi di barili di petrolio e gas rappresentano una quantità impressionante e potenzialmente vitale per l’economia mondiale. Perché ormai da anni l’industria petrolifera globale sottoinveste nell’offerta futura, suscitando avvertimenti che ciò ha messo a repentaglio l’offerta futura. È proprio a causa di questo pericolo che scoperte come quelle fatte da Shell e TotalEnergies in Namibia attireranno probabilmente molta attenzione nei prossimi anni. Soprattutto da quando le vaste risorse della Siberia orientale, precedentemente sulla punta delle dita delle supermajor, sono ora state bloccate dietro un muro di sanzioni.

Nonostante tutta l’opposizione politica e dei finanziatori alla nuova produzione di petrolio e gas – scrive Bloomberg – resta il fatto che anche i leader politici verdi e i dirigenti bancari hanno bisogno di petrolio e gas sotto forma di derivati, su base giornaliera. E per ottenerli, il mondo ha bisogno di più scoperte di petrolio e gas come quelle che Shell e TotalEnergies hanno fatto in Namibia negli ultimi due anni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su