Scenari

La Russia vuole aumentare la produzione di petrolio?

Nord Stream Russia

In attesa di quello che verrà deciso il 25 e 26 giugno, la Russia esprime la sua volontà di aumentare la produzione di petrolio

La Russia potrebbe aumentare la produzione di petrolio: il potenziale c’è e (forse) anche la volontà. Questo, almeno, è quanto si riesce a captare dalle parole del ministro russo dell’energia Alexander Novak.

“Nel periodo estivo, a mio parere, le scorte dovrebbero diminuire e il mercato potrebbe andare in deficit, il che richiede un’offerta aggiuntiva. Pertanto, la Russia in questo caso ha la capacità per i consumatori di aumentare l’offerta, se necessario, e stiamo considerando questa opzione”, avrebbe detto Novak in un’intervista con l’emittente Rossiya 24.

Secondo il rapporto mensile dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) pubblicato mercoledì, la Russia ha prodotto in media 11,56 milioni di barili di petrolio al giorno in aprile.

Intanto, il mercato è in attesa di quello che verrà deciso dall’Opec + nella riunione decisa il 25 e 26 giugno a Vienna. . In quella data, il cartello dovrà prendere una decisione sull’obiettivo di produzione di petrolio per la seconda metà del 2019.

Ad oggi all’interno dell’organizzazione dei paesi produttori regna una grande incertezza e la pressione concorrenziale creata dallo shale oil statunitense, non danno certezza che i tagli proseguiranno anche nella seconda metà dell’anno.