skip to Main Content

La società di private equity Carlyle Group dice di essere un leader climatico, ma nel frattempo aumenta le emissioni

Carlyle Group

Secondo Private Equity Climate Risks, il portafoglio di società di combustibili fossili di Carlyle, dal 2011 al 2021, ha emesso circa 277 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente

Carlyle Group – una delle principali società di private equity del mondo – afferma di essere un leader del clima. Ciononostante, una nuova ricerca ha mostrato che, negli ultimi dieci anni, ha quasi raddoppiato le sue emissioni medie annue di gas serra derivanti dagli investimenti in combustibili fossili.

Secondo un’indagine sul portafoglio energetico dell’azienda, infatti, il portafoglio di società di combustibili fossili di Carlyle, dal 2011 al 2021, ha emesso circa 277 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente (CO2e), una misura che include metano e altri potenti gas di riscaldamento globale.

La ricerca calcola che l’impronta di gas serra su 10 anni della multinazionale sia più o meno equivalente alla “bomba di carbonio” che il progetto di perforazione artica Willow dell’Alaska emetterà nel corso dei suoi decenni di attività, e richiederà circa 4,6 miliardi di nuovi alberi in un decennio per rimuovere quella mole di CO2 dall’atmosfera.

La nuova ricerca, del progetto Private Equity Climate Risks, ha calcolato l’impronta di gas serra di Carlyle utilizzando uno strumento progettato dall’industria e sviluppato dall’Initiative Climat International (ICI) per documentare le emissioni dirette e indirette da parte delle società di private equity.

Secondo il rapporto, il portafoglio di investimenti di Carlyle contribuisce in modo sostanziale alla crisi climatica globale e infligge danni ambientali più comunemente in aree con grandi proporzioni di famiglie a basso reddito e le comunità black and brown.

“Nonostante le sue dichiarazioni pubbliche contrarie, Carlyle è una forza trainante del cambiamento climatico attraverso il suo sostanziale finanziamento dei settori che emettono gas serra”, ha affermato Oscar Valdés Viera, coautore e responsabile della ricerca del fondo educativo Americans for Financial Reform. “Senza una supervisione normativa significativa, le società di private equity come Carlyle continueranno a farla franca, mettendo in pericolo le comunità a basso reddito e le comunità black and brown, che sono maggiormente a rischio di inquinamento e danni ambientali”.

LA REPLICA DI CARLYLE

Carlyle Group ha contestato con veemenza i risultati e la metodologia, sostenendo che sta lavorando per decarbonizzare le aziende energetiche “convenzionali” e che i suoi ultimi investimenti nelle energie rinnovabili stanno superando i combustibili fossili.

Il private equity è una forma opaca di finanziamento privato, lontana dai mercati pubblici e regolamentati, in cui fondi e investitori gestiscono denaro per individui facoltosi e investitori istituzionali, come i fondi universitari e i fondi pensione dei dipendenti statali.

Negli ultimi anni, le società di private equity sono diventate i principali inquinatori di gas serra, spesso acquisendo rischiosi progetti di petrolio, gas e carbone con un minimo controllo pubblico o supervisione normativa, il che rende estremamente difficile la verifica delle società e degli asset in portafoglio.

I BUSINESS DELLA SOCIETÀ

Con sede a Washington ed oltre 2.100 dipendenti in 29 uffici in tutto il mondo, Carlyle è uno dei pionieri del private equity e, alla fine del 2022, aveva un patrimonio gestito di 373 miliardi di dollari. Carlyle è quotata alla borsa Nasdaq, quindi è vincolata da più requisiti di rendicontazione rispetto alla stragrande maggioranza delle società di private equity.

La società ha iniziato ad investire nelle energie rinnovabili nel 2019, e lo scorso anno è diventata la prima grande società di private equity ad impegnarsi sulle zero emissioni nette entro il 2050 (per parte del suo portafoglio). L’azienda ha promosso le sue credenziali climatiche affermando di “promuovere un cambiamento positivo”, con “attività fondate sull’ottenere delle reali riduzioni delle emissioni”.

Tuttavia, secondo il rapporto The Carlyle Group’s Hidden Climate Impact, a fine 2022 i combustibili fossili rappresentavano il 94% del portafoglio energetico dell’azienda, incluse le operazioni di petrolio e gas con sede in Texas, Massachusetts, Romania e Svizzera.

Secondo le stime dei ricercatori, per ogni dollaro investito in fonti di energia rinnovabile – come il solare e l’eolico – Carlyle investe 16 dollari in operazioni sui combustibili fossili come oleodotti, pozzi petroliferi e di fracking e centrali elettriche.

GLI INVESTIMENTI NELL’ENERGIA

Carlyle è attualmente tra i maggiori proprietari di capacità elettrica a gas negli Stati Uniti, e quasi la metà (47%) delle sue centrali elettriche ha un record di violazioni ambientali sotto la sua proprietà, incluse le strutture con ripetute violazioni del Clean Water Act e del Clean Air Act.

“Nonostante nel 2022 abbiano ricevuto metà del loro utile netto da NGP, non includono le emissioni associate nei loro dati. Carlyle non può beneficiare dei vantaggi finanziari dei flussi di entrate dei combustibili fossili di NGP senza essere anche responsabile degli impatti ambientali “, ha affermato Amanda Mendoza, coautrice e ricercatrice sul clima del Private Equity Stakeholder Project. “Il nostro rapporto graffia solo la superficie dei suoi impatti sui combustibili fossili”.

L’industria è stata a lungo accusata di pratiche predatorie, di caricare le società in portafoglio con commissioni e debiti onerosi e misure estreme di riduzione dei costi, che servono ad aumentare rapidamente i profitti a breve termine per gli investitori di Wall Street, a scapito di miglioramenti del capitale, manutenzione, salvaguardie ambientali e stabilità a lungo termine.

GLI INCIDENTI E LE VIOLAZIONI DELLA LEGGE

Solo per citare un esempio, nel giugno 2019, nella raffineria Energy Solutions di Filadelfia, un tubo corroso ha innescato un incendio e una serie di esplosioni che hanno ferito cinque lavoratori. Secondo l’agenzia Reuters, pochi mesi prima dell’incidente – che ha inviato 5.000 libbre di sostanze chimiche tossiche nell’aria del quartiere nero a sud di Filadelfia – la raffineria aveva ridimensionato un importante progetto di manutenzione a causa della mancanza di denaro.

I tagli alla manutenzione sono arrivati quando Carlyle e un gruppo di altre società di private equity hanno prelevato dalla raffineria 594 milioni di dollari di dividendi e commissioni dal 2012 al 2018, aggravando i suoi problemi finanziari. La raffineria alla fine fallì, lasciando 1.000 lavoratori senza lavoro o indennità di licenziamento.

Le autorità di regolamentazione sotto l’amministrazione Biden hanno lavorato per inasprire le normative relative alla struttura delle commissioni del settore, ai requisiti di segnalazione e al dominio sulle industrie. L’industria però si è difesa attraverso un esercito di lobbisti a Washington, la maggior parte dei quali in precedenza aveva incarichi governativi, secondo l’analisi dell’organismo di vigilanza sulla finanza politica Open Secrets.

Carlyle è uno dei maggiori investitori del settore a Capitol Hill, investendo poco più di 7 milioni di dollari in attività di lobbying negli ultimi due anni, principalmente per i democratici. All’inizio di questo mese, i membri repubblicani del Congresso hanno lanciato tre nuovi progetti di legge che allenteranno i regolamenti esistenti.

“Potrebbero definirsi una società di private equity, ma è chiaro che Carlyle Group è diventato un importante produttore di combustibili fossili”, ha affermato Alec Connon, co-direttore di Stop the Money Pipeline, una rete di oltre 240 organizzazioni che spingono il settore finanziario ad allinearsi agli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi. “Se vogliamo affrontare la crisi climatica, dobbiamo affrontare il problema del private equity”, ha concluso Connon.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Back To Top