Energie del futuro

Ecco come le aziende presenti a Tamar e Leviathan intendono fornire gas all’Egitto

Le aziende stanno valutando diverse opzioni per adempiere al contratto con  la società egiziana Dolphinus Holdings

Le società partner nello sfruttamento dei giacimenti di Tamar e Leviathan, tra cui Delek Drilling LP e Noble Energy stanno discutendo con East Mediterranean Gas (EMG) per acquistare i diritti d’uso del gasdotto che collega Israele ed Egitto attraverso il Sinai. Lo anticipa il sito israeliano Globes sottolineando che i partner vogliono utilizzare il collegamento per trasportare gas fino al paese nordafricano nell’ambito dell’accordo da 15 miliardi di dollari firmato due settimane fa con la società egiziana Dolphinus Holdings.

gasdottoAl momento della firma dell’intesa sulle forniture, le aziende dichiararono di aver già pianificato di avviare colloqui per l’acquisto dei diritti d’uso del gasdotto EMG. I partner dei giacimenti israeliano al momento hanno solo altre due opzioni per il trasporto del gas fino in Egitto: attraverso la Giordania o costruendo un nuovo gasdotto da Kerem Shalom vicino al confine egiziano. In ogni caso le aziende produttrici hanno annunciato che “tutte le condizioni contingenti per l’accordo con la Giordania” sono state soddisfatte e che continua la costruzione di un gasdotto con una capacità di 10 miliardi di metri cubi, che potrebbe collegarsi a un gasdotto panarabo e trasportare gas da Tamar e Leviathan anche in Egitto. In altre parole, i partner Tamar e Leviathan stanno avanzando con due delle tre opzioni per il trasporto del gas verso il paese nordafricano.