Territori

Le bollette delle imprese italiane? Le più care di tutta Europa.

bolletta

A dare l’ennesima conferma dei costi degli alti  costi delle bollette energetiche per le piccole imprese è il centro studi Cna che ha pubblicato l’Osservatorio Energia 2017

Micro e piccole imprese sono quelle che soffrono di più, anche in tema di bollette. Secondo l’Osservatorio energia 2017 del centro studi della Cna, infatti, la bolletta delle piccole imprese italiane costa quasi il 50% in più rispetto all’Europa. Il prezzo pagato dalle grandi, invece è superiore di quasi 36 punti percentuali alla media continentale.
Questo svantaggio nasce anche da come è strutturata la bolletta: le micro e piccole imprese sopportano infatti un prelievo fiscale e parafiscale che è tra i più alti d’Europa, del tutto indifferente alle logiche del mercato, mentre la componente energia non supera il 45% del prezzo finale.

bolletta

Nel 2016 le piccole imprese italiane hanno sopportato oltre un terzo (il 35,2%) degli oneri generali complessivi del sistema (in assoluto 5,6 miliardi) a fronte di un consumo pari al 25,9% del totale. Viceversa, le imprese medio-grandi hanno sostenuto il 34,1% degli oneri complessivi con un consumo del 35,6% del totale. E le imprese energivore hanno acquistato il 14% dell’energia consumata contribuendo, però, solo al 7,4% degli oneri complessivi”.

Per Daniele Vaccarino, presidente della Cna, lo svantaggio delle piccole aziende non è solo nei confronti dell’Europa ma anche “rispetto alle imprese più strutturate e con maggiori consumi”.

Per Vaccarino c’è bisogno di intervenire al più presto “Bisogna operare una riforma degli oneri generali di sistema, che dovrebbe già essere contenuta nella prossima Legge di bilancio, affiancando la riforma in fase di definizione dell’Autorità per l’energia”. 

Secondo lo studio inoltre la situazione è estremamente critica, soprattutto per i consumatori visto che la componente energia è quella su cui si esercita la concorrenza. L’Italia inoltre utilizza la bolletta anche per finanziare politiche non inerenti al consumo energetico.