Advertisement Skip to content
Emissioni

Le emissioni di combustibili fossili dovrebbero raggiungere il picco nel 2025

I dati mostrano un picco di 39 Gtpa nel 2025, ma tale linea temporale potrebbe spostarsi già nel prossimo anno, se le prospettive macroeconomiche a breve termine accelereranno la transizione energetica

Il punto di svolta per le emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili è vicino, con le emissioni che sono sulla buona strada per raggiungere il picco entro il 2025. Ad affermarlo sono una ricerca e analisi di Rystad Energy.

Nell’attuale percorso globale di politiche annunciate, progetti, tendenze del settore e progressi tecnologici attesi, le emissioni globali di CO2 nel 2025 dovrebbero raggiungere circa 39 gigatonnellate all’anno (Gtpa), prima di stabilizzarsi in un costante declino annuale, mentre le industrie ripuliscono la loro impronta di carbonio.

Lo scorso anno le emissioni di carbonio hanno raggiunto un livello record, quando i Paesi si sono affrettati a garantire carburante affidabile e conveniente per la produzione di energia, sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina. Di conseguenza, molti si sono rivolti a combustibili a più alta intensità di carbonio come soluzione a breve termine alle loro crisi di sicurezza energetica, rivitalizzando le centrali a carbone fuori servizio e dando la priorità al gas rispetto ad alternative più pulite. Mentre questi combustibili avranno ancora un ruolo da svolgere nell’economia globale per i decenni a venire, la spinta più ampia verso un futuro più pulito non mostra segni di rallentamento.

Le emissioni dirette di CO2 – l’anidride carbonica originata dalla combustione di combustibili fossili negli impianti di tutto il mondo – dalla produzione di energia elettrica e di calore quest’anno raggiungeranno il picco. Il calo inizialmente sarà minimo, prima di prendere slancio nei prossimi anni, diventando un fattore significativo alla base della diminuzione delle emissioni totali di CO2 di tutti i settori entro il 2025.

“Il picco delle emissioni di CO2 da combustibili fossili entro i prossimi due anni è un risultato globale eccezionale, se si considerano gli attuali blocchi della catena di approvvigionamento e l’elevata attenzione alla sicurezza energetica. Se l’industria riuscirà a mantenere questo slancio, il riscaldamento globale inferiore a 2 gradi Celsius è a portata di mano”, ha affermato Artem Abramov, responsabile ricerca sulle tecnologie pulite di Rystad Energy.

Le emissioni di CO2 fossile nel 2022 hanno raggiunto il massimo storico di circa 38,3 Gtpa, sollevando dubbi e interrogativi sulla capacità del mondo di raggiungere obiettivi climatici ambiziosi per limitare il riscaldamento tra 1,5 e 2,0 gradi. Tuttavia, la modellazione Rystad completa delle emissioni indica un imminente punto di svolta. I dati mostrano un picco di 39 Gtpa nel 2025, ma tale linea temporale potrebbe spostarsi già nel prossimo anno, se le prospettive macroeconomiche a breve termine accelereranno la transizione energetica.

IL RUOLO DI ELETTRICITÀ E RISCALDAMENTO

Lo scorso anno si è rivelato impegnativo per gli obiettivi climatici globali: da un lato, è stata aggiunta una quantità record di nuova capacità solare ed eolica su larga scala – circa 300 GW a livello globale – innescando un notevole aumento dell’elettricità generata da fonti rinnovabili, una tendenza che probabilmente aumenterà ancora quest’anno.

Tuttavia, queste nuove installazioni sono state più deboli del previsto, grazie alle interruzioni della catena di approvvigionamento a basse emissioni di carbonio e alla pressione inflazionistica. Inoltre, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha sostanzialmente interrotto i flussi energetici, provocando una diffusa carenza di gas naturale, in particolare in Europa, facilitando l’aumento dell’uso del carbone per la produzione di energia. Di conseguenza, le emissioni dirette di CO2 fossile dai settori dell’energia elettrica e del calore hanno raggiunto livelli record di circa 14,4 Gtpa.

Nel 2022 le emissioni industriali globali (processo e uso diretto di combustibili fossili per scopi di generazione di energia negli impianti industriali) sono rimaste invariate a circa 9,95 Gtpa, poiché la ripresa post-Covid in Cina è stata compensata da un visibile calo dell’intensità di carbonio industriale cinese.

Le emissioni dei trasporti sono aumentate di 0,2 Gtpa e hanno raggiunto i 7,8 Gtpa, al di sotto dei picchi pre-Covid di 8,2 Gtpa, a causa della continua debolezza del settore dell’aviazione, innescata dalla pandemia e dall’accelerazione della penetrazione delle auto elettriche. L’adozione dei veicoli elettrici si sta avvicinando ai livelli necessari per compensare la crescita annuale globale delle dimensioni del parco auto attivo.

Nonostante queste battute d’arresto, si prevede che il settore dell’energia elettrica e del riscaldamento guiderà l’imminente declino della CO2 fossile dalla metà del decennio in poi. Per il 2023 si prevede che l’aggiunta di capacità di generazione rinnovabile supererà l’aumento della domanda di elettricità. Dal 2025, le aggiunte annuali di generazione rinnovabile inizieranno ad influenzare materialmente la produzione totale di combustibili fossili.

Questa tendenza accompagnerà anche il passaggio continuo dal carbone al gas (la tendenza persistente stabilita diversi decenni fa, al netto di occasionali interruzioni di breve periodo). I trasporti e le emissioni industriali raggiungeranno il picco entro questo decennio, ma si prevede che, nella seconda metà degli Anni 20, si uniranno anche alla tendenza alla decarbonizzazione. Allo stesso tempo, anche la prima generazione di iniziative commerciali di cattura del carbonio su larga scala inizierà a svolgere ruoli non trascurabili, trainata inizialmente da progetti in Europa e Nord America.

EUROPA, USA E CINA OK, L’INDIA PECORA NERA

Il quadro della decarbonizzazione varia da regione a regione e si prevede che i principali contributori delle emissioni giocheranno ruoli divergenti nei prossimi anni. Ad esempio, l’Europa, gli Stati Uniti e la Cina sono sulla buona strada per ridurre le emissioni di CO2 fossile rispettivamente del 24%, 18% e 10% entro il 2030.

L’Europa e gli Stati Uniti sono sulla buona strada per decarbonizzare strutturalmente le loro economie, sfruttando tecnologie pulite recentemente implementate e politiche a basse emissioni di carbonio dal 2025 in poi.

Il settore dei trasporti cinese si sta elettrizzando ad una velocità elevata, le installazioni rinnovabili nazionali sono forti, così come la catena di approvvigionamento a basse emissioni di carbonio, e nei prossimi 5-10 anni dovremmo vedere un’accelerazione della decarbonizzazione industriale nei settori ad alta intensità energetica. Di conseguenza, Rystad prevede che le emissioni cinesi di CO2 fossile nel 2023 si stabilizzeranno a circa 12,5 Gtpa, prima di diminuire dal 2026 al 2028.

All’estremo opposto dello spettro, l’India dovrebbe continuare il suo slancio di espansione delle emissioni di CO2, man mano che la sua economia si espande e la popolazione cresce. La previsione è che tra il 2022 e il 2030 le emissioni indiane di CO2 aumenteranno del 36%, superando l’Europa nel 2025 e gli Stati Uniti all’inizio degli Anni 30. La crescita delle emissioni dovrebbe rallentare negli Anni 30 del 2000, man mano che la produzione di energia elettrica senza carbone aumenterà per soddisfare la crescita incrementale della domanda di elettricità.

Altrove, si prevede che le emissioni industriali aumenteranno di circa il 20% entro il 2030, trainate principalmente da altri Paesi asiatici (esclusa la Cina), che dovrebbero rappresentare la metà dell’aumento della crescita totale delle emissioni di combustibili fossili.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su