Energie del futuro

L’elettrodotto Italia-Tunisia si farà

La Tunisia potrà importare energia dall’Italia, per far fronte all’aumento della domanda


L’accordo c’è, l’elettrotto Italia-Tunisia si farà. Nell’ambito del primo vertice intergovernativo fra Italia e Tunisia, il ministro dello Sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali, nonché vicepresidente del Consiglio dei ministri, Luigi Di Maio, e il ministro tunisino dell’Industria e delle Piccole e medie imprese, Slim Feriani, hanno firmato un accordo di sostegno all’infrastrutture elettrica per rafforzare gli scambi di energia tra Europa e Nord Africa, nell’ambito del progetto “ElMed”.

UN PONTE ELETTRICO

L’elettrodotto, un “ponte elettrico Sicilia-Tunisia”, dovrebbe essere realizzato da Terna. L’infrastruttura servirà alla Tunisia per importare energia dall’Italia, per far fronte all’aumento crescente dei consumi interni.

UN ACCORDO IMPORTANTE

“Stiamo firmando un accordo molto importante sull’interconnessione elettrica tra Tunisia e Italia e ci sarà anche un cavo sulla banda larga”, ha detto al riguardo il vicepremier Di Maio in un punto stampa con i giornalisti. “Qui le nostre aziende potranno fare investimenti sulle energie rinnovabili e potranno fornire energia all’Italia. Nello stesso tempo potremmo decidere di fare investimenti congiunti nelle rinnovabili qui, che sono più produttive”.