Scenari

Libia, stop a export petrolio. Noc punta il dito contro gli Emirati

Libia

Il Noc ha individuato gli Emirati Arabi Uniti come i responsabili dell’inversione di rotta da parte dell’LNA

La National Oil Corp. Libica (Noc) ha dichiarato la forza maggiore su tutte le esportazioni di greggio ieri, domenica 12 luglio, un giorno dopo che l’esercito nazionale libico ha ripristinato il blocco petrolifero, di fatto, in una situazione di guerra civile nel paese.

SABATO L’ANNUNCIO DEL NUOVO BLOCCO PETROLIFERO

Il petrolio della Libia era pronto per un graduale riavvio fino a sabato quando l’Esercito nazionale libico ha annunciato la continuazione del blocco petrolifero nel Paese nordafricano a meno che non venissero soddisfatte le sue richieste di ridistribuzione dei proventi petroliferi, ha ricostruito S&P Global Platts.

Il governo di accordo nazionale sostenuto dall’Onu è sostenuto da Turchia e Qatar, mentre l’Lna, guidata dal generale Khalifa Haftar, è sostenuta da Russia, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

NOC PUNTA IL DITO CONTRO GLI EMIRATI ARABI UNITI

Il Noc ha individuato gli Emirati Arabi Uniti come i responsabili dell’inversione di rotta da parte dell’LNA, affermando che il collega Opec non ha cooperato nonostante le rassicurazioni.

“Questo è deludente, soprattutto dopo le ripetute dichiarazioni della scorsa settimana di altissimi rappresentanti degli Emirati Arabi Uniti a sostegno degli sforzi internazionali per riavviare la produzione di petrolio in Libia”, ha detto il presidente di Noc Mustafa Sanalla.

LA PRODUZIONE LIBICA

La produzione di greggio in Libia, che detiene le maggiori riserve africane di greggio, è stata ridotta a circa 70.000-100.000 b/g negli ultimi mesi da oltre 1,1 milioni di b/g prima del blocco.

L’INGERENZA STRANIERA

Sanalla ha recentemente affermato che le potenze straniere si stanno intromettendo nel settore petrolifero del Paese e stanno impedendo al produttore nordafricano di riprendere la produzione.

“La russa Wagner e i mercenari siriani ora occupano il porto petrolifero di Es Sider e sempre Wagner e i mercenari sudanesi sono accampati nelle vicinanze del campo petrolifero di Sharara, impedendo il flusso del petrolio libico”, ha detto Sanalla.

L’LNA aveva elencato tre condizioni per togliere il blocco: aprire un conto bancario speciale per le entrate petrolifere in un paese senza nome al di fuori della Libia per un’equa distribuzione; impedire che le entrate petrolifere finanziassero “il terrorismo e i mercenari”, e rivedere i conti delle entrate petrolifere della banca centrale durante le loro spese negli anni passati.

DALL’INIZIO DEL BLOCCO 6,5 MLD DI MINORI ENTRATE

Il blocco è costato al Paese oltre 6,5 miliardi di dollari di entrate derivanti dalla perdita di produzione dall’inizio del blocco iniziale.