Advertisement vai al contenuto principale
GNL Galleggiante

L’impatto sul mercato del GNL della situazione nel Mar Rosso e nel Canale di Panama

Un paper dell’Oxford Institute for Energy Studies analizza l’impatto delle riduzioni nel trasporto di GNL attraverso gli attuali “punti di strozzatura” in termini di esportatori interessati e l’impatto sul mercato globale del GNL, in particolare sulle importazioni europee

Con la siccità che limita la navigazione attraverso il Canale di Panama dalla metà del 2023, gli attacchi alle navi nel Mar Rosso hanno causato un completo stop del trasporto di GNL tra Europa e Asia attraverso il Canale di Suez. Questa interruzione colpisce principalmente la fornitura di GNL da Stati Uniti, Qatar, Russia e Nord Africa. Alcuni carichi vengono dirottati verso mercati alternativi, mentre altri prendono la rotta attraverso il Capo di Buona Speranza, l’estremità meridionale dell’Africa.

L’IMPATTO DELLA RIDUZIONE DEL GNL SUI MERCATI GLOBALI

Come si legge in un paper realizzato dall’Oxford Institute for Energy Studies, “i carichi di GNL del Qatar continuano a fluire verso l’Europa, anche se attraverso rotte più lunghe e con alcuni carichi dirottati verso l’Asia. Se l’interruzione del Mar Rosso dovesse persistere per il resto dell’anno, la fornitura di GNL del Qatar verso l’Europa (15,1 milioni nel 2023) potrebbe essere ridotta del 25% (3,8 milioni) a causa dei dirottamenti verso l’Asia, e il restante 75% (11,3 milioni) potrebbe essere ridotto di un terzo (a 7,5 tonnellate) a causa dei tempi di andata e ritorno più lunghi utilizzando un numero fisso di navi metaniere. Nel complesso, l’impatto consisterebbe in una diminuzione della fornitura di GNL del Qatar all’Europa di 7,6 milioni, da 15,1 a 7,5 milioni”.

IL REINDIRIZZAMENTO DEI CARICHI DI GNL VERSO L’EUROPA

Per quanto riguarda gli altri fornitori, lo stop delle consegne di GNL dal Nord Africa all’Asia, con i carichi reindirizzati verso l’Europa, quest’anno potrebbe comportare ulteriori 2,4 milioni di forniture di GNL per l’Europa. Altrove l’Europa è già il mercato primario per il GNL russo proveniente da Yamal, con i volumi verso l’Asia che stanno proseguendo. Gli Stati Uniti nel 2023  hanno già stabilito un nuovo record per le esportazioni annuali di GNL verso l’Europa (56 tonnellate), e ogni mese tra ottobre 2023 e gennaio 2024 è stato un record.

Questi record riflettono sia la crescita delle esportazioni di GNL degli Stati Uniti a livelli record, sia una quota crescente dell’Europa in tali esportazioni, nel contesto più ampio delle riduzioni delle spedizioni di GNL attraverso il Canale di Panama.

IL PESO DELL’EUROPA NEL COMMERCIO DI GNL

Nel 2023 l’Europa rappresentava il 70% delle esportazioni dagli Stati Uniti verso l’Europa e l’Asia insieme, con una quota che è salita al 73% nel dicembre 2023 e al 78% nel gennaio 2024. Quanto più gli Stati Uniti hanno da offrire all’Europa dipenderà dai contratti e dagli impegni di destinazione di chi preleva GNL dagli impianti di esportazione USA, oltre che dalla misura in cui i volumi saranno impegnati nel mercato asiatico. La fornitura del bacino atlantico da fonti diverse dagli Stati Uniti non sembra ancora essere deviata dall’Asia all’Europa, anche se nella seconda metà di quest’anno due nuovi progetti nell’Africa Occidentale aggiungeranno al bacino atlantico circa 1,5 milioni di tonnellate all’anno (molto probabilmente verso l’Europa) attraverso i portafogli di BP ed Eni. Nell’intero anno 2024, la nuova fornitura dall’Africa Occidentale e le deviazioni dal Nord Africa potrebbero compensare fino a 4 milioni di tonnellate della potenziale riduzione di 7,5 tonnellate della fornitura del Qatar all’Europa.

In termini di fornitura totale di gas in Europa, tale perdita di 3,5 milioni equivale a 4,8 miliardi di metri cubi nell’intero anno. La conseguenza per i prossimi mesi è che, prima dell’arrivo della nuova fornitura dell’Africa Occidentale e a parità di tutti gli altri fattori, a febbraio e marzo dagli stoccaggi europei verrà ritirato più gas. Se così sarà, la prossima estate si dovrà ricostituire un maggiore volume di scorte.

IL RUOLO DEGLI STOCCAGGI DI GAS EUROPEI

Il fatto che un calo di 4,8 miliardi di metri cubi nella fornitura di GNL all’Europa nel 2024 equivalga all’1,3% di un mercato europeo (Ue a 27 Stati più il Regno Unito) – che lo scorso anno ha consumato 380 miliardi di metri cubi – potrebbe spiegare perché il mercato non ha reagito in modo più forte alla riduzione del rifornimento dal Qatar all’Europa. Nel brevissimo termine, considerando il periodo fino alla fine dell’inverno (31 marzo), è utile che gli stoccaggi europei restino su livelli robusti: i 68,3 miliardi di metri cubi (dato al 24 febbraio) sono leggermente superiori ai due record precedenti per quella data (65,9 mmc nel 2020 e 65,8 mmc nel 2023). Queste scorte forniscono consentono ritiri più rapidi per compensare la minore fornitura di GNL del Qatar. Il mercato europeo è inoltre protetto dal fatto che, a causa delle riduzioni nel Canale di Panama, nella seconda metà del 2023 ha ricevuto più GNL statunitense di quanto avrebbe potuto altrimenti.

Se il volume di GNL del Qatar consegnato in Europa da inizio anno entro la fine del primo trimestre può essere solo leggermente inferiore rispetto all’anno precedente, è probabile che, entro la fine del terzo trimestre, il calo su base annua dell’offerta da inizio anno sia molto più significativo. Inoltre, il fatto che un numero significativo di navi stia effettuando il viaggio più lungo attraverso il Capo di Buona Speranza suggerisce che l’utilizzo della capacità globale di trasporto marittimo di GNL non è completamente ottimizzato, che i contratti di fornitura a termine continuano a dettare i movimenti marittimi e che gli scambi tra i bacini dell’Atlantico e del Pacifico non vengono effettuati nella misura massima possibile.

GLI SCENARI DI MERCATO PER I PROSSIMI MESI

È possibile che il mercato si trovi in una fase provvisoria e cauta, con i partecipanti che aspettano di vedere se l’interruzione durerà oltre qualche settimana, prima di impegnarsi a modificare le proprie strategie di trading.  Il ritorno del Canale di Panama ridurrebbe i tempi di viaggio di andata e ritorno per le consegne di GNL statunitense in Asia, consentendo consegne più frequenti e, per estensione, una maggiore fornitura. Questo, a sua volta, potrebbe liberare la capacità delle navi metaniere di portare più GNL statunitense in Europa, aumentare l’offerta di gas USA in Asia (riducendo così ulteriormente il differenziale di prezzo tra Europa e Asia), o una combinazione di entrambi.

LE CONSEGUENZE NEL CASO DI UN MAR ROSSO ANCORA CHIUSO

Infine, se la chiusura del Mar Rosso al trasporto di GNL dovesse persistere per diversi mesi (o anche di più), ciò dimostrerebbe la natura parziale della flessibilità del mercato globale del GNL. Mentre il GNL del Qatar fornito alle controparti europee in base a contratti con destinazioni di consegna fisse continuerà ad arrivare, anche se più lentamente e con meno frequenza, il restringimento degli spread tra bacini potrebbe indurre più carichi del bacino atlantico con flessibilità di destinazione (in particolare dagli Stati Uniti) a deviare dall’Asia all’Europa. L’impatto complessivo sarebbe un leggero restringimento del mercato globale del GNL, con il persistere di differenziali di prezzo tra i bacini ridotti, insieme a prezzi sufficientemente alti da assorbire i costi più elevati delle consegne inter-bacino attraverso il Capo di Buona Speranza.

Dopo la riduzione della fornitura di gas russo all’Europa nel 2022 e le limitazioni del Canale di Panama a partire dalla metà del 2023, l’interruzione del Mar Rosso può essere definita “scomoda” o “catastrofica”, ma è un ulteriore fattore che contribuisce ad un mercato destinato a restare relativamente serrato fino a quando la prossima grande ondata di fornitura di GNL non raggiungerà il mercato globale, tra il 2026 e il 2028. Inoltre, supponendo che l’interruzione nel Mar Rosso continui, l’entità dell’impatto cumulativo nella seconda metà del 2024 dipenderà dai fattori sopra menzionati, pertanto rimane incerta.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su