Advertisement vai al contenuto principale
Gas Ue

L’Unione europea è pronta per la stagione invernale di gas 2023-2024

Per il think tank Bruegel i tagli alla domanda, l’offerta alternativa e la diffusione dell’energia verde comportano che probabilmente l’Ue avrà abbastanza gas per l’inverno, anche se le forniture russe venissero completamente tagliate

Sebbene, sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, l’inverno 2022-2023 sia stato il più impegnativo di sempre per la rete europea del gas, l’Unione europea è piuttosto preparata per il prossimo inverno. I fondamentali di oggi sono solidi.

Nei primi due trimestri del 2023 – si legge in un’analisi del think tank Bruegel – la domanda di gas ha raggiunto l’obiettivo Ur di una riduzione del 15% al di sotto delle medie storiche, mentre la capacità di importazione di GNL è stata ampliata del 20% e il mercato globale resta ben fornito, in parte grazie alla mancanza di una domanda significativa crescita in Cina.

L’Ue ha raggiunto il suo obiettivo di stoccaggio del gas del 90% due mesi prima della scadenza di novembre, con i trader che ora inviano il gas in eccesso affinché venga immagazzinato in Ucraina.

LA DIFFUSIONE DELLE ENERGIE RINNOVABILI

L’Ue ha anche assistito ad un’accelerazione della diffusione del fotovoltaico, dell’energia eolica e delle pompe di calore, che contribuiscono, lentamente ma strutturalmente, a ridurre la dipendenza dal gas. La combinazione di tutti questi fattori si riflette in prezzi contenuti, con il prezzo del gas del giorno prima che attualmente è molto al di sotto di quello di un anno fa: 40 euro/ MWh contro 300 euro/MWh.

Nonostante questi sviluppi, gli europei non dovrebbero accontentarsi. I timori di carenze di gas o di interruzioni di corrente si sono attenuati, ma un prezzo del gas persistentemente più elevato rispetto ad altri mercati e la continua volatilità dei prezzi potrebbero avere ancora delle ripercussioni sulla struttura industriale e sull’economia Ue.

IL RUOLO DEL GNL

Ad esempio, gli scioperi presso gli impianti di GNL australiani hanno avuto un impatto marginale sui prezzi del gas europeo, anche se l’Europa non importa gas australiano. Anche i lavori di manutenzione presso l’impianto di Nyhanma in Norvegia – che oggi è il maggiore fornitore di gas dell’Unione europea – hanno causato nervosismo nel mercato.

Finché non sarà disponibile una maggiore capacità di liquefazione del GNL, il mercato globale del GNL – e di conseguenza il mercato del gas Ue – resterà ristretto. Fortunatamente, nel 2024 è prevista una maggiore capacità di liquefazione; nei soli Stati Uniti si prevede che entreranno in funzione 336 Twh/anno, corrispondenti a circa il doppio delle importazioni annuali di GNL dell’Unione europea dalla Russia.

LA STRATEGIA DELL’UNIONE EUROPEA SUL GAS FINO AD ORA

I due elementi principali nella gestione da parte dell’Ue del drammatico calo del gas russo negli ultimi due anni sono l’aumento delle importazioni di GNL e la riduzione sostenuta della domanda di gas. La quota di GNL sul totale delle importazioni di gas è raddoppiata, passando dal 20% del 2018-2019 al 40% da agosto 2022 a luglio 2023. Ciò è stato in gran parte determinato dalle importazioni dagli Stati Uniti, con le importazioni di GNL che sono aumentate di sei volte, da 100 a 600 TWh. Anche le importazioni russe di GNL sono aumentate, ma ciò non ha compensato minimamente il calo delle importazioni tramite gasdotti.

La domanda di gas, nel frattempo, nel 2022 è stata inferiore del 12% rispetto alla media del 2019-2021, a causa del calo della domanda di gas industriale e domestico. Nel 2023, la maggiore disponibilità di generazione di energia alternativa ha facilitato una significativa riduzione della domanda di gas anche nel settore energetico. Nel secondo trimestre 2023 la domanda di gas è stata inferiore del 19% rispetto alla media del 2019-2021, con una domanda per la produzione di energia in calo del 17%.

 Un inverno relativamente caldo ha contribuito a ridurre la domanda di gas da parte delle famiglie. È molto difficile isolare e attribuire le riduzioni della domanda alla temperatura a causa della serie di circostanze insolite che si verificano contemporaneamente. Tuttavia, utilizzando l’analisi di regressione lineare, colleghiamo il 35% della riduzione della domanda di gas Ue durante l’inverno 2022-2023 al clima più caldo. Esiste una variazione significativa da Paese a Paese, con circa il 20% della riduzione in Germania determinata dalle condizioni meteorologiche e circa il 60% in Francia. Il riscaldamento globale ovviamente aumenta la probabilità che ogni inverno oggi sia più caldo della media dei 10 anni precedenti.

Confrontando le componenti del “bilancio del gas” dell’Unione europea (l’offerta meno la domanda) durante i 12 mesi da agosto 2022 a luglio 2023 con un periodo senza crisi (tre anni prima, 2019-2020), la domanda di gas è diminuita di 767 TWh, quasi il doppio rispetto all’aumento delle importazioni di GNL.

PRONTI PER IL PROSSIMO INVERNO?

Se l’Ue concludesse l’inverno con almeno il 30% del gas ancora negli stoccaggi, si può considerare che finirà l’inverno senza gravi minacce alla sicurezza dell’approvvigionamento. Si possono valutare due rischi principali per il bilancio del gas Ue. Il primo è la fine immediata di tutte le rimanenti importazioni di gas russo (GNL e gas) a partire dal 1° ottobre, mentre il secondo è uno scenario in cui ciò avviene in concomitanza con un inverno particolarmente freddo (equivalente all’inverno più freddo in Europa negli ultimi 10 anni), che aumenta la domanda del 12% (stimato utilizzando una regressione lineare su dati storici giornalieri).

Gli attuali livelli di stoccaggio mettono l’Ue in una posizione sicura. Nello scenario peggiore, entro il 1° aprile 2024 l’Ue si ritroverebbe con gli stoccaggi superiori al 20% della capacità, mentre nel caso in cui non ci fossero importazioni russe e una domanda di gas simile a quella del 2022, l’Ue sarebbe ben al di sopra dei 40% della capacità di stoccaggio.

Queste stime sono prudenti in quanto non tengono conto di un riaggiustamento della domanda e dell’offerta indotto dai prezzi, ad esempio se i prezzi sono più alti rispetto allo scorso inverno, l’Ue attirerà più GNL e/o ridurrà la domanda. Altri fattori suggeriscono che il potenziale della domanda di gas sarà strutturalmente inferiore rispetto allo scorso anno.

Il ripristino di diversi impianti nucleari francesi dopo una manutenzione straordinaria e la maggiore diffusione di pompe solari, eoliche e di calore ridurranno la domanda di gas per la produzione di energia. Il numero record di pompe di calore installate dalle famiglie nel 2022 ridurrà la domanda di gas per il riscaldamento. Bruegel stima che la combinazione di questi elementi determinerà una riduzione del 3,3% rispetto alla domanda invernale dello scorso anno, pari a 74 TWh.

Anche se quest’inverno l’Ue probabilmente non dovrà affrontare dei rischi sostanziali per l’approvvigionamento, gli attuali impatti dell’interruzione del gas continueranno a farsi sentire attraverso l’aumento dei prezzi. Sebbene i prezzi all’ingrosso del gas siano diminuiti sostanzialmente, i prezzi effettivamente pagati dalle famiglie e da molte imprese restano elevati a causa del ritardo nell’adeguamento dei contratti al dettaglio ai prezzi all’ingrosso. La conseguenza è che la riduzione della domanda sarà incoraggiata, ma le famiglie e le imprese continueranno a far fronte a prezzi elevati.

LE DIFFERENZE TRA I DIVERSI PAESI

Mentre alcuni Paesi hanno messo fine ad ogni dipendenza dal gas russo, altri continuano ad importarlo. Se nel 2021-2022 i colli di bottiglia infrastrutturali erano una caratteristica distintiva della crisi energetica europea, ora non è più così grazie alla costruzione di nuovi gasdotti e terminal di importazione di GNL.

Gli elevati volumi di stoccaggio e la domanda strutturalmente inferiore hanno rilassato il mercato europeo, consentendo di soddisfare la domanda in un dato giorno con un’adeguata combinazione di gas scambiato e stoccato. Di conseguenza, eventuali interruzioni dei singoli flussi commerciali quest’anno saranno più facilmente compensate da aggiustamenti negli scambi intra-Ue, con il gas che fluirà verso le aree bisognose.

IL GNL RUSSO

La penisola iberica è la regione più esposta nel caso in cui il GNL russo venisse interrotto bruscamente, a causa della sua elevata quota di GNL nella fornitura finale di gas e di una quota relativamente elevata per la Russia nella fornitura di tali importazioni. Inoltre, la penisola iberica non è ben collegata alla più ampia rete europea del gas.

Nel primo trimestre 2023, il GNL russo rappresentava il 20% del totale delle importazioni di gas naturale verso Spagna e Portogallo. Se tutte le importazioni russe di GNL nella regione finissero e non cambiasse nulla, lo stoccaggio si esaurirebbe entro gennaio 2024.

In pratica, si cercheranno carichi alternativi sui mercati internazionali. A seconda delle dinamiche più ampie, ciò potrebbe essere compensato da una maggiore disponibilità di GNL russo (ad esempio, come nel caso dell’embargo petrolifero, quando il petrolio russo smise di fluire verso l’Ue, andò verso India e Cina). Bruegel stima che, sostituendo il 50% dei carichi russi, Spagna e Portogallo riuscirebbero a gestire bene l’inverno.

IL GAS RUSSO: I FLUSSI DALL’UCRAINA E IL GASDOTTO TURKSTREAM

Austria, Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Croazia si troverebbero ad affrontare i maggiori impatti diretti stimati da un’interruzione del gas russo che transita in Ucraina. L’Italia si troverebbe ad affrontare un certo impatto, ma non sostanziale. Insieme, questi Paesi direttamente colpiti attualmente hanno più gas negli stoccaggi (200 TWh) di quanto ne hanno consumato in totale durante l’inverno 2022-2023 (166 TWh). Ipoteticamente, la regione ha abbastanza gas negli stoccaggi per gestire da sola l’inverno, anche se tutti i legami commerciali venissero interrotti.

In pratica, questi elevati volumi di stoccaggio significano che qualsiasi interruzione delle importazioni russe non verrebbe avvertita isolatamente da questi Paesi, ma distribuita sulla rete europea. Le strozzature nell’offerta non dovrebbero materializzarsi, poiché sarebbe sufficiente una combinazione tra la soddisfazione della domanda giornaliera utilizzando le riserve negli stoccaggi e il commercio intra-Ue.

Inoltre, nelle ultime settimane i commercianti europei hanno iniziato ad immagazzinare il gas negli impianti di stoccaggio del gas ucraini. Queste forniture sono direttamente collegate allo stesso sistema di gasdotti attraverso il quale transita il gas russo, e costituiscono un buon cuscinetto in caso di riduzione dei flussi russi. Gli operatori commerciali che servono il mercato Ue finora hanno immagazzinato circa 20 TWh di gas in Ucraina, approssimativamente equivalente al flusso medio mensile di transito russo, il che significa che un mese di gas proveniente dalla Russia potrebbe essere sostituito attingendo al gas presente nei depositi di gas ucraini, che sono collegati alle stesse condutture.

L’Ungheria e la Serbia dipendono maggiormente dal gasdotto Turkstream. Questi flussi hanno meno probabilità di essere interrotti, dato che l’Ungheria ha mantenuto dei rapporti più stretti con la Russia e Gazprom rispetto ad altri Paesi Ue. L’Ungheria ha addirittura firmato una proroga dell’accordo per l’acquisto di gas russo dopo l’invasione dell’Ucraina. In ogni caso, l’Ungheria attualmente ha un volume di gas immagazzinato maggiore rispetto alla sua domanda invernale totale, il che implica che il Paese riuscirebbe a gestire un taglio da parte della Russia.

GLI SCENARI PER IL PROSSIMO INVERNO

Le prospettive di mercato per la prossima stagione invernale nell’UE sembrano positive. Le misure adottate per diversificare le importazioni di gas, espandere la capacità di rigassificazione del GNL e utilizzare le energie rinnovabili mettono l’Ue in una posizione molto migliore per affrontare gli shock nel mercato del gas rispetto al 2021 e allo scorso anno. Tuttavia, mantenere l’attuale riduzione della domanda di gas resta fondamentale. I governi dovranno essere pronti ad agire, qualora si verificassero delle inversioni nelle tendenze dei consumi. Inoltre, le politiche che aumentano la domanda di gas, come i sussidi, dovrebbero essere evitate.

La sicurezza energetica dell’Europa durante l’inverno dipende anche dall’integrità dei gasdotti e delle infrastrutture del GNL. Dei sabotaggi o delle interruzioni potrebbero avere gravi conseguenze. È quindi fondamentale mantenere un elevato livello di allerta e sicurezza per salvaguardare queste tratte di approvvigionamento critiche. Infine, l’impatto dell’impennata dei prezzi del gas e dell’elettricità su vari settori richiede una risposta attenta e ponderata.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su