skip to Main Content

Mobilità, ripresa globale non mostra segnali di rallentamento

Mobilità

Molto riposerà sulle spalle dell’OPEC+ nel quarto trimestre per gestire il mercato, soprattutto se gli indicatori di mobilità continueranno al rialzo e la sostituzione del gas con il petrolio aumenterà.

Gli indicatori della domanda di petrolio in molti dei maggiori paesi consumatori del mondo rimangono su una traiettoria al rialzo e al tempo stesso, le economie chiave stanno continuando la ripresa, fornendo ulteriore supporto ai prezzi del petrolio che hanno superato il livello di 80 dollari al barile questa settimana, il nuovo massimo da molti anni a questa parte.

MOBILITÀ ANCORA L’8,1% INFERIORE AI LIVELLI PRE-COVID

Secondo i dati di Google, la mobilità globale, un barometro per la domanda di benzina e diesel, è stata in media dell’8,1% inferiore ai livelli pre-Covid nella maggior parte dei principali consumatori mondiali di petrolio, esclusa la Cina.

Sulla base dell’attività dei telefoni cellulari, le cifre riflettono i dati corretti forniti da Google che coprono 13 paesi, che insieme rappresentano la metà della domanda totale di petrolio del mondo, o circa 50 milioni di barili al giorno.

RECUPERA L’ASIA

L’Asia ha visto la più grande ripresa regionale della mobilità nelle ultime due settimane, i dati hanno mostrato, con una media di appena il 6,4% al di sotto dei livelli pre-pandemia. India e Giappone hanno mostrato un netto miglioramento mentre la Corea del Sud si è posizionata addirittura al di sopra dei livelli pre-pandemia.

EUROPA STABILE

Anche la regione delle Americhe ha evidenziato un aumento della mobilità, mentre le economie europee in media mostrano una stabilizzazione delle attività.

LA FORZA DELLA DOMANDA

S&P Global Platts Analytics ritiene che la crescita della domanda di petrolio nel quarto trimestre sarà guidata dall’Asia e prevede che la domanda globale crescerà di quasi 5,4 milioni di barili al giorno nel 2021.

Una visione simile è sostenuta dal capo di Vitol, che questa settimana ha parlato in un webinar organizzato dalla Gulf Intelligence di Dubai. “La fine del quarto trimestre è in genere il periodo dell’anno in cui l’Asia inizia a tirare scorte piuttosto duramente, la domanda è alta e diventa sempre più alta in funzione del clima freddo”, ha detto Mike Muller.

BRENT AI MASSIMI GRAZIE A DOMANDA E DECISIONI OPEC+

Il benchmark del petrolio Dated Brent ha raggiunto nuovi massimi da tre anni negli ultimi giorni, in parte grazie alla forza della domanda e in parte grazie all’OPEC e i suoi alleati hanno deciso di attenersi al copione previsto e approvare un aumento di 400.000 b/g nella riunione di qualche giorno fa.

AUMENTA LA PROSPETTIVA DI UN PASSAGGIO DAL GAS AL PETROLIO

La crisi energetica in tutto il mondo e in particolare nella Cina, centro della domanda, sta aumentando anche la prospettiva di un maggiore passaggio dal gas al petrolio.

Tuttavia, Platts Analytics ha osservato che “è probabile che le epidemie localizzate di coronavirus continuino nel 2022, ma non della portata osservata nel 2021”.

TUTTO SULLE SPALLE DI OPEC+?

Molto riposerà sulle spalle dell’OPEC+ nel quarto trimestre per gestire il mercato, soprattutto se gli indicatori di mobilità continueranno al rialzo e la sostituzione del gas con il petrolio aumenterà.

“Sarà un equilibrio terribilmente delicato per giudicare se i prezzi più alti inizieranno a influenzare la domanda o se OPEC+ dovrà ascoltare i segnali provenienti dalla sostituzione, passando ai combustibili petroliferi – ha detto Muller al webinar -. Penso che per questo inverno particolare, il controllo sui prezzi sia nelle mani dell’OPEC+”.

Entro la fine del 2022, Platts Analytics prevede che la domanda di benzina e diesel sarà di circa 800.000 b/g al di sopra dei livelli del 2019 e di carburante per aerei ancora di circa il 10% al di sotto dei livelli del 2019.

Back To Top