Scenari

Nord Stream 2, Merkel contro gli Usa sulle sanzioni. Si muove l’Ue

Nord Stream 2

I funzionari di Berlino definiscono le nuove sanzioni proposte dagli Usa sul Nord Stream 2 una grave interferenza nella sovranità europea

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato che è “giusto” completare il gasdotto Nord Stream 2, anche alla luce della minaccia di nuove sanzioni statunitensi contro il progetto. La Merkel, parlando nei giorni scorsi davanti al parlamento tedesco, ha dichiarato che le sanzioni statunitensi “non corrispondono” all’interpretazione della Germania del diritto internazionale, secondo quanto riportato da diversi media.

PROGETTO ALLE BATTUTE FINALI

Nel frattempo il progetto è alle battute finali. Solo 160 km di Nord Stream 2 rimangono da completare nelle acque danesi su una lunghezza totale di 2.460 km.

Gli Stati Uniti nelle scorse settimane hanno proposto di estendere le sanzioni contro chiunque abbia a che fare con la realizzazione del gasdotto, compresi fornitori di servizi e assicuratori.

PER LA MERKEL SANZIONI NON IN LINEA CON INTERPRETAZIONE LEGGI

“Riteniamo che il tipo di sanzioni extraterritoriali imposte dagli Stati Uniti non sia in linea con la nostra interpretazione della legge – ha affermato la Merkel -. Dobbiamo ammettere, tuttavia, che ciò renderà il processo di costruzione più difficile. Tuttavia, crediamo che sia giusto completare questo progetto e stiamo agendo con questo spirito”.

I commenti della Merkel arrivano mentre l’opposizione in Germania all’interferenza americana nel Nord Stream 2 sta iniziando a crescere, con i parlamentari che chiedono una forte risposta alle misure statunitensi. Anche i gruppi di pressione del gas sono sempre più preoccupati che il gasdotto non possa mai essere completato.

GLI STAKEHOLDER (E NON SOLO) CONTRO LA POLITICA USA

Timm Kehler, presidente del gruppo tedesco di difesa del gas Zukunft Erdgas, ha dichiarato che le nuove infrastrutture che assicurerebbero l’approvvigionamento di gas in Europa “non dovrebbero essere minacciate da sanzioni extraterritoriali”. “Se le nuove sanzioni statunitensi venissero effettivamente applicate, il completamento o la messa in servizio del gasdotto non sarebbe possibile – ha detto Kehler secondo quanto riferito da S&P Global Platts -. Alla luce dell’importanza fondamentale della minaccia di sanzioni per la politica commerciale e di sicurezza dell’Ue, riteniamo che siano necessarie una reazione rapida e visibile da parte del parlamento tedesco e un corrispondente intervento della Commissione europea al governo degli Stati Uniti. Il tempo è breve perché le sanzioni saranno decise a Washington con breve preavviso”.

“Stiamo parlando di interferenze dirette e gravi in ​​Germania e della sovranità e della politica energetica dell’Europa”, ha dichiarato Niels Annen, ministro di stato del ministero degli Esteri tedesco secondo quanto riportato da Ft.

Molti analisti tedeschi affermano che le sanzioni sembrano spinte dagli sforzi americani per promuovere il proprio gas naturale liquefatto in Europa. Washington “ha spinto all’acquisto del GNL americano”, ha affermato Kirsten Westphal, dell’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza. Michael Harms, amministratore delegato della German Eastern Business Association, ha stimato che nuove sanzioni potrebbero riguardare 120 società di 12 stati europei e che molte società potrebbero sentirsi obbligate a ritirarsi, si legge sempre su Ft.

GAZPROM INTENDE COMPLETARE IL PROGETTO TRA FINE 2020 E INIZI 2021

Gazprom ha dichiarato il mese scorso che la costruzione del gasdotto sarebbe stata completata alla fine del 2020 o all’inizio del 2021, nonostante la minaccia delle sanzioni statunitensi. Il responsabile delle relazioni con gli investitori di Gazprom, Anton Demchenko, ha dichiarato che la società va avanti per la sua strada: “Posso confermare che continuiamo a lavorare su questo progetto e mi aspetto che la sua costruzione sia completata alla fine del 2020 o all’inizio del 2021”, ha affermato all’agenzia di stampa RIA Novosti.

NUOVE RICHIESTE ALLA DANIMARCA

Lo sviluppatore del progetto – la Nord Stream 2 AG – ha dichiarato che sta ancora esaminando le opzioni per il completamento della pipeline e il mese scorso ha chiesto all’Agenzia danese per l’energia – come misura precauzionale – una modifica della sua autorizzazione per il posatubi per consentire l’uso di navi che utilizzano ancore per posizionamento. La Danimarca prevede di pronunciarsi entro metà luglio sulla richiesta.

EUROPA PRONTA ALLE CONTROMOSSE?

“Il portavoce del Nord Stream 2 Ulrich Lissek ha dichiarato: ‘L’audizione nel Bundestag indica che gli europei non ce la faranno più’. Berlino sta spingendo per una risposta europea. Il capo della politica estera del blocco, Josep Borrell, ha affermato che la Commissione europea ‘sta preparando il terreno’ per le contro-sanzioni. I critici sono scettici sul fatto che l’Ue raggiungerà il consenso, citando la sua incapacità di agire contro le precedenti sanzioni”, ha concluso Ft.