skip to Main Content

No Tap imbrattano palazzi e storici e teatri. 22 denunciati

No Tap

Gli investigatori della Digos hanno identificato e denunciato 22 attivisti ‘No Tap’ ritenuti responsabili di imbrattamento, getto pericoloso di cose, danneggiamento, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Dicono di amare il territorio e di difenderlo, ma mentre lottavano e manifestavano contro la realizzazione di un’opera strategica per l’Italia e l’Europa che, a detta loro rovinerà per sempre la spiaggia di San Foca e la marina circostante (con conseguenze sul turismo, sempre a detta loro) i No-Tap hanno imbrattato alcuni palazzi storici e teatri nel centro cittadino di Lecce.

LA DENUNCIA CONTRO VENTIDUE ATTIVISTI

E a distanza di un mese da quel corteo contro il gasdotto Tap a Lecce, gli investigatori della Digos hanno identificato e denunciato 22 attivisti ‘No Tap’ ritenuti responsabili di imbrattamento, getto pericoloso di cose, danneggiamento, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, accensione ed esplosione pericolosa, violazione del foglio di via obbligatorio. I presunti responsabili degli atti vandalici sono stati riconosciuti attraverso le immagini delle telecamere della polizia.

I volti sono noti:  gli identificati erano stati deferiti in passato in occasione di altre manifestazioni del movimento ‘No Tap’. Dieci di loro erano presenti e furono denunciati per vari reati la sera del 9 dicembre 2017 in occasione del tentativo di assalto al cantiere di San Basilio.

UN MOVIMENTO CHE CAMBIA

In Salento la lotta è continua, le manifestazioni violente sono all’ordine del giorno. Parabrezza in frantumi, muretti a secco tipici delle campagne salentine distrutti, assalti ai camionisti. Gli operai del cantiere Tap per poter lavorare devono formare un’autocolonna ed entrare sotto scorta armata.

La verità è che il movimento sta cambiando, si sta evolvendo: secondo quanto più volte riportato nei dossier di intelligence, il movimento salentino sembra essere infiltrato da frange estremiste non proprio interessate alla salvaguardia del turismo a San Foca e a Lecce. Tra gli episodi maggiormente significativi, il contenuto del link apparso sul sito web di matrice anarchica finimondo.org, attraverso il quale è stata annunciata una campagna d’attacco contro “tutte le sedi, tutti gli uffici, tutti i domicili, tutti i cantieri, tutti i depositi, tutte le strutture, tutte le ramificazioni di tutti coloro che partecipano al progetto TAP”. Una vera e propria “chiamata alle armi” che ha indotto Snam e TAP a disporre specifiche misure di protezione per il proprio management e per le sedi principali delle società. Tanto che il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha allertato Prefetti e Questori di tutta Italia.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Gyc

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore