skip to Main Content

Opec rivede al ribasso crescita domanda petrolifera: nel 2022 media di 100 mln di barili al giorno

Petrolio Gas

La domanda di petrolio nel secondo semestre del 22 è stata rivista al ribasso, a causa delle aspettative di una recrudescenza delle restrizioni COVID-19 e delle incertezze geopolitiche in corso.

La crescita della domanda mondiale di petrolio nel 2022 è stata rivista al ribasso rispetto alla valutazione del mese precedente, ma mostra comunque una sana crescita di 3,1 mb/g. È quanto emerge dall’ultimo Oil Market report di Opec che stima per la domanda di petrolio nell’OCSE una crescita di 1,6 mb/g, mentre per i paesi non OCSE si prevede una crescita di 1,5 mb/g.

LA DOMANDA COMPLESSIVA

La domanda totale di petrolio dovrebbe attestarsi in media intorno ai 100 mb/g nel 2022. Il primo semestre di quest’anno è stato rivisto al rialzo, grazie a una domanda di petrolio migliore del previsto nei principali Paesi consumatori dell’OCSE.

Tuttavia, la domanda di petrolio nel secondo semestre del 22 è stata rivista al ribasso, a causa delle aspettative di una recrudescenza delle restrizioni COVID-19 e delle incertezze geopolitiche in corso. Per il 2023, la previsione di crescita della domanda mondiale di petrolio rimane invariata a 2,7 mb/g, con una domanda totale di petrolio pari a 102,7 mb/g, prosegue Opec.

L’OCSE dovrebbe crescere di 0,6 mb/g e la non OCSE di 2,1 mb/g. La domanda di petrolio nel 2023 dovrebbe essere sostenuta da una performance economica ancora solida nei principali Paesi consumatori, oltre che dal miglioramento degli sviluppi geopolitici e dal miglioramento del COVID-19 in tutte le regioni.

CRESCE ANCHE L’OFFERTA

Dal punto di vista dell’offerta, la crescita di liquidi non OPEC nel 2022 è prevista a 2,1 mb/g per una media di 65,8 mb/g, sostanzialmente invariata rispetto alla valutazione precedente. Una revisione al rialzo per la Russia è compensata da revisioni al ribasso per Stati Uniti, Norvegia e Kazakistan. I principali motori della crescita dell’offerta di liquidi per il 2022 dovrebbero essere gli Stati Uniti, il Canada, il Brasile, la Cina e la Guyana, mentre la produzione dovrebbe diminuire soprattutto in Indonesia e Thailandia.

Nel 2023, la crescita della produzione di liquidi non-OPEC rimane invariata a 1,7 mb/g per una media di 67,5 mb/g. I principali motori della crescita nel 2023 dovrebbero essere Stati Uniti, Norvegia, Brasile, Canada e Guyana. Tuttavia, l’incertezza sugli aspetti operativi e finanziari della produzione statunitense e la situazione geopolitica nell’Europa dell’Est rimangono elevate, avverte Opec. Secondo le fonti secondarie disponibili, la produzione di greggio dell’OPEC-13 a luglio è aumentata di 162 tb/d m-o-m, raggiungendo una media di 28,84 mb/g.

IL BILANCIAMENTO DOMANDA E OFFERTA

La domanda di greggio OPEC nel 2022 è stata rivista al ribasso di 0,3 mb/g rispetto alla valutazione del mese precedente, attestandosi a 28,8 mb/g, circa 0,9 mb/g in più rispetto al 2021. Analogamente, la domanda di greggio OPEC nel 2023 è stata rivista al ribasso di 0,3 mb/g rispetto alla valutazione del mese precedente, attestandosi a 29,8 mb/g, circa 0,9 mb/g in più rispetto al livello del 2022.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore