skip to Main Content

Per quanto ancora la Russia potrà permettersi la guerra in Ucraina?

Russia Ucraina

Putin quest’anno potrebbe gettare i semi della propria sconfitta, soprattutto se la pressione economica e di combattimento su Mosca continuerà a crescere

Il disavanzo finale del bilancio federale della Russia nel 2022 sembrava essere di 3,35 trilioni di rubli, quasi 48,8 miliardi di dollari, secondo il tasso di cambio medio dell’anno. Tuttavia, il rublo è diventato una valuta parzialmente convertibile dopo l’inizio della guerra di Mosca in Ucraina, quindi “i tassi di cambio devono essere trattati con attenzione”, si legge in un articolo di Fondazione Jamestown, un istituto di ricerca indipendente e apartitico dedicato a fornire informazioni tempestive sugli sviluppi politici e strategici critici in Cina, Russia, Eurasia e il mondo del terrorismo.

Nel 2022 le entrate totali del governo russo sono state di 27,77 trilioni di rubli (circa 409,68 miliardi di dollari) e la spesa totale è stata di 31,11 trilioni di rubli (poco meno di 459 miliardi di dollari). Tuttavia, il bilancio del governo originale rappresentava 25 trilioni di rubli (368,81 miliardi di dollari) di entrate e solo 23,78 trilioni di rubli (350,81 miliardi di dollari) di spese.

Pertanto, la spesa aggiuntiva e non pianificata del 2022 è risultata essere di 7,33 trilioni di rubli (107 miliardi di dollari), e una quota indefinita di questo importo, presumibilmente compresa tra 3 trilioni e 4 trilioni di rubli (da 44 a 59 miliardi di dollari), appartiene al bilanci per la difesa, la sicurezza nazionale e le forze dell’ordine. Nel frattempo, i 2,77 trilioni di rubli aggiuntivi (40,86 miliardi di dollari) di entrate provenivano dall’aumento delle tasse su Gazprom e sul Russian National Wealth Fund, che di fatto significa un’emissione di rubli.

IL BILANCIO PREVISIONALE DELLA RUSSIA PER IL 2023

La pianificazione del bilancio del governo russo per il 2023 presuppone entrate per 26,13 trilioni di rubli (385,48 miliardi di dollari) e spese per 29,06 trilioni di rubli (428,71 miliardi di dollari). La quota della spesa per la difesa nazionale dovrebbe superare i 5 trilioni di rubli (quasi 74 miliardi di dollari) e la quota del budget dedicata alla sicurezza nazionale e alle forze dell’ordine dovrebbe superare i 4,4 trilioni di rubli (64,9 miliardi di dollari).

Queste cifre sono state aggiornate rispetto alle stime originali rispettivamente di 3,47 trilioni di rubli (51,19 miliardi di dollari) e 2,97 trilioni di rubli (43,82 miliardi di dollari). Tuttavia, l’attuale piano di bilancio non è definitivo e probabilmente sarà rivisto per tutto il 2023. Pertanto, se i costi immediati stimati della guerra della Russia contro l’Ucraina nel periodo 2022-2023 crescessero dai 5 trilioni di rubli (quasi 74 miliardi di dollari) agli 8,3 trilioni di rubli (122,4 miliardi di dollari) ) del novembre scorso, ora superano decisamente i 10 trilioni di rubli (147,5 miliardi di dollari) e promettono di aumentare ulteriormente.

COME LA RUSSIA HA SPESO I SUOI SOLDI NEL 2022

Tuttavia, tutti questi ulteriori trilioni di rubli nel 2022 non hanno portato ad un aumento significativo della produzione di armi. Ad esempio, il tasso di produzione totale in Russia per il periodo da gennaio a novembre 2022 è stato del 99,2% rispetto allo stesso periodo del 2021. Anche se la produzione di veicoli da trasporto – inclusi tutti i tipi di aeromobili e navi ma escluse le automobili – è aumentata del 16,5% a novembre 2022 rispetto al novembre 2021, e del 18%, rispetto a ottobre 2022, l’indice di produzione totale per la produzione di veicoli da trasporto da gennaio a novembre dello scorso anno è stato del 98% rispetto a gennaio-novembre 2021.

Anche così, alcuni indici hanno mostrato un aumento significativo della produzione e sono relativi all’industria della difesa: da gennaio a novembre 2021, la produzione di computer, elettronica e dispositivi ottici è stata del 104% e la produzione di macchinari e attrezzature non specificati è stata del 102,9 per cento dei valori della produzione per lo stesso periodo nel 2021. In particolare, nel 2022, l’aumento per la produzione di radar, hardware di navigazione e apparecchiature radio è stato del 117,6% (in rubli); per la produzione di computer e loro parti è stata del 148,1% (in rubli); e per la produzione di dispositivi a semiconduttore del 113,2% rispetto allo stesso periodo del 2021. Tuttavia, la produzione di elettricità in Russia è stata solo del 100,8% (in miliardi di kilowatt all’ora) della produzione nel 2021, il che conferma anche la supposizione che nel 2022 non sia emerso alcun aumento significativo della produzione di armi russe.

I PIANI SULLA PRODUZIONE DI ARMI

Inoltre Roscosmos, una delle principali società di difesa statali russe, ha confermato di non aver eseguito completamente i suoi contratti nel 2022. Ciò riflette l’idea che l’aumento della produzione di armi rimane una sfida per le autorità russe. Nonostante questi fatti, il Cremlino sta cercando di risolvere questo problema ad ogni costo. E l’opzione principale qui considerata, nel 2023, è l’utilizzo di depositi di componenti e materiali destinati alla produzione di armi nel 2024-2025. Tradizionalmente, l’industria della difesa russa crea tali depositi prima dell’inizio dei contratti di armi a lungo termine. Di conseguenza, l’industria della difesa potrebbe produrre quante più armi possibile nel 2023, invece di eseguire il lavoro precedentemente programmato per il 2023-2025. Il risultato immediato sarebbe un’inflazione al costo maggiorato, con l’inevitabile prospettiva di un’ulteriore inflazione e di un calo della produzione nei prossimi anni, il che significa che la media delle armi prodotte annualmente rimarrà la stessa o diminuirà. Tuttavia, la leadership russa preferisce ignorare questa prospettiva.

Un’altra seria sfida sarà il grave deficit di personale nell’industria della difesa russa, che ufficialmente è stimato in 400.000 lavoratori e ingegneri. Per affrontare questo problema, la direzione di tutte le fabbriche della difesa ha la possibilità di rendere il sabato un giorno lavorativo e di annullare le ferie dei dipendenti, come è avvenuto con Kurganmashzavod, l’unico produttore russo di veicoli corazzati da combattimento cingolati.

Anche l’inevitabile prospettiva di una diminuzione della qualità della produzione viene ampiamente ignorata dal Cremlino. Tuttavia, qui è possibile un’altra opzione: la diminuzione delle esportazioni di armi russe significa che le linee di produzione possono essere parzialmente utilizzate per fabbricare armi espressamente per le forze armate nazionali. Ad esempio, a fine novembre 2022 le esportazioni di armi russe ammontavano a 8 miliardi di dollari. Di conseguenza, le esportazioni totali di armi per il 2022 sono state decisamente molto inferiori rispetto al 2021, quando ammontavano a 14,6 miliardi di dollari. Tuttavia, questa fonte di aumento è in qualche modo limitata, considerando che lo scorso anno il 40% delle esportazioni di armi russe è stato attribuito all’aviazione e il 30% alle armi per le forze di terra e la marina.

I COSTI DELLA GUERRA E LE ALTERNATIVE DI PUTIN

Di conseguenza, anche se la leadership russa aumenta le spese per la difesa e non si preoccupa dei crescenti costi della guerra, le effettive opportunità per Putin di migliorare la produzione di armi sono limitate. Il Cremlino deve affrontare una mancanza di tempo e una sostenibilità economica a lungo termine. Pertanto, quest’anno potrebbe gettare i semi della propria sconfitta, soprattutto se la pressione economica e di combattimento su Mosca continuerà a crescere. Tuttavia, prima di subire la sconfitta, le autorità russe possono scegliere di mobilitare tutti i mezzi disponibili per impedirlo, una prospettiva che diventa sempre più desolante di fronte ai persistenti fallimenti nel realizzare una completa mobilitazione dell’economia nazionale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore