skip to Main Content

Perché il tetto al prezzo del petrolio e del gas russo è più facile a dirsi che a farsi

Gas

Molti i nodi: dalle assicurazioni per il trasporto del combustibile sia esso gas o petrolio, al limite di prezzo da assegnare. Tutti i dettagli

I leader del G7 hanno concordato di studiare un tetto ai prezzi del gas e del petrolio russi per cercare di limitare la capacità di Mosca di finanziare l’invasione dell’Ucraina ma allo stesso tempo garantire ai consumatori europei un rifornimento sicuro. La domanda che però sorge spontanea è: un simile sistema è già stato adottato prima? Ma soprattutto può funzionare?

UN TETTO AL GAS E AL PETROLIO È STATO MAI FATTO PRIMA?

Un meccanismo in qualche modo simile è stato istituito nell’ambito del programma “petrolio in cambio di cibo” dalle Nazioni Unite nel 1995 per consentire all’Iraq di vendere petrolio in cambio di cibo e medicine, ricorda Reuters che ha fatto un’ampia disamina sull’argomento.

Il programma, introdotto dall’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, aveva lo scopo di soddisfare i bisogni umanitari dei comuni iracheni, impedendo al governo di Saddam Hussein di aumentare le capacità militari.

Gli acquirenti di petrolio hanno versato denaro su un conto a garanzia gestito dalla banca BNP Paribas. Il denaro è stato utilizzato per pagare le riparazioni di guerra al Kuwait, le operazioni delle Nazioni Unite in Iraq e l’Iraq sono state autorizzate ad acquistare articoli regolamentati con i fondi rimanenti. Il programma è stato interessato però da corruzione e abusi.

La prima differenza rispetto al passato è che mentre le Nazioni Unite erano unite nell’opporsi al governo di Saddam Hussein, il mondo ora è diviso sull’invasione russa dell’Ucraina, che la Russia chiama “operazione militare speciale”.

Cina, India e Pakistan sono tra i 35 paesi che si sono rifiutati di condannare la Russia. La Cina e l’India sono diventate i maggiori acquirenti di petrolio russo fortemente scontato da quando l’Europa ha tagliato le importazioni.

QUAL È L’OBIETTIVO DI UN CARTELLO DEGLI ACQUIRENTI DI GAS E PETROLIO?

Oggi, la Russia ottiene più entrate rispetto a prima dell’inizio dell’invasione grazie agli aumenti dei prezzi globali del gas hanno compensato l’impatto delle sanzioni. Secondo Tamas Varga del broker petrolifero PVM “la grande incognita è la reazione di Vladimir Putin”. Se il presidente russo Vladimir Putin deciderà di ridurre le esportazioni di petrolio o gas, il piano si ritorcerà contro e porterà a un aumento dei prezzi. Ma questo potrebbe rivelarsi “uno scenario da incubo, sia per l’Europa che per la Russia”.

Il Cremlino ha dichiarato che il colosso russo del gas Gazprom potrebbe cercare di rivedere i suoi contratti di consegna se i paesi occidentali dovessero decidere di applicare un cap al prezzo del gas.

A CHE LIVELLO IL CAP?

Con i prezzi di riferimento del Brent a 110- 120 dollari al barile, il petrolio russo vende a forti sconti di 30- 40 dollari al barile ad acquirenti cinesi e indiani.

I costi di produzione russi sono di 3- 4 dollari al barile secondo Reuters e le aziende russe potrebbero probabilmente trarre profitto anche se i prezzi del petrolio fossero 25- 30 dollari al barile. Il prezzo del gas all’ingrosso olandese per luglio, il benchmark europeo, è aumentato di circa il 43% dall’inizio dell’anno a 127,60 euro per megawattora.

IL TETTO PUÒ FUNZIONARE TRAMITE ASSICURAZIONE DI SPEDIZIONE?

L’imposizione di un tetto massimo alle vendite di petrolio russo potrebbe essere effettuata tramite assicurazioni sulla spedizione, hanno affermato Louise Dickson di Rystad e Mallinson. L’International Group of Protection & Indemnity Clubs di Londra copre circa il 95% della flotta petrolifera globale. Agli acquirenti di petrolio russi potrebbe essere offerta una deroga al divieto dell’assicurazione marittima europea, che entrerà in vigore all’inizio di dicembre, ma solo nel caso in cui dovessero pagare un prezzo pari o inferiore al massimo. Ma a questa impostazione, avverte Reuters, ci sono molti ostacoli. “La cosa più ovvia è che la Russia potrebbe non accettare di vendere a quei prezzi, in particolare se il limite è molto basso e vicino al costo di produzione – ha affermato Dickson -. In effetti, Putin ha già mostrato la sua disponibilità a trattenere le forniture di gas naturale ai Paesi dell’Ue che si sono rifiutati di far fronte alle richieste di pagamento”.

L’altro ostacolo è la Cina, che potrebbe accettare l’assicurazione russa. La Russian National Reinsurance Company (RNRC) controllata dallo stato è diventata il principale riassicuratore delle navi russe.

CINA E INDIA COOPERERANNO?

L’India ha fornito la certificazione di sicurezza per dozzine di navi, consentendo le esportazioni di petrolio russo. “La Russia e alcuni acquirenti stanno già trovando alternative ai mercati assicurativi europei, utilizzando una combinazione di assicuratori locali e garanzie sovrane. Quindi questo meccanismo non imporrebbe la piena partecipazione a un price cap”, ha affermato Mallinson.

Inoltre, gli assicuratori europei potrebbero non voler essere responsabili del monitoraggio del limite di prezzo e potrebbero decidere di evitare la copertura tali accordi anche se sono disponibili deroghe. L’UE dovrebbe anche modificare le sanzioni approvate a fine maggio, il che richiederebbe il sostegno unanime. “Dati i difficili negoziati di maggio, alcuni paesi sono preoccupati di riaprire il problema e dare all’Ungheria e ad altri un’altra opportunità per spingere per concessioni”, ha affermato Mallinson.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore