skip to Main Content

Perché la crisi energetica rappresenta una minaccia esistenziale per l’industria europea

Razionamenti

Per la Tavola rotonda europea per l’industria (ERT) “i prezzi elevati dell’energia e le catene di approvvigionamento delle materie prime stanno rimuovendo le basi per la competitività globale dell’industria europea e la sua capacità di raggiungere audaci obiettivi di decarbonizzazione”

Le industrie europee sono colpite dall’impennata dei costi energetici così tanto da ridurre o chiudere la produzione, perdendo quote di mercato globale e rischiando un danno permanente alla competitività dell’Europa.

L’aumento dei costi del gas e dell’elettricità ha comportato un aumento dei costi operativi per tutti i settori, dalla produzione dell’acciaio e della produzione automobilistica, al tessile e all’abbigliamento. Poiché i produttori stanno riducendo, chiudendo o trasferendo la produzione, rischiano di non riaprire mai più in Europa, anche nei settori cruciali per la transizione energetica come il settore dei metalli, erodendo la competitività dell’UE.

Le associazioni industriali europee accolgono con cautela le varie proposte UE per alleviare l’onere dei prezzi elevati dell’energia sulle imprese, ma affermano che serve molto di più per preservare la competitività europea e risparmiare alle industrie la chiusura o massicce perdite di posti di lavoro.

UNA “MINACCIA ESISTENZIALE”

L’impennata dei prezzi dell’energia ha provocato un’ondata di tagli alla capacità di alluminio in tutta Europa, poiché le fonderie sono sconvolte dai prezzi alle stelle del gas e dell’elettricità, mentre la domanda rimane debole a causa delle preoccupazioni per la crescita economica globale.

A causa degli elevati costi energetici, a settembre l’industria metallurgica europea ha chiesto all’Unione Europea un’azione di emergenza per prevenire un collasso del settore, che deve affrontare una minaccia esistenziale dovuta all’aumento dei prezzi dell’elettricità e del gas.

Anche l’industria dei fertilizzanti soffre dei prezzi del gas naturale 15 volte il livello pre-crisi, 10 volte di più rispetto ai prezzi degli Stati Uniti e ben al di sopra dei prezzi in Asia, afferma il gruppo Fertilizers Europe.

L’aumento dei prezzi del gas sta spingendo i prezzi dell’elettricità verso l’alto e stanno anche danneggiando i produttori di ammoniaca, un ingrediente chiave nei fertilizzanti, perché il gas naturale è la materia prima per la produzione di ammoniaca. Secondo l’EIA (Energy Information Administration), a livello globale il 98% degli impianti di ammoniaca in tutto il mondo utilizza combustibili fossili come materia prima: principalmente gas naturale, il 72%, e carbone, il 22%. A causa dell’impennata dei prezzi del gas, la società norvegese Yara, ad esempio, quest’anno ha ridotto la produzione di ammoniaca, con riduzioni che ad agosto hanno portato l’utilizzo totale della capacità di ammoniaca europea a circa il 35%.

L’INDUSTRIA EUROPEA CHIEDE AIUTI IN TUTTA L’UE

“Con il 70% della produzione di ammoniaca in Europa interrotta da agosto, l’industria cerca misure di soccorso immediate necessarie per ripristinare la produzione”, ha affermato il mese scorso Fertilizers Europe. “Le soluzioni per il mercato del gas richiederanno tempo, cosa che il nostro settore non ha. Il fondo di solidarietà è uno sviluppo positivo, ma la sua efficacia dipende dalla rapida attuazione a livello degli Stati UE per garantire la razionalizzazione dei fondi disponibili ai settori più colpiti, come l’industria dei fertilizzanti”, ha affermato Jacob Hansen, Direttore generale di Fertilizers Europe.

Le associazioni delle industrie ad alta intensità energetica – incluse le industrie dei fertilizzanti, della produzione dell’acciaio, dei prodotti chimici, della ceramica, dell’industria mineraria, del vetro e della carta – sottolineano “la necessità di adottare misure più immediate ed efficienti, mentre nelle nostre industrie osserviamo il peggioramento delle circostanze di crisi giorno dopo giorno”.

“Ribadiamo il nostro invito ai leader europei ad introdurre urgentemente misure a livello europeo volte ad affrontare l’impatto dei prezzi del gas sulla competitività industriale e misure volte a disaccoppiare i prezzi dell’elettricità dai prezzi del gas”, hanno affermato le associazioni di settore a fine settembre.

Da allora la Commissione Europea ha proposto nuove regole di emergenza per affrontare questa crisi energetica, inclusi l’acquisto congiunto di gas, meccanismi di limitazione dei prezzi e solidarietà tra i Paesi UE in caso di carenza. L’associazione degli industriali dell’alluminio ha risposto: “Sosteniamo le proposte sulla crisi energetica, integrano i regolamenti del Consiglio adottati, ma abbiamo bisogno di misure più forti per alleviare immediatamente l’impatto dei prezzi del gas sulle industrie ad alta intensità energetica, per mantenere una base industriale dell’UE fiorente e sostenibile .”

IL RISCHIO PER LA PERDITA DI COMPETITIVITÀ

European Aluminium, insieme alle associazioni di ceramica, fertilizzanti e acciaio, ha affermato che “l’attuale crisi manifatturiera e le chiusure in Europa stanno rapidamente sfociando in un’altra crisi: l’impennata delle importazioni a basso costo in Europa, che catturano quote di mercato e prolungano le chiusure temporanee”.

Un sondaggio dell’Associazione tedesca dell’industria automobilistica, il mese scorso, ha mostrato che in Germania, la più grande economia d’Europa, l’industria automobilistica ritiene che il massiccio aumento dei costi energetici sia attualmente la sfida più grande.

A causa dei costi energetici estremamente elevati, ci sono già restrizioni alla produzione nel 10% delle aziende, mentre un altro terzo delle aziende discute di restrizioni alla produzione. “Non sorprende quindi che l’85% delle aziende consideri la Germania un luogo non competitivo a livello internazionale in termini di prezzi dell’energia e sicurezza dell’approvvigionamento energetico”, ha affermato l’associazione.

La crisi energetica europea e l’impennata dei costi energetici per il settore potrebbero far sì che le case automobilistiche con sede in Europa perdano fino a 1 milione di unità di produzione per trimestre tra questo trimestre e la fine del 2023, ha affermato S&P Global Mobility in un rapporto della scorsa settimana.

In Italia “l’aumento dei costi energetici sta spingendo le aziende tessili e di abbigliamento locali sull’orlo del baratro e rischia di spingere l’industria a spostare nuovamente la produzione in Asia”, ha dichiarato in un’intervista Sergio Tamborini, presidente dell’associazione di settore Sistema Moda Italia.

In un recente rapporto, la Tavola rotonda europea per l’industria (ERT) ha avvertito che “i prezzi elevati dell’energia e le catene di approvvigionamento delle materie prime tese stanno rapidamente rimuovendo le basi per la competitività globale dell’industria europea e la sua capacità di raggiungere audaci obiettivi di decarbonizzazione. L’industria ad alta intensità energetica nell’UE sta affrontando una crisi esistenziale: se i leader politici e i responsabili politici europei non intraprenderanno azioni drastiche nelle prossime settimane e nei prossimi mesi per ridurre il costo dell’energia per le aziende ad alta intensità energetica, il danno sarà irreparabile e si tradurrà in una significativa perdita di posti di lavoro in Europa”.

Secondo un’analisi dell’Economist Intelligence Unit della scorsa settimana, “la riduzione della domanda sta costringendo l’industria in tutta Europa a rimanere inattiva, e aumenterà i costi di input a livelli che renderanno l’industria europea non competitiva. Ciò potrebbe durare per diversi anni, causando l’allontanamento delle catene di approvvigionamento globali dall’Europa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore