skip to Main Content

Perché l’impennata dei prezzi dell’energia Ue rompe le uova nel paniere alla carbon tax di Bruxelles

Ue

La Commissione Ue resiste ai cambiamenti dei suoi piani, sostenendo che l’estensione del prezzo del carbonio è l’unico modo per ridurre le emissioni in settori come il trasporto

L’aumento dei prezzi del gas e dell’elettricità in Europa ha intensificato il contraccolpo politico contro i piani di Bruxelles di estendere le tasse sul carbonio sulla benzina e sulle bollette del riscaldamento, minacciando una politica centrale dell’Ue per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050.

La compressione dei prezzi, in particolare, “ha incoraggiato paesi come la Spagna e la Francia che si oppongono fermamente alla prevista revisione del sistema di prezzi del carbonio dell’Ue. Dicono che farà sprofondare ulteriormente le famiglie più povere nella povertà energetica, aumentando le bollette delle famiglie e della benzina” scrive il Financial Times.

LA UE VUOLE FRENARE I PREZZI DELL’ENERGIA

Parlando dopo la riunione dei ministri dell’energia dell’Ue mercoledì il commissario UE per l’energia Kadri Simson ha detto che l’Unione ha bisogno di “porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili stranieri il più presto possibile” riferendosi di fatto alla Russia, la più grande fonte di gas naturale dell’Europa. Simson ha detto che Bruxelles sosterrà le politiche per frenare l’impatto dei prezzi più alti sui consumatori, compreso il taglio delle accise sulla benzina e il sostegno diretto alle famiglie come alcuni paesi hanno annunciato.

SI PENSA A SOSTITUIRE IL PIANO DI ALLARGAMENTO DEL MERCATO DELLA CO2 CON MISURE ALTERNATIVE

Come parte del suo pacchetto Green Deal volto a ridurre le emissioni di gas serra, la Commissione europea ha proposto però di estendere il mercato del carbonio dell’Ue alle automobili e al riscaldamento degli edifici, comprese le case. Alcuni legislatori nel parlamento europeo stanno ora considerando di eliminare il piano e sostituirlo con misure alternative come una regolamentazione più dura, ha spiegato FT.

Pascal Canfin, un eurodeputato francese e capo della commissione per l’ambiente del Parlamento europeo, che deve approvare il pacchetto verde della Commissione, ha detto che il suo gruppo centrista Renew Europe stava lavorando su piani per “ricalibrare” il sistema di scambio di emissioni (ETS) del blocco per prevenire un “gilets jaunes 2.0” – un riferimento alla rivolta contro gli aumenti delle tasse sulla benzina in Francia che sono iniziati nel 2018.

“Non sono convinto della necessità di estendere l’ETS”, ha detto Canfin, le cui preoccupazioni sull’impatto sociale delle misure sono condivise da alcune ONG ambientali, dai Verdi al Parlamento europeo e dai governi di centro-sinistra nell’UE.

L’AUMENTO DEI COSTI

Il piano di estendere l’ETS ai settori di consumo come le auto e le abitazioni, prosegue FT, farebbe aumentare i prezzi della benzina e dell’energia perché le aziende saranno costrette a comprare crediti di carbonio per coprire le loro emissioni. Bruxelles ha anche proposto un fondo di 30 miliardi di euro per aiutare a compensare le persone più colpite dai cambiamenti.

Stime interne all’UE suggeriscono che un prezzo del carbonio di 50 euro per tonnellata sulla benzina e sul riscaldamento degli edifici imporrebbe un costo di 40 miliardi di euro alle aziende colpite. “Possiamo permetterci questo aumento”, ha detto un alto funzionario dell’UE.

Canfin ha detto che l’estensione dell’ETS potrebbe essere resa più appetibile se l’aumento del prezzo del CO2 non fosse sostenuto dagli inquilini domestici ma si concentrasse solo sugli edifici commerciali. Un’altra opzione sarebbe quella di escludere la benzina dall’ETS e rendere invece più severi gli obiettivi di emissione per l’industria automobilistica.

“Dobbiamo cercare di farlo funzionare perché se non funziona, il mio timore è che danneggi l’intero pacchetto Green Deal”, ha detto.

BRUXELLES FA RESISTENZA A UN CAMBIO DI PIANI

La Commissione resiste ai cambiamenti dei suoi piani, sostenendo che l’estensione del prezzo del carbonio è l’unico modo per ridurre le emissioni in settori come il trasporto, la cui impronta di carbonio è aumentata negli ultimi dieci anni. “Se l’estensione dell’ETS non c’è più, lascia un grande buco che dovrà essere riempito”, ha detto il funzionario UE. “Non si può semplicemente sostituire uno strumento come l’ETS con un nuovo obiettivo”, si legge su FT.

Le controversie su come progettare al meglio un meccanismo di prezzo del carbonio sono destinate a durare per mesi, mentre i governi e gli eurodeputati elaborano le loro posizioni sull’ETS e su piani separati, compresi gli obiettivi di emissione per le auto, una tassa UE sul carbonio alla frontiera e obiettivi nazionali vincolanti sui gas serra.

Il piano di Bruxelles per un fondo sociale per il clima di 30 miliardi di euro ha suscitato l’opposizione dei cosiddetti frugali stati del nord, come i Paesi Bassi e le nazioni nordiche, che si oppongono ai trasferimenti finanziari che la Commissione afferma essere cruciali per l’equità sociale. Ma i paesi del sud e dell’est spingono per un fondo più grande per limitare l’impatto regressivo dei costi del carbonio più alti.
Nicolas Schmit, commissario europeo per l’occupazione, ha detto al Financial Times che Bruxelles integrerà il fondo per il clima con misure aggiuntive per alleviare l’impatto sociale della politica climatica, compresi i piani di riqualificazione dei lavoratori.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

Back To Top