skip to Main Content

Perché volano i profitti di Eni, Shell, Bp, TotalEnergies ed Equinor e come investiranno

Petrolio Gas

Nel secondo trimestre del 2022 tutte insieme hanno annunciato profitti oltre i 37 miliardi di euro complici gli alti prezzi degli idrocarburi

È alle porte un aumento degli investimenti nei settori di petrolio e gas da parte delle principali compagnie europee. Investimenti spinti dalle preoccupazioni per la sicurezza energetica, per le produzioni di idrocarburi in calo, per i prezzi del petrolio ormai a tre cifre e per l’aumento dei profitti.

LE ULTIME TRIMESTRALI

Proprio le ultime trimestrali pubblicate nelle ultime settimane da parte dei principali colossi del Vecchio Continente, hanno registrato guadagni eccezionali sulla scia di prezzi record e margini di raffinazione che si scontrano, tuttavia, con l’invito rivolto loro di accelerare sempre di più il passaggio all’energia pulita da un lato, ma di rimpiazzare i flussi di petrolio e gas lasciato liberi dal ‘buco’ provocato dalle forniture russe.

37 MLD DI PROFITTI

Più che raddoppiando i livelli di un anno fa, Shell, BP, TotalEnergies, Equinor ed Eni hanno annunciato oltre 37 miliardi di dollari di profitti nel secondo trimestre anche grazie al benchmark chiave del petrolio Brent che si è avvicinato a 140 dollari al barile a marzo prima di attestarsi ben al di sopra della soglia dei 100 dollari, scrive S&P Global Commodity Inside. Allo stesso tempo, la loro produzione upstream è però risultata per lo più in declino proprio a causa delle priorità data alla spesa per la transizione energetica di questi ultimi anni.

Per ora, la maggior parte dei profitti vertiginosi viene distribuita agli azionisti tramite dividendi più elevati e riacquisti di azioni. Sebbene le major rimangano impegnate nella disciplina del capitale, devono affrontare difficili richieste su come spendere i loro profitti tra le preoccupazioni per l’aumento vertiginoso dei costi energetici e il loro ruolo di produttori chiave di combustibili fossili.

LE PAROLE DI VAN BEURDEN

“C’è una responsabilità nel fare soldi e quella responsabilità è che continuiamo a investire nella sicurezza energetica… e nella transizione energetica perché alla fine ciò renderà la società meno dipendente dalla volatilità del petrolio e del gas”, ha detto il CEO di Shell Ben van Beurden dopo aver illustrato la semestrale della società.

COSA HA DETTO DESCALZI

Discorso simile per Claudio Descalzi, AD di Eni, presentando i risultati di metà anno: ““In un contesto di incertezza e volatilità dei mercati, ci siamo attivati rapidamente per garantire nuovi flussi di approvvigionamento. Dopo gli accordi sulle forniture di gas con i nostri partner in Algeria, Congo ed Egitto nella prima parte dell’anno, a giugno Eni è entrata nel progetto North Field East in Qatar, il più grande sviluppo di GNL al mondo. In Africa orientale, abbiamo avviato la produzione di gas del progetto Coral South FLNG operato da Eni, il primo a valorizzare il grande potenziale del Mozambico. In Italia, ci siamo proattivamente impegnati nella ricostituzione degli stoccaggi di gas in previsione della prossima stagione invernale e le nostre raffinerie hanno aumentato significativamente i tassi di lavorazione per garantire un adeguato flusso di prodotti petroliferi per soddisfare la richiesta di mercato. Abbiamo profuso il massimo impegno nel garantire la sicurezza degli approvvigionamenti energetici, continuando nel mentre ad attuare la nostra strategia di decarbonizzazione. In Plenitude, il programma di espansione della capacità di generazione da fonti rinnovabili prosegue verso l’obiettivo di superare i 2 GW entro la fine dell’anno; date le condizioni di mercato, l’IPO è stata rimandata ma rimane nei nostri piani. Il business Eni della mobilità sostenibile incrementerà il valore delle nostre bioraffinerie, facendo leva sull’integrazione verticale con il nostro innovativo agri-business e il portafoglio di soluzioni decarbonizzate. Tecnologie breakthrough sono il motore del nostro sviluppo come testimonia la costruzione in corso dell’impianto dimostrativo di fusione magnetica che punta a produrre energia netta da fusione nel 2025”.

I PIANI DI TOTALENERGIES

La pressione è chiaramente in aumento per indirizzare una maggiore spesa verso progetti upstream, in particolare per mitigare l’incombente crisi dell’approvvigionamento di gas in Europa, mentre il mondo lotta con la crisi energetica.

TotalEnergies ha affermato che quest’anno aumenterà la spesa per progetti a ciclo breve per aiutare ad alleviare la crescente crisi dell’approvvigionamento energetico in Europa. L’ammontare dovrebbe raggiungere i 16 miliardi di dollari nel 2022 visto l’auspicio di aumentare le fonti di gas naturale europeo e produrre più GNL nei prossimi mesi. Parte della spesa aggiuntiva andrà ad aumentare le consegne di gas al mercato europeo dal Mare del Nord, ma anche ad aumentare la capacità di produzione di petrolio nel prolifico Blocco 17 dell’Angola, ha affermato il CEO Patrick Pouyanne.

I PIANI DI ENI

Eni ha annunciato il suo collegamento upstream con BP in Angola, il suo ingresso nel grande progetto North Field LNG del Qatar e ha dichiarato di essere in trattative per avviare una seconda nave GNL galleggiante al largo del Mozambico.

COSA FARA’ BP

BP ha mantenuto la sua strada che prevede investimenti tra i 9 e i 10 miliardi di dollari all’anno per gli idrocarburi in questo decennio, ma ha affermato di considerare l’aumento degli investimenti negli idrocarburi “marginali”.

“Siamo molto concentrati su dove possiamo, prendendo decisioni che allocano il capitale dove la sicurezza energetica può essere aiutata e dove possiamo ottenere buoni rendimenti”, ha affermato il CEO Bernard Looney, aggiungendo che BP probabilmente aggiungerà un impianto nel Golfo di Messico quest’anno.

BP si è impegnata a investire fino a 18 miliardi di sterline (22 miliardi di dollari) nel Regno Unito entro la fine del decennio, incluso nel Mare del Nord, dove Looney ha affermato che parte della spesa riguarderà progetti come lo sviluppo di Vorlich come “sicurezza energetica per oggi negli idrocarburi .”

Negli Stati Uniti, Looney della BP ha detto che sta “cercando di trovare un equilibrio” affittando un’altra piattaforma di perforazione nel Golfo del Messico e investendo in progetti di energia pulita.

Prendendo atto della proposta di legislazione statunitense sul nuovo leasing offshore, ha affermato; “Fa un cenno all’importanza del petrolio e del gas… che penso sia abbastanza sensato e pragmatico tra la fornitura della sicurezza energetica oggi, che è un sistema basato sugli idrocarburi per gli Stati Uniti e allo stesso tempo molte disposizioni sul clima. ”

MAGGIOR PARTE DEGLI UTILI ANCORA DAI FOSSILI PER LE MAJOR

Nonostante il calo dei volumi di produzione e gli impegni per l’energia pulita, le major europee dell’energia generano ancora di gran lunga la maggior parte delle loro entrate dai combustibili fossili. BP e Shell generano circa il 90% del loro flusso di cassa operativo dalla produzione e vendita di combustibili fossili.

Accelerata dalla pandemia, la spinta globale all’energia pulita ha costretto le major dell’energia a orientarsi rapidamente verso la spesa per il settore energetico e le energie rinnovabili. Petrolio e gas sono ora inquadrati come un’attività legacy in un declino gestito necessario per finanziare la transizione verso un’energia più pulita.

Ma la crisi globale dell’approvvigionamento energetico ha affinato le menti sulla sicurezza energetica. La carenza di offerta “è un problema globale e anche un problema che è derivato da decisioni politiche dei governi. L’industria ha investito collettivamente in modo significativo”, ha affermato Van Buerden della Shell.

INFLAZIONE E TASSE STRAORDINARIE

Finora almeno l’aumento dell’inflazione post-pandemia e i problemi della catena di approvvigionamento non hanno ancora intaccato i piani di spesa delle major energetiche. Shell e TotalEnergies, sebbene la pressione inflazionistica sia visibile sulle tariffe delle piattaforme di perforazione e sul costo dell’acciaio, stanno mitigando l’impatto ritardando le gare d’appalto su alcuni progetti. BP ha affermato che sta registrando un’inflazione del 30% nei pannelli solari, ma che i prezzi dell’energia più elevati significano anche che i suoi rendimenti dalle energie rinnovabili rimangono stabili.

A livello operativo, Equinor ha affermato che i prezzi più elevati combinati di elettricità e CO2 iniziano a incidere sui suoi costi. Con l’aumento dei guadagni di petrolio e gas, un certo numero di paesi ha anche imposto tasse inaspettate alle società energetiche nella speranza di coprire l’impatto dell’approvvigionamento dei prezzi dell’energia al consumo. Il Regno Unito ha annunciato una tassa straordinaria del 25% sui produttori di petrolio e gas.

Pouyanne di TotalEnergies ha affermato che la tassa costerebbe alla sua azienda 500 milioni di dollari, una spesa che sarà “assorbita” dall’aumento del flusso di cassa generato dall’aumento dei prezzi del gas. Oltre a simili imposte straordinarie in Italia, i due tributi creeranno 800 milioni di euro di costi aggiuntivi per Eni, ha affermato Descalzi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore