Fact checking e fake news

Petrolio, a giugno import della Cina a livelli record

Cina

Nella prima metà di luglio, tuttavia, si è notato un certo rallentamento negli acquisti da parte di Pechino

Con 12,9 milioni di barili al giorno, nel mese di giugno le importazioni di greggio della Cina hanno raggiunto livelli record, superando anche i massimi di maggio (11,3 milioni al giorno).

IMPORTAZIONI RALLENTATE A LUGLIO

Nella prima metà di luglio, tuttavia, si è notato un certo rallentamento negli acquisti da parte di Pechino. Un fatto che ha già destato qualche preoccupazione nel mercato petrolifero, che in questi mesi di crisi della domanda ha contato sulle importazioni cinesi per sostenere i prezzi.

Gli analisti si stanno interrogando sulle possibili cause dietro al minore appetito della Cina. Che potrebbe innanzitutto avere a che fare con l’aumento del costo del greggio: il benchmark Brent si scambia oggi a circa 43 dollari al barile, un prezzo più alto rispetto ai mesi scorsi, e questo potrebbe aver disincentivato l’acquisto di grossi carichi.

IL RUOLO DELLE ‘TEAPOTS’

Il governo cinese ha imposto un tetto equivalente a 40 dollari al barile al prezzo garantito per i carburanti prodotti dalle raffinerie. Se le abitudini dei giganti come Sinopec potrebbero restare tutto sommato invariate, lo stesso può non dirsi per le raffinerie indipendenti, dette teapots o “teiere”: alcune di queste hanno effettivamente ridotto le importazioni.

Le teapots potrebbero tuttavia tornare ad importare barili in grandi quantità nei prossimi mesi per sfruttare appieno i permessi di importazione di greggio concessi dal governo. Bloomberg prevede un loro ritorno nel mercato spot a settembre.

LE IMPORTAZIONI DA RUSSIA E STATI UNITI

Ad aprile la Cina ha acquistato 19,1 milioni di greggio Ural dalla Russia, un record. Il carico, per raggiungere i porti cinesi, richiede un viaggio di circa cinquanta giorni. Da allora però, dopo un aumento dei prezzi, la Cina ha tagliato le importazioni.

Allo stesso modo, Pechino ha ridotto anche gli acquisti di greggio dagli Stati Uniti e dal mare del Nord.