skip to Main Content

Petrolio africano verso il declino: pesano ostacoli strutturali e bassa domanda carburanti jet

Petrolio

Secondo l’analisi di Rystad Energy la capacità di produzione di petrolio diminuirà di quasi 420.000 b/g a circa 3,8 milioni di b/g entro la fine del 2021 e continuerà a ridursi a 3,5-3,6 milioni di b/g entro la fine del prossimo anno

La produzione mondiale di petrolio si sta lentamente riprendendo verso i livelli pre-Covid-19, ma in Africa occidentale la pandemia è destinata a lasciare cicatrici duraturi. La regione si trova infatti di fronte a numerose sfide mentre si sforza di guarire dalla pandemia, tra cui sotto-investimenti, mancanza di perforazioni in campi maturi e infrastrutture che stanno invecchiando o sono minacciate da altre ragioni. È quanto mostra un’analisi di Rystad Energy.

IL GREGGIO AFRICANO IL PREFERITO PER IL CARBURANTE AEREO

Il greggio dolce è il tipo di petrolio preferito per produrre carburante per aerei, il segmento più colpito dal crollo della domanda di petrolio lo scorso anno. La produzione di greggio dell’Africa occidentale è scesa a 3,71 milioni di barili al giorno lo scorso anno da 4,12 milioni di barili al giorno nel 2019 e quest’anno è destinata a diminuire ulteriormente a 3,39 milioni di barili al giorno. “Prevediamo che la produzione aumenterà nel 2022 e nel 2023 con il ritorno della domanda di carburante per aerei, ma la produzione dovrebbe scendere sotto i 3 milioni di barili al giorno già dal 2025, a meno che i pesi massimi Nigeria e Angola non possano organizzare un forte ritorno e scrollarsi di dosso le fosche tendenze di crescita del passato decennio”, ha sottolineato la società di consulenza energetica.

CAMBIO DI PROSPETTIVE CAUSATO DAL COVID

La produzione di petrolio dell’Africa occidentale non era destinata a seguire questa attuale proiezione prima del Covid-19: infatti, la regione era in linea per maggiori investimenti e attività, evidenzia il report. Tuttavia, i bassi prezzi del petrolio dello scorso anno e le condizioni di mercato instabili che sono proseguite nel 2021 hanno cambiato le prospettive, poiché i principali operatori hanno deciso di praticare la disciplina del capitale e limitare la loro esposizione agli investimenti in regioni tra cui l’Africa occidentale.

Di conseguenza, Rystad Energy ha ridotto le sue previsioni per la produzione di petrolio greggio dell’Africa occidentale di 600.000 b/g per il 2021 e di 650.000 b/g per il 2026, rispetto alle proiezioni pre-Covid-19.

BHUSHAN: ANCHE CON LA RIPRESA PESA IL DECLINO STRUTTURALE DEL SETTORE UPSTREAM

“Gli ostacoli strutturali a monte che l’Africa occidentale deve affrontare sono realtà che non se ne andranno a breve termine. Anche se il carburante per aerei registrerà una spettacolare ripresa assieme alla domanda di greggi leggeri e medi dolci, Nigeria e Angola, così come altri vicini in declino strutturale usptream, non saranno in grado di rifornire il mercato”, ha affermato Nishant Bhushan, analista settore usptream di Rystad Energy.

DECLINO DELLA REGIONE GUIDATO DA NIGERIA E ANGOLA

Il declino della regione nel 2021 è guidato dai suoi due maggiori produttori di petrolio, Nigeria e Angola, che insieme si stima abbiano perso 440.000 barili al giorno rispetto alle previsioni pre-Covid-19. “Stimiamo inoltre che la produzione di greggio sia diminuita significativamente in paesi come Congo, Gabon e Guinea Equatoriale, che insieme hanno prodotto tra 250.000 b/g e 300.000 b/g nel 2010. La Guinea Equatoriale ha visto una riduzione del 60% della produzione di petrolio e il Gabon quasi il 35% in gli ultimi 11 anni”, sottolinea il report.

La produzione di greggio dai paesi dell’Africa occidentale dovrebbe aumentare di pari passo con le controparti mediorientali grazie alle aperture di OPEC+. “Ma anche se i limiti di produzione dell’OPEC+ si sono gradualmente allentati, Nigeria e Angola non sono state in grado di tornare ai livelli di produzione pre-chiusura – ha osservato Rystad Energy -. La produzione grezza non è l’unica cosa che è stata colpita negli ultimi due anni. Dall’inizio del 2020, abbiamo anche visto il duro colpo inflitto alla capacità di produzione complessiva di greggio in Nigeria e Angola. Ciò è dovuto a una serie di ragioni, tra cui il rapido declino dei giacimenti maturi a causa della mancanza di perforazioni di riempimento, il rinvio delle decisioni finali di investimento originariamente previste per il 2020 e il 2021, la mancanza di investimenti nelle infrastrutture petrolifere e degli oleodotti che porta a frequenti blocchi della produzione (prevalente in Nigeria) e disordini civili causati da gruppi di miliziani”.

L’Africa occidentale non ha mai avuto molta capacità inutilizzata: la maggior parte dei paesi ha prodotto alla massima capacità anche se tale capacità stava gradualmente diminuendo. Quando l’OPEC+ ha presentato il suo massiccio programma di taglio di 9,8 milioni di barili al giorno nel maggio 2020, la regione aveva una capacità complessiva di produzione di petrolio di 4,2 milioni di barili al giorno. Stimiamo che questo sia diminuito di quasi 420.000 b/g a circa 3,8 milioni di b/g entro la fine del 2021 e continuerà a ridursi a 3,5-3,6 milioni di b/g entro la fine del prossimo anno”, evidenzia il report.

NIGERIA

La Nigeria produce greggi dolci che vanno dal leggero al pesante, ma la maggior parte dei volumi rientra tra i medi e i leggeri. Rystad Energy prevede che la produzione di tutti i tipi di greggio dolce in Nigeria diminuirà a causa del calo della produzione dei giacimenti maturi. Il maggiore calo della produzione di petrolio greggio è in qualità come Bonga, Egina e Qua IBoe, che si stima diminuiranno collettivamente da 180.000 b/g a 200.000 b/g entro il 2026 dal 2021. Altre qualità di greggio, come Forcados, Bonny Light, Escravos ed Erha, si stima che rimarranno poco scambiati, mentre si vedrà una certa crescita nei gradi grezzi come Amenam, Brass River e Jonas Creek.

“Il declino della produzione di petrolio della Nigeria negli ultimi anni sembra più strutturale in quanto il paese non è riuscito ad attrarre nuovi investimenti nella sua industria petrolifera e del gas, che si tratti di esplorazione, sviluppo di aree verdi o espansioni di aree dismesse. A breve termine, stimiamo che la produzione di petrolio greggio della Nigeria aumenterà a circa 1,55 milioni di barili al giorno nel 2022 e 1,58 milioni di barili al giorno nel 2023, con alcuni nuovi sviluppi marginali di giacimenti che aggiungeranno 30.000-35.000 barili al giorno nel 2022 e altri 35.000-40.000 barili al giorno nel 2023. allo stesso tempo, si stima che alcuni giacimenti attualmente in fase di accelerazione aggiungano 65.000-70.000 b/g nel 2022, ma solo 10.000-15.000 b/g nel 2023. Dopo il 2023, stimiamo che la produzione della Nigeria continuerà a diminuire a causa della mancanza di nuove scoperte, scendendo fino a 1,25 milioni di barili al giorno entro il 2026”, spiega Rystad Energy.

ANGOLA

Come la Nigeria, anche il calo della produzione di petrolio greggio in Angola è strutturale e la produzione è crollata dal 2015 – da 1,74 milioni di barili al giorno nel 2015 a quasi 1,11 milioni di barili al giorno nel 2021. Questo crollo della produzione è il risultato diretto della mancanza di nuovi investimenti nell’esplorazione e l’incapacità degli operatori di arrestare il declino della produzione nei giacimenti petroliferi maturi. Rystad Energy stima che i nuovi progetti upstream aggiungano 40.000-45.000 b/g quest’anno e altri 80.000-90.000 b/g nel 2022, ma questo non sarà sufficiente per fermare la spirale discendente che ridurrà la produzione di greggio dell’Angola tra 750.000 b/g e 800.000 b/g entro il 2026.

“L’Angola produce principalmente greggio dolce e prevediamo che la produzione di tutti i principali tipi di greggio dolce diminuirà nei prossimi anni. Vediamo un calo complessivo della produzione di greggio da dolce a normale di quasi 300.000 barili al giorno dal 2021 al 2026, un calo di circa il 30%. Si stima che le principali qualità di greggio come Nemba, Dalia, Mostarda, Gindungo, Girassol e Kissanje diminuiranno cumulativamente di 280.000-300.000 barili al giorno nel 2026 dal 2021. Si stima che alcune qualità di greggio più piccole come Sangos, Saturno, Cabinda e Plutonio rimarranno a livelli simili o in aumento di 15.000-20.000 b/g messi insieme”, ha concluso la società di consulenza nel suo report.

Back To Top