skip to Main Content

Vincitori e vinti del petrolio a 100 dollari

Gas

Da inizio anno il petrolio è salito di oltre il 30% e potrebbe continuare il suo rally fino a toccare quota 100, facendo inevitabili vinti e vincitori

I prezzi del petrolio continuano a salire, mentre il Wti si avvicina ai 75 dollari al barile, il Brent è sopra di 10 dollari, avvicinandosi agli 85. E Bank of America Merrill Lynch sostiene che entro la fine dell’anno il prezzo dell’oro nero potrebbe toccare anche i 95 dollari al barile e spingersi a quota 100.

Un prezzo così, però, porterebbe anche vincitori e vinti, come si legge nel report della BofA
“Cosa succede se il petrolio va a 100 dollari?”.

LA CORSA DEL PETROLIO

Partiamo da qui. Da inizio anno, il prezzo del greggio è salito di oltre il 30%. Diverse le cause della corsa: le sanzioni all’Iran che dovrebbero partire a novembre 2018, dopo l’uscita degli Usa dall’accordo sul nucleare, il crollo di produzione del Venezuela e le difficoltà (sempre di produzione) degli Usa.

VINCITORI E VINTI

Il petrolio a 100 dollari avrebbe i suoi vincitori: A poter gioire, secondo la Bank of America Merrill Lynch,sarebbero gli Stati Uniti, l’Australia e il Brasile che vedono aumentare la loro produzione. E tra i vinti, invece, si collocano Giappone e Gran Bretagna.
Tanto, dipenderà dal dollaro: “Un apprezzamento del dollaro vorrebbe dire un prezzo ancora più elevato per chi importa petrolio. Questo polarizzerebbe ancora di più la situazione: chi importa petrolio soffrirebbe di più, mentre chi esporta guadagnerebbe di più. Al contrario un dollaro debole smusserebbe l’impatto per gli importatori”, dicono gli economisti della Banca.
“Il petrolio a 100 dollari – spiega la BofA – toglierebbe due decimi alla crescita mondiale nel 2019. Non è un forte impatto, ma non va nemmeno sottovalutato. In generale mettiamo il rischio di uno shock petrolifero tra i tre grandi rischi da monitorare, insieme alla guerra commerciale e al sentimento di exit in Europa. Inoltre con l’offerta di petrolio attuale nuove ragioni di riduzione porterebbero a fiammate nei prezzi, creando effetti non lineari sulla fiducia e sulla crescita”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore