Scenari

Petrolio e gas, i robot pronti a sostituire i lavoratori. Il report Rystad Energy

gas
The 25-metre-long connecting segment between the onshore and offshore parts of Line 1 of the Nord Stream Pipeline is precisely positioned in order to complete the final weld, or golden weld.

A rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro nel settore petrolifero e del gas, per risparmiare miliardi sui costi di perforazione entro il 2030

Anche quando la crisi del Covid-19 sarà finalmente passata, gli operatori del settore petrolio e gas dovranno continuare a esplorare nuove strade per la riduzione dei costi per essere meglio attrezzati per resistere ai futuri cali del mercato. In un rapporto che ha esaminato l’adozione della robotica nell’industria petrolifera, Rystad Energy ha scoperto che le soluzioni esistenti potrebbero sostituire centinaia di migliaia di posti di lavoro nel settore del petrolio e del gas a livello globale e ridurre i costi del lavoro di perforazione di diversi miliardi di dollari entro il 2030, se mai ci sarà una spinta del settore per una tale transizione.

IL SEGMENTO DELLA ROBOTICA E LE PERFORAZIONI

Uno dei segmenti con molto da guadagnare dall’adozione della robotica è la perforazione, poiché è molto costosa e comporta lo svolgimento di attività pericolose in ambienti difficili. Le soluzioni robotiche sono già state introdotte con successo nelle operazioni di perforazione, con aziende come Nabors in prima linea nello sviluppo.

Applicando le specifiche dei fornitori attuali, che suggeriscono che i sistemi di perforazione robotici possono potenzialmente ridurre il numero di roughneck richiesti su una piattaforma di perforazione dal 20% al 30%, Rystad Energy stima che una tale riduzione delle squadre di perforazione sia offshore che onshore può portare a risparmi sui costi di più di 7 miliardi di dollari di salari solo negli Stati Uniti, sulla base degli attuali livelli salariali.

OPERAZIONI DI ISPEZIONE, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

Le operazioni di ispezione, manutenzione e riparazione (IMR) sono anch’esse ideali per le operazioni robotiche ed è il segmento in cui l’adozione della robotica, secondo Rystad Energy ha ottenuto la maggiore trazione tra gli operatori negli ultimi anni. Finora questo è stato principalmente limitato alle attività IMR sottomarine, “ma ora stiamo iniziando a vedere le soluzioni robotiche IMR utilizzate anche per le zone superiori.”

ALMENO IL 20% DEI LAVORI NEI SEGMENTI PERFORAZIONI, SUPPORTO OPERATIVO E MANUTENZIONE POTREBBE IN TEORIA ESSERE AUTOMATIZZATO NEI PROSSIMI 10 ANNI

Nel complesso, Rystad Energy ritiene che almeno il 20% dei lavori in segmenti quali perforazione, supporto operativo e manutenzione potrebbe in teoria essere automatizzato nei prossimi 10 anni. Guardando l’attuale numero di dipendenti di alcuni paesi produttori di petrolio e gas, gli Stati Uniti potrebbero ridurre il fabbisogno di personale di oltre 140.000 dipendenti e la Russia di oltre 200.000. Canada, Regno Unito e Norvegia potrebbero perdere tra 20.000 e 30.000 posti di lavoro ciascuno, ammette la società di ricerca.

YADAV: GLI OPERATORI DEVONO ESSERE CONSAPEVOLI CHE QUESTI RISPARMI SARANNO PARZIALMENTE COMPENSATI DAI NOTEVOLI INVESTIMENTI RICHIESTI PER QUESTE SOLUZIONI

“Nonostante l’enorme potenziale della robotica, gli operatori devono essere consapevoli che questi risparmi saranno parzialmente compensati dai notevoli investimenti richiesti per l’adozione di queste soluzioni, che possono variare a seconda della struttura dei costi e se i robot sono di proprietà o in leasing”, afferma Sumit Yadav, analista dei servizi energetici presso Rystad Energy.

SOLUZIONI MIGLIORE DEI ROV

Tuttavia, la prossima generazione di soluzioni robotiche sta già emergendo all’interno dell’IMR sottomarino sotto forma di soluzioni robotiche subacquee che offrono costi significativamente inferiori e una migliore portata rispetto a un convenzionale veicolo a comando remoto (ROV). Mentre un ROV convenzionale deve essere inviato dalla superficie, questi nuovi sistemi possono rimanere sott’acqua in modo permanente e accedere facilmente a luoghi difficili da raggiungere per i ROV convenzionali, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

L’ESEMPIO DI EQUINOR

Un esempio è l’unità di armi robotiche semoventi Eelume, sviluppata da Kongsberg Maritime e utilizzata dall’operatore norvegese Equinor. Grazie al loro design a forma di serpente, i bracci robotici hanno la flessibilità e l’agilità per transitare su lunghe distanze e svolgere attività IMR sottomarine come ispezione visiva, pulizia e funzionamento di valvole e strozzatori in spazi altamente ristretti.

NON SEMPRE C’E’ UNA RIDUZIONE DELLA MANODOPERA

Tuttavia, non tutta la digitalizzazione e la robotizzazione si traducono in una riduzione della manodopera. Ad esempio, Transocean ha introdotto una tecnologia di sicurezza indossabile che allarma un membro dell’equipaggio se si avvicina troppo alle attrezzature di perforazione. Se il membro dell’equipaggio continua a non mantenere una distanza di sicurezza, l’allarme spegnerà l’apparecchiatura.

L’ESEMPIO DI DIAMOND OFFSHORE

Allo stesso modo, Diamond Offshore ha lanciato il primo servizio di prevenzione dello scoppio cibernetico (BOP) del settore. Il servizio denominato Sim-Stack esegue una replica virtuale del BOP idraulicamente ed elettricamente per valutarne lo stato di salute generale e la conformità normativa. Il sistema fornisce informazioni molto più rapide sui guasti dei componenti, riducendo i tempi di fermo e migliorando la sicurezza, e può essere utilizzato anche per la formazione del personale, secondo l’operatore dell’impianto.

“Mentre l’emergere della robotica nell’industria petrolifera e del gas sembra inevitabile, riteniamo che l’adozione su vasta scala sia ancora a pochi anni di distanza poiché l’affidabilità a lungo termine della robotica in ambienti 3D complessi come quelli che si trovano sulle piattaforme offshore deve ancora essere testato – ha evidenziato Rystad Energy -. Un’altra sfida nell’implementazione della robotica sono le capacità di comunicazione limitate, specialmente tra le unità di robotica. Se i robot devono sostituire completamente gli esseri umani, è imperativo che questi sistemi comunichino senza interruzioni per sbloccare il vero valore. L’implementazione di tali sistemi di comunicazione è complessa e costosa”.

PROBABILE RESISTENZA DEI SINDACATI

Infine, “è probabile che i tagli di posti di lavoro dovuti alla robotica incontrino una certa resistenza da parte delle organizzazioni sindacali e anche i processi di lavoro robotizzati potrebbero dover superare gli ostacoli normativi poiché le autorità cercano di garantire che i cambiamenti operativi indotti dalla nuova tecnologia soddisfino gli standard di sicurezza e ambientali”, ha concluso la società di consulenza.