skip to Main Content

Petrolio: Ecco perché la Russia si scrollerà di dosso i tagli Covid-19 da gennaio 2022

Russia

L’Analisi di Rystad Energy prevede che la Russia raggiunga un nuovo record all’inizio del 2022 e il picco nel 2023

Il recente accordo della coalizione OPEC+ per aumentare costantemente la produzione di petrolio sta aprendo la strada alla Russia per scrollarsi di dosso le riduzioni di Covid-19. Il paese è sulla buona strada per stabilire un nuovo record mensile di produzione di greggio e condensato di 11,6 milioni di barili al giorno già a gennaio 2022. Lo rivela un’analisi di Rystad Energy. La macchina petrolifera russa accelererà quindi ulteriormente fino a un picco di quasi 12,3 milioni di barili al giorno a metà del 2023.

2023 ANNO DI PICCO

L’attuale record di produzione mensile di petrolio e condensato della Russia è stato stabilito a dicembre 2018 con 11,5 milioni di barili al giorno. Le proiezioni di Rystad Energy indicano il 2023 come anno di picco anche a livello di produzione annuale, prevista a 12,2 milioni di barili al giorno. La crescita della produzione a breve e medio termine del paese sarà trainata dai progetti greenfield di Rosneft e Gazpromneft.

A MAGGIO 2022 EGUAGLIATO IL RECORD 2020

La Russia dovrebbe stabilire nuovi record anche per il solo petrolio. Il suo record mensile esistente di 10,7 milioni di barili al giorno da aprile 2020 sarà eguagliato entro maggio 2022. La produzione di greggio continuerà a salire fino a raggiungere un picco di 11,4 milioni di barili al giorno a metà del 2023, prima di iniziare a diminuire.

“La produzione russa aumenterà da campi relativamente nuovi: campi con produzione precoce e campi di produzione con tassi di esaurimento dal 25% al 50%. Gli operatori non saranno in grado di aumentare la produzione da giacimenti maturi, poiché sarà difficile e costoso riportare in linea i pozzi che sono stati chiusi per conformarsi ai tagli alla produzione dell’OPEC+”, ha affermato Daria Melnik, analista senior di Rystad Energy.

L’ACCORDO CON OPEC+

Dopo che i negoziati sono falliti all’inizio di luglio, il gruppo OPEC+ ha raggiunto un accordo a metà luglio per aumentare la produzione di 400.000 b/g ogni mese, a partire da agosto 2021 fino alla fine del 2022. Il livello di produzione di base per la Russia è stato rivisto a 11,5 milioni di b/g, un incremento di 500.000 bpd rispetto alla precedente produzione di riferimento. Va notato che la produzione di petrolio greggio del Paese non ha mai superato gli 11 milioni di barili al giorno.

IL RUOLO DI ROSNEFT E GAZPROMNEFT

La sola Rosneft contribuirà a più della metà della capacità inutilizzata della Russia. I progetti greenfield della società aggiungeranno circa 250.000 b/g entro il 2022 e circa 380.000 b/g entro il 2025. L’operatore sta portando avanti i suoi piani di sviluppo greenfield ed è sulla buona strada con i principali progetti petroliferi.

Gazpromneft sarà il secondo maggior contributore alla crescita della produzione di liquidi in Russia nel 2022, con progetti greenfield come forza trainante. Entro il 2025, circa il 40% della produzione gestita da Gazpromneft proverrà dai primi giacimenti e dai progetti attualmente in fase di sviluppo, con una quota della produzione totale di questi ultimi che raggiungerà il 7%.

Altri operatori russi – tra cui Lukoil, Surgutneftegas e player più piccoli come Bashneft e Russneft – hanno portafogli meno diversificati di Rosneft e Gazpromneft, con una bassa quota di progetti greenfield. Pertanto, non dovrebbero contribuire molto alla crescita della produzione di liquidi a livello nazionale, ha concluso Ryustad Energy.

Back To Top