Advertisement vai al contenuto principale
Prezzi Elettricità

Petrolio, il Brent sfonda gli 86 dollari al barile e Barclays alza le previsioni per il 2024

Per la banca “il rallentamento della crescita dell’offerta non OPEC+ e la persistente sottoproduzione di diversi produttori OPEC+ a causa di vincoli strutturali rafforzano la nostra tesi principale dietro una visione costruttiva sui prezzi del petrolio”

Il prezzo di un contratto futures per il petrolio greggio Brent con consegna a novembre è salito sopra gli 86 dollari al barile sull’ICE di Londra per la prima volta dallo scorso 15 agosto. Alle 12:52 ora di Mosca, riporta l’agenzia russa TASS, il prezzo del Brent è aumentato dello 0,64%, a 86,08 dollari al barile.

IL PREZZO DEL BRENT INTORNO AGLI 86 DOLLARI AL BARILE

Alle 13:07 ora di Mosca, il prezzo del Brent ha raggiunto gli 85,98 dollari (+0,53%). Allo stesso tempo, i futures sul petrolio greggio WTI con consegna a ottobre sono aumentati dello 0,28%, a 81,72 dollari al barile.

BARCLAYS ALZA PREVISIONI SUL PREZZO PER IL 2024

Nel frattempo, oggi Barclays ha alzato le sue previsioni sul prezzo del Brent per il 2024 di 8 dollari al barile, portandole a 97 dollari al barile, poiché prevede che il prossimo anno gli equilibri di mercato si restringeranno ulteriormente. “Il rallentamento della crescita dell’offerta non OPEC+, guidata principalmente dagli Stati Uniti, e la persistente sottoproduzione di diversi produttori OPEC+ a causa di vincoli strutturali rafforzano la nostra tesi principale dietro una visione costruttiva sui prezzi del petrolio”, ha affermato Barclays in una nota.

I TAGLI ALLA PRODUZIONE DI PETROLIO DI ARABIA SAUDITA E RUSSIA

All’inizio di questo mese, l’Arabia Saudita ha esteso il suo taglio volontario alla produzione di 1 milione di barili al giorno fino alla fine di settembre, aggiungendo che potrebbe essere esteso oltre tale data. Anche la Russia ha annunciato che a settembre taglierà le esportazioni di petrolio di 300.000 barili al giorno.

LE PREVISIONI DI BARCLAYS SULL’OFFERTA DI PETROLIO

Barclays prevede un deficit di offerta di 670 mila barili al giorno (kb/g) nel 2023 e di 250 kb/g nel 2024 e raccomanda di andare lunghi sullo spread call di 90-95 dollari al barile sul contratto Brent di gennaio 2024 ad un costo netto di 1,1 dollari al barile.

Tuttavia, la banca ha abbassato le previsioni sul Brent per il 2023 di 3 dollari al barile, portandole a 84 d/b, ma ha lasciato invariate le prospettive per il quarto trimestre, a 92 dollari al barile. I futures del Brent per ottobre alle 07:48 GMT di oggi venivano scambiati intorno a 86 dollari al barile.

“Una bagarre tra i principali produttori e consumatori è visibile negli sforzi del G7 per limitare i prezzi delle esportazioni russe e nell’annuncio dell’OPEC+ di significativi aggiustamenti volontari alla produzione”, ha affermato la banca, aggiungendo che “l’urgenza di mantenere i prezzi sotto controllo è visibile anche nello sfruttamento delle riserve petrolifere strategiche da parte degli Stati Uniti e di altri consumatori chiave, nell’apertura degli USA al Venezuela e nel potenziale accordo informale con l’Iran”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su