Advertisement Skip to content
Rinnovabili

Perché le rinnovabili in Europa non trovano ‘terreno fertile’

Anche se le autorizzazioni nell’UE diventeranno più agevoli, garantire così tanto terreno disponibile per centinaia di gigawatt di capacità aggiuntiva di rinnovabili potrebbe rappresentare una grande sfida per l’Europa

Per quanto i minerali critici siano importanti per la transizione energetica, se i paesi non hanno abbastanza ampi tratti di terra per implementare le tecnologie rinnovabili prodotte da questi materiali critici, non saranno all’altezza dei propri obiettivi di un rapido lancio di fonti energetiche rinnovabili; scrive Oilprice. La risorsa cruciale per l’accelerazione della capacità di generazione di energia solare ed eolica è la disponibilità di terreni per lo sviluppo delle energie rinnovabili e le relative normative in materia di autorizzazioni e biodiversità.

L’EUROPA PUNTA ALLE RINNOVABILI, MA…

Il piano dell’UE REPowerEU ha fissato un obiettivo di 1.236 GW di capacità rinnovabile entro il 2030, richiedendo l’aggiunta di oltre 700 GW di capacità rinnovabile aggiuntiva tra il 2023 e il 2030, triplicando le installazioni annuali rispetto alla capacità aggiunta dal 2014 al 2022, che era di circa 230 GW, hanno stimato gli analisti di McKinsey Tuttavia, trovare terreni disponibili per nuovi sviluppi sta diventando un compito sempre più impegnativo.

All’inizio di quest’anno, gli Stati membri dell’Unione europea e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico per aumentare la quota mirata di energia rinnovabile nel consumo energetico dell’UE al 42,5% entro il 2030, rispetto all’attuale obiettivo del 32%. L’obiettivo del 42,5% sarà vincolante – una volta che diventerà legge dopo l’approvazione sia del Consiglio dell’UE che del Parlamento europeo – mentre una quota del 45% di energia rinnovabile nel consumo energetico del blocco entro il 2030 è un obiettivo ambizioso indicativo ai sensi dell’accordo. L’accordo provvisorio include anche procedure di autorizzazione accelerata per progetti di energia rinnovabile, con l’obiettivo di accelerare la diffusione delle energie rinnovabili e consentire all’UE di diventare indipendente dalle fonti energetiche russe il prima possibile.

LE ABIZIONI RICHIEDONO TEMPI LUNGHI

Ci vogliono fino a nove anni in alcuni paesi per concedere un permesso per un singolo progetto, il che è incompatibile con le ambizioni dell’UE: l’anno scorso l’UE ha installato solo 16 GW di nuovo vento quando in realtà ha bisogno di 31 GW all’anno in media fino al 2030 per raggiungere i suoi obiettivi, ha osservato WindEurope.
SolarPower Europe afferma che “l’UE sta affrontando una doppia sfida per garantire la qualità ambientale e la velocità di implementazione per un’energia solare sicura, sostenibile e conveniente” e osserva che il fotovoltaico fotovoltaico agricolo o il fotovoltaico galleggiante potrebbero essere parte della soluzione.

E MANCANO I TERRENI

L’Europa – riporta Oilprice – ha bisogno di molto terreno per raggiungere i suoi obiettivi di capacità di installazione solare ed eolica. Le tre maggiori economie dell’UE – Germania, Francia e Italia – dovrebbero rappresentare circa la metà delle aggiunte di capacità per raggiungere gli obiettivi del 2040, secondo gli analisti di McKinsey. Ma raggiungere questi obiettivi richiederebbe un’area combinata di ulteriori 23.000-35.000 chilometri quadrati di terreno, equivalente alle dimensioni del Belgio. Considerando che la terra sarà necessaria anche per la produzione di bioenergia con la cattura del carbonio e per la produzione di carburanti verdi, la sfida della terra sta diventando sempre più grande, affermano gli analisti di McKinsey.

LA SITUAZIONE IN GERMANIA E IN ITALIA

La Germania – riporta Oilprice – ha bisogno di 104 GW di capacità eolica onshore aggiuntiva per raggiungere gli obiettivi rinnovabili del 2040, mentre l’Italia avrebbe bisogno di 63 GW di capacità di energia solare aggiuntiva per raggiungere tali obiettivi, secondo l’analisi di McKinsey.

Tuttavia, in Italia, la terra per il solare fotovoltaico è limitata a causa delle limitazioni normative sull’uso dei terreni coltivati, che rappresentano circa un terzo della superficie totale e l’80% della terra totale disponibile dopo i vincoli tecnici. Allo stesso modo, in Germania, le regole sulla distanza dagli insediamenti e dalle infrastrutture per l’eolico onshore variano da stato a stato, e circa il 60% del terreno idoneo del paese viene escluso dalla considerazione in base a queste regole, secondo McKinsey.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su