skip to Main Content

Russia, extra gettito dal petrolio dà fiato ai bilanci del Cremlino

Russia

I prezzi alti del petrolio potrebbero essere sufficienti per consentire al bilancio di ricevere un ulteriore 2,3% del prodotto interno lordo

L’aumento dei prezzi del petrolio e un rublo debole potrebbero fornire al Cremlino fino a 33 miliardi di dollari in contanti extra per la spesa sociale quest’anno, dando a Vladimir Putin i mezzi finanziari per aiutare a prevenire il crescente malcontento pubblico. È quanto scrive Bloomberg.

Grazie a un aumento dei prezzi del 21% quest’anno, la Russia ora ha a disposizione più rubli per barile di greggio Brent rispetto a qualsiasi altro periodo dalla metà del 2019. Se il petrolio rimarrà alto, la fiammata dei prezzi potrebbe essere sufficiente per consentire al bilancio di ricevere un ulteriore 2,3% del prodotto interno lordo, secondo Sova Capital a Mosca.

“È molto importante stimolare le imprese e i consumatori il cui reddito disponibile è diminuito lo scorso anno – ha detto Artem Zaigrin, capo economista di Sova Capital a Mosca -. Senza finanziamenti aggiuntivi, ci sono rischi che la ripresa economica svanisca”.

Back To Top