Territori

Sardegna, Avenir sbarca nell’isola per fornire Gnl

Avenir

Da novembre il terminale di Santa Giusta di Avenir sarà operativo, riceverà il Gnl dalle sue navi e lo metterà a disposizione di tutti coloro che vorranno acquistarlo

Tra dorsale e virtual pipeline, in Sardegna spunta un’altra realtà, in attesa che si chiarisca in che modo l’isola verrà metanizzata: si tratta di Avenir, società leader nel commercio di Gnl di piccola taglia che è appena sbarcata a Santa Giusta dove realizzerà un terminal per il gas liquefatto che sarà operativo già da novembre per rifornire di combustibile chiunque lo vorrà. A riportare la notizia è La Nuova Sardegna aggiungendo che “la società di diritto britannico leader mondiale nel commercio di Gnl di piccola taglia” e “ha acquistato a sua volta la società (la Higas) che sta completando il primo dei tre depositi costieri dell’oristanese”.

COSA HA DETTO L’AD DI AVENIR MILORAD DOLJANIN

Il neo amministratore delegato di Avenir Milorad Doljanin ha sangue sardo nelle vene (la nonna è di Pozzo maggiore) ha annunciato la novità e cioè che da “novembre il terminale di Santa Giusta di Avenir sarà operativo, riceverà il Gnl dalle sue navi e lo metterà a disposizione di tutti coloro che vorranno acquistarlo, imprese o consorzi, gestori di bacini del gas vicini o lontani dal terminale, ad un prezzo definito ‘molto competitivo’ (in realtà di pochissimo superiore al prezzo pagato in Italia dagli altri venditori di gas all’utenza finale) – si legge sul quotidiano -. Milorad Dolianin prima dell’annuncio vuol fare una premessa, unico accenno diretto al dibattito politico. ‘Abbiamo parlato con tutti, a Roma, a Cagliari, nei tentori. l nostri interlocutori ci hanno chiesto una sola cosa: portate il prima possibile il metano in Sardegna, non perdete tempo, aiutateci a stimolare l’economia. E noi lo abbiamo fatto. Il confronto sulle infrastrutture, sulla dorsale, su come alimentare le future centrali a gas è importante, ma riguarda il futuro, cinque anni, forse dieci. Il metano serve adesso, e noi questo facciamo in tutto il inondo: portare il metano dove serve. Subito, adesso. I tempi sono essenziali, per voi, ma sono la regola base per noi’”.

INGLESI DISPOSTI A PORTARE IL METANO OVUNQUE CON CARRI BOMBOLA

“’Voi siete l’unica area in tutto il Mediterraneo che disporrà di Gnl acquistato sul mercato mondiale e importato senza altri intermediari. Sprecare questa opportunità non conviene a nessuno. I benefici arriveranno subito, non tra anni’”, le parole di Dolianin sul quotidiano, che prosegue: “Gli inglesi sono disposti a portare il metano ovunque, con una flotta di carri bombola’ anche essi alimentati a metano, anche ipotizzando piccoli depositi per ogni bacino o area di bacini. Uno scenario diverso da quello pensato dalla Regione, più vicino a quello ipotizzato dal governo, anche se Avenir ripete in continuazione di volersi tener fuori dalle polemiche politiche”.

PIU’ INTERESATA AL NORD CHE AL SUD DELL’ISOLA

“I progetti di Avenir non si conoscono in dettaglio. Si sa che è più interessata al nord che al sud dell’isola, e che ‘non ci sono limiti negli investimenti, soprattutto con i tassi di interesse così bassi. L’unica richiesta che arriva dagli azionisti è questa: investite dove i vostri interlocutori vogliono lavorare intensamente e rapidamente con voi. Per questo siamo pronti a fare altri investimenti in Sardegna, dove già oggi diamo lavoro a oltre cento persone in pianta stabile. L’unica variabile – conclude Milorad – è il tempo. Decisioni rapide e condivise e poi tutti a lavorare verso lo stesso obiettivo’”, ha concluso il quotidiano.