Scenari

Sul Gnl è battaglia tra Russia, Qatar e Usa

Avenir

Lo stato attuale del mercato suggerisce che il triangolo Mare del Nord – Benelux – Regno Unito, Francia settentrionale – sarà testimone di un grande contest in cui la redditività del Gnl non sarà affatto la causa più pertinente di azione

Il drastico calo del prezzo del petrolio del 2020, indotto dall’epidemia di coronavirus e dalla disputa sui prezzi russo-saudita, ha devastato gli interessi commerciali in tutto il mondo. A risentirne parecchio, oltre ai produttori tradizionali, anche le aziende statunitensi che si trovano di fronte a una nuova realtà. E che, invece di sperimentare una traiettoria di crescita come previsto, nel 2020 assisteranno molto probabilmente a un calo della produzione annuale di petrolio di circa 0,5 milioni di barili al giorno, fino al livello di 11,76 mln di barili giornalieri secondo le ultime previsioni della Eia.

I PRODUTTORI AMERICANI A FORTE RISCHIO

I produttori statunitensi di piccole e medie dimensioni si stanno preparando a una serie di fallimenti, mentre quelli con legami politici più solidi stanno cercando di salvare un accordo che darebbe qualche speranza per un rapido aumento dei prezzi, con le major nel frattempo impegnate nel taglio del Capex e nel rinvio dei grandi investimenti. Ma non sono solo i produttori di petrolio a doversi preparare a una piccola rivoluzione: gli esportatori di Gnl saranno i prossimi, come si può capire guardando alla situazione attuale dell’Europa.

A MARZO RECORD IMPORT DI GNL IN EUROPA

La doppia impennata dei prezzi del petrolio e la diminuzione della domanda di Gnl dettata dal coronavirus è ancora in fase di relativa ascesa in Europa. Nel marzo 2020 si è registrato il più alto livello di importazione mensile di Gnl in Europa, con 10,45 milioni di tonnellate di gas liquefatto transitate, spalmate su 170 carichi. Con i prezzi scesi a minimi storici, c’era da aspettarselo, nonostante il caldo inverno del 2019/2020.

MERCATO ASIATICO BLOCCATO PER IL GNL

Il Covid-19 ha completamente tagliato, inoltre, l’hype a breve termine. La domanda cinese di gas liquefatto sta ancora tornando ai livelli pre-Covid, mentre l’India ha dichiarato il blocco totale, il Giappone ha dichiarato lo stato di emergenza almeno fino al 6 maggio e la Corea del Sud ha già chiesto ai fornitori di Gnl spot di ritardare le consegne a causa della mancanza di domanda: in un simile contesto, la perdita dello sbocco sul mercato europeo potrebbe avere, dunque, conseguenze nefaste.

EUROPA MERCATO MIGLIORE ORA PER IL GNL

Il Qatar, che rifornisce il mercato asiatico di Gnl con 4-5 milioni di tonnellate al mese, deve infatti far fronte a una domanda che vacilla nel suo mercato principale di esportazione da almeno diversi mesi. Nonostante i prezzi del gas liquefatto fornito rimangano inferiori a 2/MMbtu in tutte le principali economie europee, i bassi costi di produzione, la massiccia disponibilità di risorse e la mancanza di concorrenza interna lo pongono in una posizione favorevole per quanto riguarda la corsa al ribasso in Europa.

“Per molti analisti, il dilemma principale del mercato europeo del gas è sempre stato se il Gnl statunitense potesse prevalere sulle forniture di gasdotti russi, ma ora le possibilità di concorrenza si sono ampliate in modo esponenziale. Oltre al combustibile statunitense e a quello tramite gasdotto fornito da Gazprom, anche il Qatar entrerà in concorrenza con il Gnl russo sotto forma di un aumento delle forniture provenienti da Yamal” di cui possiede una quota, ha sottolineato Oilprice.

SI INTENSIFICA LA BATTAGLIA PER L’EUROPA

Le esportazioni di Yamal Lng verso il terminale di liquefazione di Zeebrugge in Belgio, uno dei principali punti di trasbordo per il Gnl proveniente dalla penisola russa, hanno raggiunto il massimo storico a marzo 2020, tanto da aver costretto i belgi a mettere in funzione un quinto serbatoio di stoccaggio per i volumi russi. “Sebbene non si tratti di un picco di esportazione di per sé, né verso l’Europa né a livello globale in tutti i continenti (entrambi avvenuti nel dicembre 2019), vi è una forte indicazione che Novatek e i suoi partner in Yamal Lng stiano iniziando a dare priorità al mantenimento della quota di mercato rispetto a profitti sempre più esigui. Con il mercato cinese – finora un fattore di attrazione significativo per i volumi di Yamal Lng – tutto tranne che inesistente per i carichi in arrivo a marzo e aprile, la battaglia per l’Europa sembra intensificarsi”, ha chiarito ancora Viktor Katona in un’analisi su Oilprice.

SPINTA SIMULTANEA DI RUSSIA E QATAR LASCERANNO POCO SPAZIO AL GNL USA

“Quanto segue potrebbe sembrare un po’ illogico, dato che l’Europa è attualmente alle prese con l’epidemia di Covid-19 e tutti i paesi incontreranno enormi difficoltà a mantenere numeri positivi nella crescita economica quest’anno: ma c’è una potente controargomentazione per evitare che le consegne di Gnl in Europa diminuiscano così drasticamente come la domanda di petrolio – si legge su Oilprice -. Questo motivo è il più basso prezzo del Gnl di tutti i tempi. Anche il Qatar lo capisce e sta cercando di assicurarsi il mercato britannico, del Benelux e quello italiano, dove Qatargas ha impegni a lungo termine, evitando nel contempo forniture spot in Spagna e altrove. La spinta simultanea del Qatar e della Russia lascerà pochissimo spazio al Gnl americano – che ha raggiunto il picco di 3,1 milioni di tonnellate a febbraio – e se le cose dovessero andare così le consegne di aprile dovrebbero scendere del 50% rispetto al massimo storico”.

NON SARA’ IL PROFITTO A GUIDARE LA BATTAGLIA IN EUROPA MA LA QUOTA DI MERCATO

Insomma, la dinamica della domanda cinese spingerà Qatar, Russia e Stati Uniti a lottare anche per la domanda europea di Gnl. “Le consegne di gas liquefatto dal Qatar alla Cina sono state stagionali – dopo il picco di domanda di gennaio si sono ridotte nei mesi primaverili, per cui il calo della domanda indotto dal virus corona in Cina non ha avuto un effetto così catastrofico -. Il Gnl russo di Yamal sarà ostacolato dal congelamento della rotta del Mare del Nord – un viaggio che richiede molto più tempo e sforzo di un rapido trasbordo in Belgio o nei Paesi Bassi – e sarà solo a partire da giugno 2020 che i carichi di Gnl di Yamal cominceranno a oratore sull’intera tratta. Pertanto, lo stato attuale del mercato suggerisce che il triangolo Mare del Nord – Benelux – Regno Unito, Francia settentrionale – sarà testimone di un grande contest in cui i numeri della redditività non saranno affatto la causa più pertinente di azione”, ha concluso Oilprice