Energie del futuro

TerraPower costruirà in Wyoming il primo reattore nucleare Natrium

terrapower

A fine 2020 gli Stati Uniti hanno assegnato 80 milioni a TerraPower per la dimostrazione della tecnologia Natrium sui reattori nucleari

La società di tecnologie nucleari TerraPower, fondata da Bill Gates, e la compagnia elettrica PacifiCorp, legata al gruppo Berkshire Hathaway di Warren Buffet, hanno selezionato lo stato americano del Wyoming per il primo progetto di reattore avanzato di tipo Natrium.

L’impianto dimostrativo sorgerà sul sito di una centrale a carbone dismessa. I dati esatti della sua localizzazione verranno forniti entro la fine dell’anno.

UNA TECNOLOGIA PULITA PER LA DECARBONIZZAZIONE

I nuovi reattori nucleari, dalle dimensioni ridotte e alimentati con combustibili diversi rispetto a quelli tradizionali, sono considerati una tecnologia “pulita” – per quanto riguarda l’assenza di emissioni di CO2 – di importanza cruciale per il processo di decarbonizzazione, che può affiancare le fonti rinnovabili come l’eolico e il solare e compensare la loro intermittenza di generazione.

Il governatore del Wyoming, Mark Gordon, ha parlato infatti del nucleare avanzato come del “corso più veloce e più ovvio per noi per diventare carbon-negative”. Il Wyoming è il primo stato americano in quanto a produzione di carbone.

COSTI E TEMPI

Il progetto prevede un reattore nucleare veloce refrigerato al sodio da 345 megawatt, dotato di un sistema di stoccaggio a sali fusi che può far crescere la produzione di energia fino a 500 MW nei periodi di picco della domanda. Gli impianti avranno un costo di circa 1 miliardo di dollari.

Sul finire del 2020 il dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha assegnato a TerraPower 80 milioni di fondi iniziali per la dimostrazione della tecnologia Natrium, promettendo finanziamenti ulteriori in futuro.

Chris Levesque, presidente e amministratore delegato di TerraPower, ha detto che la centrale dimostrativa richiederà circa sette anni per essere costruita.

UN’OCCASIONE PER L’ESTRAZIONE DELL’URANIO?

Oltre a fornire energia a zero emissioni di carbonio, il senatore del Wyoming John Barrasso – repubblicano e membro della commissione Energia del Senato – pensa che la costruzione della centrale di TerraPower possa favorire una ripresa dell’industria locale dell’estrazione dell’uranio.

Barrasso è stato uno dei promotori principali di una proposta bipartisan, poi convertita in legge nel 2019, per chiedere alla Nuclear Regulatory Commission (l’autorità di regolazione dell’energia nucleare) di definire un percorso per i finanziamenti a progetti di reattori nucleari avanzati.