Scenari

Usa, ecco perché aumenterà il costo del lavoro con il piano per l’energia pulita di Biden

Usa

Rystad Energy prevede che le spese per le costruzioni onshore di petrolio e gas diminuiranno a meno di 4 miliardi di dollari nel 2021. Tuttavia, quando l’industria riprenderà a crescere nel 2023 il piano di Biden sarà in diretta competizione per le stesse risorse di costruzione onshore del settore petrolifero e del gas.

Il piano per l’energia pulita del candidato presidenziale statunitense Joe Biden mira a raggiungere un livello di emissioni di gas serra “net-zero” entro il 2050, un’impresa che si propone di realizzare attraverso l’investimento di 2.000 miliardi di dollari in una moltitudine di settori. Ma attraverso di esso “verranno creati posti di lavoro e il piano sposterà i fondamentali della domanda e dell’offerta di manodopera domestica”, ha evidenziato la società di consulenza Rystad Energy che ha analizzato il piano Biden

COSTI ALTI PER L’INDUSTRIA DI PETROLIO E GAS

“Indipendentemente dalle implicazioni politiche, questa ambiziosa strategia potrebbe costare molto all’industria nazionale del petrolio e del gas upstream ma farebbe avanzare i segmenti dell’energia verde, cambiando il panorama energetico negli Stati Uniti”, ha ammesso Matthew Fitzsimmons, Vice Presidente di Rystad Energy presso l’Energy Services Research.

ATTINGERE ALLA MANODOPERA INGEGNERISTICA USA

Per eseguire l’enorme volume di lavoro richiesto, il Piano per l’Energia Pulita di Biden dovrebbe attingere, inoltre, alla manodopera ingegneristica statunitense, un’area che ha visto una crescita costante nell’ultimo decennio con un incremento medio del 2,6% all’anno. Al contrario, la domanda interna di manodopera ingegneristica da parte dell’industria del petrolio e del gas upstream è di solito piuttosto ciclica e fluttua tipicamente in base alle condizioni di mercato e al carico di lavoro degli operatori.

Dal 2012, la domanda di manodopera ingegneristica negli Stati Uniti è rimasta piatta o è diminuita. È vero, ha sottolineato Rystad Energy, che il 2018-2019 ha mostrato la prima crescita su base annua della domanda interna di tale manodopera per l’industria petrolifera e del gas statunitense, tuttavia, la pandemia di Covid-19 ha cancellato questi guadagni. Il piano di Biden sarà, dunque, una buona notizia per coloro che sono stati licenziati dall’industria del petrolio e del gas, ma servirà anche a gonfiare i costi dei progetti quando i lavori upstream cominceranno a riprendersi.

“Durante l’up-cycle del petrolio e del gas, l’aumento dei salari è stato in genere in grado di attrarre i lavoratori e di far crescere la forza lavoro dell’ingegneria del petrolio e del gas. Ciò ha contribuito a mantenere una produttività prevedibile e a soddisfare le esigenze di personale che derivano da una solida pipeline di progetti, un fenomeno che ci aspetteremmo di vedere a breve termine con l’aumento dei contratti di ingegneria nazionale nel 2022 e nel 2023”, ha spiegato la società di consulenza.

CONCORRENZA DI MANODOPERA

Il piano per l’energia pulita proposto aumenterà la concorrenza per queste risorse ingegneristiche, “portando la base di manodopera ingegneristica a quasi 1,5 milioni di persone. La differenza dei tassi di lavoro nel settore del petrolio e del gas rispetto a tutti i settori industriali, hanno oscillato tra il 20%-30% durante l’up-cycle, ma saranno necessari premi più alti del normale per attirare di nuovo i talenti nell’industria del petrolio e del gas quando le opportunità abbonderanno altrove. Considerati questi cambiamenti nell’equilibrio tra domanda e offerta di ingegneria, i premi supereranno i precedenti massimi, pur non superando gli equivalenti a tempo pieno richiesti dal precedente up-cycle”, ha spiegato Rystad Energy.

GLI ALTRI LAVORI

Gli ingegneri non saranno l’unico gruppo ad avere una domanda elevata, in quanto la strategia per i segmenti delle infrastrutture, del transito, dell’energia, degli edifici, dell’edilizia abitativa e della conservazione richiederà risorse per la costruzione a terra. “Mentre gli ingegneri hanno visto un’oscillazione del 3% da picco a picco della domanda di manodopera nel settore del petrolio e del gas, la maggior parte delle attività di costruzione onshore ha visto fluttuazioni della domanda di manodopera inferiori all’1% – ha evidenziato Rystad Energy -. La differenza è dovuta principalmente alla natura regionale del lavoro; un ingegnere statunitense può lavorare a livello internazionale, mentre i lavori di costruzione onshore devono essere completati in cantiere (e quindi, un aumento degli investimenti in progetti internazionali non aumenterà la domanda di lavoratori edili statunitensi onshore)”.

SPESE COSTRUZIONI ONSHORE PETROLIO E GAS IN CALO FINO AL 2021

Rystad Energy prevede che le spese per le costruzioni onshore di petrolio e gas diminuiranno da 7,9 miliardi di dollari nel 2019 a meno di 4 miliardi di dollari nel 2021. Tuttavia, quando l’industria riprenderà a crescere nel 2023, salendo a oltre 8,5 miliardi di dollari, il piano di Biden sarà in diretta competizione per le stesse risorse di costruzione onshore del settore petrolifero e del gas.

“Ci aspettiamo che i premi per i lavori nel settore petrolio e il gas aumentino di un ulteriore 10%-15%, oltre ai normali premi ciclici, un aumento che sarà necessario per riportare i lavoratori nel settore ed eseguire un elevato volume di lavoro dopo la pandemia”, ha sottolineato Fitzsimmons.

LA SINDACALIZZAZIONE DEL LAVORO

Il piano di Biden prevede anche una maggiore sindacalizzazione del lavoro. “Gli Stati Uniti possono guardare ai loro vicini del nord per vedere quanto l’alto grado di sindacalizzazione avrà un impatto sulle future trattative salariali; mentre le tradizionali attività edilizie statunitensi nell’industria petrolifera e del gas hanno visto i salari andare a rotoli con le condizioni del mercato, i sindacati canadesi in Alberta hanno impedito i tagli salariali nonostante le cattive condizioni del mercato. Se la visione di Biden per un’elevata sindacalizzazione dell’edilizia sarà realizzata, gli operatori e le società di servizi dovranno tener conto di questa dinamica mutevole nelle loro prossime stime di progetti e contratti. La riduzione dei salari per controbilanciare le cattive condizioni di mercato potrebbe diventare un ricordo del passato, facendo eco alla stabilità del mercato del lavoro dell’Alberta”, ha concluso Rystad Energy.