Energie del futuro

Via libera egiziano alla prima centrale nucleare del paese

corea nucleare

La centrale di al-Dabaa sarà costruita dall’Autorità egiziana per le centrali nucleari (NPPA), affiliata al ministero dell’elettricità e delle energie rinnovabili, in collaborazione con un contraente russo, Rosatom

Via libera a un nuova era energetica per l’Egitto. L’autorità egiziana di regolamentazione nucleare e radiologica (ENRRA) ha approvato il sito di al-Dabaa nella prima fase della procedura autorizzativa necessaria per costruire una centrale.

LA CENTRALE NUCLEARE DI AL-DABAA SARÀ COSTRUITA DALL’AUTORITÀ EGIZIANA PER LE CENTRALI NUCLEARI E ROSATOM

nucleareLa centrale nucleare di al-Dabaa sarà costruita dall’Autorità egiziana per le centrali nucleari (NPPA), affiliata al ministero dell’elettricità e delle energie rinnovabili, in collaborazione con un contraente russo, Rosatom. Il capo della NPPA Amjad al-Wakeel ha detto ad Al-Monitor che la licenza significa che il sito di al-Dabaa soddisfa gli standard dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e dell’Agenzia per l’energia atomica egiziana. Il Ministero dell’elettricità e delle energie rinnovabili aveva già annunciato a gennaio che il progetto, che prevede quattro reattori nucleari nel governatorato di Marsa Matruh sulla costa mediterranea, è stata completato.

LA DOCUMENTAZIONE IN FASE DI REVISIONE FINALE

Il portavoce dell’ENRRA Karim al-Adham ha detto ad Al-Monitor che l’ENRRA sta conducendo una revisione finale dei documenti riguardanti la sicurezza e ha sottolineato che l’autorità ha condotto diverse prove per verificare l’idoneità del sito, compresi studi di impatto ambientale per garantire che non ci sarà alcun danno per i cittadini della zona e per l’ambiente.

OTTO FASI E 25 MILIARDI DI DOLLARI COMPLESSIVI PER IL PROGETTO

Il progetto sarà completato in otto fasi, con la costruzione dei quattro reattori entro l’inizio del 2020. Il completamento di tutte e otto le fasi è previsto entro il 2025. La prima fase del progetto dovrebbe costare 10 miliardi di dollari, il progetto complessivo costerà 25 miliardi di dollari. Un prestito russo coprirà l’85% delle spese . Secondo il capo della Nuclear Power Plants Authority, Mohammed Khayat, l’interesse sul prestito dopo il regolamento è stimato a 5 miliardi di dollari, ma questo potrebbe aumentare se la moneta egiziana dovesse scendere rispetto al dollaro.

ROSATOM PORTERÀ LE SCORIE IN RUSSIA PER IL PROCESSAMENTO

Mounir Moujahed, che una volta dirigeva le operazioni per al-Dabaa e ora è un consulente tecnico indipendente sul nucleare, ha detto ad Al-Monitor che l’Egitto esporterà il combustibile nucleare esaurito in Russia per il trattamento. La società russa Rosatom, incaricata di realizzare la centrale nucleare, trasporterà i rifiuti in Russia, dove li processerà prima di rispedirli in Egitto per essere sepolti.

IL SITO DI AL-DABAA SELEZIONATO PER LA SUA IDONEITÀ E SICUREZZA

Medhat Sabeq, esperto di sicurezza per l’ENRRA, ha detto ad Al-Monitor: “Al-Dabaa è stata selezionata per la sua idoneità e sicurezza. È vicino all’acqua, che può essere utilizzata per raffreddare le centrali nucleari. Il sito di Al-Dabaa è stabile e lontano dalla cintura sismica, il che garantisce che non si verifichino perdite nucleari. Si trova inoltre a circa 60 chilometri (37 miglia) dalle zone residenziali e non sarà dannoso per l’ambiente o per i residenti”.