skip to Main Content

World Energy Council: “I consumatori stentano mentre è in corso uno shock energetico globale”

Energia Carbonio

“La questione della giustizia energetica richiederà innovazione politica, ma anche un nuovo approccio alla cooperazione internazionale”

L’attuale crisi petrolifera non è come le precedenti e i consumatori dovranno sopportarne il peso anche mentre sono alle prese con l’aumento dell’inflazione. Questo è il pensiero di Angela Wilkinson, segretario generale del World Energy Council.

“Penso – ha spiegato Wilkinson – che questo sia il primo shock energetico globale. Non è lo stesso della crisi degli Anni 70, la crisi dello shock petrolifero, questa è una crisi guidata dai consumatori e gli aggiustamenti (degli stessi consumatori) che ne deriveranno saranno molto significativi”.

Il picco dei prezzi del petrolio è arrivato dopo che il principale produttore di petrolio – la Russia – ha invaso l’Ucraina alla fine di febbraio, innescando importanti interruzioni nella catena di approvvigionamento globale nel settore energetico, mentre i Paesi occidentali hanno imposto pesanti sanzioni a Mosca per la guerra. L’Unione Europea ha proposto anche un embargo graduale sul petrolio russo, esercitando una maggiore pressione sui prezzi dell’energia.

A partire da venerdì mattina, in Asia il prezzo del benchmark internazionale dei futures sul greggio Brent è aumentato di oltre il 42% dall’inizio del 2022. L’ultima volta è stato scambiato a circa 111 dollari al barile, molto più alto dei livelli inferiori agli 80 dollari visti all’inizio di quest’anno.

GLI SHOCK PETROLIFERI DEGLI ANNI 70

Il mondo, negli Anni 70, ha assistito ad una serie di shock petroliferi, a seguito del conflitto in Medio Oriente. Nel 1973 i produttori di petrolio del Medio Oriente interruppero la fornitura dagli Stati Uniti e da altre nazioni occidentali dopo aver assistito Israele durante la guerra arabo-israeliana di quell’anno.

Anche la rivoluzione iraniana del 1978-1979 – che portò alla cacciata dello scià dell’Iran – innescò un altro shock energetico.

“Se guardi al prezzo dei prodotti raffinati in molte parti del mondo, oggi sono inaccessibili a molte fasce della società”, ha avvertito Wilkinson. “Potremmo finire per vedere una qualche forma di massiccia riallocazione del denaro che uscirà da questa crisi. I consumatori stanno molto, molto male”.

L’INFLAZIONE E L’AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA OGGI

L’inflazione nel Regno Unito ad aprile è salita ai massimi da 40 anni, in parte a causa della spirale dei prezzi dell’energia, come hanno mostrato i dati ufficiali di questa settimana. Picchi simili dei prezzi sono stati osservati anche negli Stati Uniti, dove ad aprile l’inflazione al consumo è rimasta vicina ai massimi degli ultimi 40 anni.

“Appena sei mesi fa si parlava solo di sicurezza climatica. Un anno fa parlavamo della crisi e della ripresa del Covid”, ha detto Wilkinson. “Ora abbiamo questa serie continua di crisi energetiche: Covid, clima, conflitti… e ora abbiamo una crisi del costo della vita che si sta innescando in molti Paesi.

La sfida più grande sarà questo nuovo contesto di accessibilità economica e giustizia energetica. È una grande incertezza e richiederà innovazione politica, ma anche un nuovo approccio alla cooperazione internazionale”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore