Efficienza energetica e innovazione

Perché l’Italia deve accelerare sull’efficienza energetica. I consigli di Aicarr

AiCARR

L’Associazione italiana condizionamento dell’aria riscaldamento e refrigerazione all’apertura  di MCE Expocomfort 2018

“Per il futuro l’obiettivo di raggiungere un livello di efficienza energetica sempre più alto, come previsto anche dalla Sen, è fondamentale. Solo con impianti efficienti, associati a involucri con elevate prestazioni energetiche, sarà possibile ridurre i consumi finali annui di energia sul periodo 2021-2030 del 1,5% rispetto all’energia mediamente consumata nel triennio 2016-2018”. Lo ha detto Francesca Romana d’Ambrosio – presidente di AiCARR, Associazione italiana condizionamento dell’aria riscaldamento e refrigerazione – commentando l’apertura di MCE Expocomfort 2018.

La Strategia energetica nazionale, che si pone l’obiettivo di rendere il sistema più competitivo, sostenibile e sicuro, prevede per l’efficienza energetica, in particolare, una riduzione dei consumi finali da 118 a 108 Mtep con un risparmio di circa 10 Mtep al 2030. L’Italia è molto attiva nel settore, tanto che qualche giorno fa è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto attuativo del ministero dello Sviluppo economico (Mise) per il Fondo nazionale per l’efficienza energetica. Una misura che, secondo il governo, consentirà di agire in maniera efficace per ridurre i consumi di energia nei processi industriali, realizzare e ampliare le reti per il teleriscaldamento, migliorare l’efficienza dei servizi e delle infrastrutture pubbliche, inclusa l’illuminazione pubblica e la riqualificazione energetica degli edifici. “Come AiCARR siamo lieti di essere al fianco di Mostra Convegno Expocomfort sin dal 1985. Tanto più quest’anno che MCE si apre al tema della città con il progetto ‘pulire l’aria’, sul quale anche AiCARR lavorerà nei prossimi mesi”.