Energie del futuro

Bei approva prestito da 1,5 mld di euro per il gasdotto Tap

rinnovabili

Il Trans-Adriatic Pipeline è la parte finale del Corridoio meridionale del gas destinato a portare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas dal gigantesco giacimento azero di Shah Deniz 2 all’Italia entro il 2020

La Banca eurotappea per gli investimenti (Bei) ha approvato un prestito da 1,5 miliardi di euro per il gasdotto Trans-Adriatic Pipeline (Tap), un’infrastruttura pensata per garantire nuove forniture di gas all’Europa e ridurre la dipendenza dalla Russia. È quanto ha riferito un portavoce della Bei a Reuters.

Tap, è la parte finale del Southern Gas Corridor, il Corridoio meridionale del gas da 40 miliardi di dollari, destinato a portare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas dal gigantesco giacimento azero di Shah Deniz 2 all’Italia entro il 2020, attraversando Georgia, Turchia, Grecia, Albania e Mare Adriatico. Shah Deniz 2 è uno dei più grandi giacimenti di gas del mondo ed è sviluppato da un consorzio guidato dalla BP. Gli azionisti di Tap includono il gruppo energetico dell’Azerbaigian Socar, BP e il gruppo italiano Snam.