Sostenibilità

Energia, aziende Usa si impegnano a ridurre emissioni metano

API

I grandi gruppi di energia USA uniscono le forze per contrastare le perdite di metano, nonostante le politiche di Trump 

 

Sono 26 le aziende che hanno aderito all’iniziativa guidata dall’ merican Petroleum Institute (API): alcune compagnie produttrici di petrolio e gas negli Stati Uniti hanno aderito a un programma volontario che mira a ridurre le emissioni di metano, potente gas serra. Una risposta decisa alle politiche Trump per indebolire o cancellare le regole dell’era Obama, con lo stesso obiettivo.

API

L’American Petroleum Institute ha organizzato un’iniziativa di partnership ambientale che lavorerà sul taglio delle perdite dai pozzi petroliferi e da altre fonti dalla produzione onshore statunitense. Sempre in questo ambito, il mese scorso, gruppi petroliferi internazionali tra cui ExxonMobil, BP e Royal Dutch Shell hanno sottoscritto una serie di “principi guida” per ridurre le emissioni, istituendo un’alleanza con agenzie multinazionali e gruppi ambientalisti.

L’American Petroleum Institute (API) punta a diffondere misure specifiche per le aziende più piccole e medie. Tuttavia, non ha fissato obiettivi per la riduzione mirata o espulsa.

Cercare di eliminare le perdite di metano è fondamentale per l’industria petrolifera e del gas poiché può aiutare a ridurre il rischio di catastrofici cambiamenti climatici. Infatti, il gas emette meno anidride carbonica del carbone quando viene bruciato per generare energia, ma il metano, il principale costituente del gas naturale, è anche un potente gas serra: se le perdite non sono controllate, si può eliminare qualsiasi beneficio derivante dal passaggio dei combustibili.

Erik Milito, direttore dell’upstream e delle operazioni industriali dell’API, ha affermato che il piano per ridurre le perdite di metano ha sostenuto l’opinione del gruppo, secondo cui lo shale gas potrebbe essere “parte della soluzione” per il rischio di cambiamenti climatici. “Abbiamo avuto i progressi tecnologici della fratturazione idraulica e della perforazione orizzontale che ci hanno permesso di sbloccare grandi quantità di gas a combustione pulita e convenienti, e che ha permesso anche ai nostri generatori di ridurre le loro emissioni di gas serra a un abbassamento che durerà 25 anni”, ha detto.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>