skip to Main Content

Aie: divario collaborazione internazionale rischia di compromettere progressi sul clima

Clima

Un nuovo rapporto Aie definisce le priorità urgenti per rendere rapidamente le tecnologie pulite le opzioni più convenienti in settori chiave e aiutare il clima

Aumenta la cooperazione internazionale sulle azioni per contrastare i cambiamenti climatici, ma non ancora abbastanza per rispettare gli impegni presi. Per questo l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) ha diffuso il primo rapporto annuale sulla Breakthrough Agenda, richiesto da 45 leader mondiali, fornisce un resoconto dei progressi compiuti sulle azioni necessarie per rispettare lo storico impegno sulle tecnologie pulite assunto dai governi che rappresentano i due terzi dell’economia globale.

LA BREAKTHROUGH AGENDA

La Breakthrough Agenda, come è noto l’impegno, mira ad allineare le azioni dei Paesi e a coordinare gli investimenti per aumentare la diffusione e ridurre i costi in cinque settori chiave, tra cui l’energia, il trasporto stradale, l’acciaio, l’idrogeno e l’agricoltura.

Insieme, questi settori rappresentano oggi quasi il 60% delle emissioni globali di gas serra e potrebbero fornire la maggior parte delle riduzioni di emissioni necessarie entro il 2030 in un percorso che contribuirebbe in modo significativo a limitare il riscaldamento globale a un massimo di 1,5 gradi, in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

I PROGRESSI DEGLI ULTIMI ANNI

Il rapporto rileva un aumento della cooperazione internazionale pratica negli ultimi anni e progressi nella diffusione delle tecnologie necessarie, tra cui: Il raddoppio delle vendite di veicoli elettrici nel 2021 rispetto all’anno precedente, con un nuovo record di 6,6 milioni di unità; Un aumento previsto della capacità rinnovabile globale dell’8% nel 2022 che per la prima volta supererà la soglia dei 300GW, equivalente all’alimentazione di circa 225 milioni di abitazioni; Previsione di una riduzione dei costi di produzione dell’energia elettrica a livello mondiale di almeno 55 miliardi di dollari nel 2022, sulla base della nuova capacità rinnovabile aggiunta nel 2021.

Tuttavia, il rapporto avverte anche che è necessaria una cooperazione internazionale molto più ampia per far sì che il mondo sia in grado di rispettare gli impegni assunti in materia di clima.

BIROL: ACCELERARE TRANSIZIONE ENERGETICA PER RAGGIUNGERE SICUREZZA

“Siamo nel bel mezzo della prima vera crisi energetica globale, con conseguenze devastanti su tutta l’economia mondiale, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Solo accelerando la transizione verso un’energia pulita e sostenibile potremo raggiungere una sicurezza energetica duratura – ha dichiarato il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol -. Attraverso la collaborazione internazionale, possiamo rendere la transizione più veloce, più economica e più facile per tutti, grazie a un’innovazione più rapida, a maggiori economie di scala, a maggiori incentivi agli investimenti, a condizioni di parità e a benefici condivisi da tutte le parti della società. Senza questa collaborazione, la transizione verso le emissioni nette zero sarà molto più impegnativa e potrebbe essere ritardata di decenni”.

COSA HA DETTO LA CAMERA

“La crisi energetica e climatica ha messo in luce le debolezze e le vulnerabilità di un sistema fortemente dipendente dai combustibili del XX secolo. Tutto ciò che manca a un’azione radicale e immediata finirà per eliminare la possibilità di rimanere sul percorso di 1,5°C -, ha dichiarato Francesco La Camera, Direttore Generale dell’IRENA -. La Breakthrough Agenda e il nostro rapporto congiunto inviano un segnale forte in vista della COP27: una maggiore collaborazione internazionale può amplificare le ambizioni e accelerare i progressi. Promuovere la transizione verso le energie rinnovabili è una scelta strategica per portare energia a prezzi accessibili, posti di lavoro, crescita economica e un ambiente più pulito alle persone sul campo.

LE 25 RACCOMANDAZIONI AI LEADER

Il rapporto propone quindi 25 raccomandazioni che i leader dovranno discutere al Global Clean Energy Action Forum e alla 13a Ministeriale sull’energia pulita che si terranno a Pittsburgh, negli Stati Uniti, dal 21 al 23 settembre 2022.

Queste includono: Dimostrare e testare sistemi energetici flessibili a basse emissioni di carbonio per ampliare la gamma di soluzioni e aumentare la quota di energie rinnovabili variabili; Creare nuove supergrid transfrontaliere in questo decennio per aumentare gli scambi di energia a basse emissioni di carbonio, ridurre le emissioni, migliorare la sicurezza energetica e aumentare la flessibilità del sistema; Creare nuovi centri di competenza internazionali per convogliare finanziamenti e assistenza tecnica per aiutare i Paesi produttori di carbone nella transizione; Concordare una definizione comune e le date entro le quali tutti i nuovi veicoli stradali saranno a emissioni nette zero, puntando al 2035 per le auto e i furgoni e al 2040 per i veicoli pesanti; Mobilitare gli investimenti nelle infrastrutture di ricarica, compresa l’assistenza prioritaria per i Paesi in via di sviluppo, e armonizzare gli standard internazionali di ricarica per promuovere gli investimenti e accelerare l’adozione a livello globale.

E ancora: Standard per incrementare la riciclabilità delle batterie e potenziare la ricerca sulle sostanze chimiche alternative per le batterie, al fine di ridurre la dipendenza dai metalli preziosi, come il cobalto e il litio; Politiche governative e impegni di acquisto da parte del settore privato per stimolare la domanda e la diffusione di idrogeno a basse emissioni di carbonio e rinnovabile, insieme a standard per consentire il commercio globale; Impegni pubblici e privati per l’acquisto di acciaio a emissioni quasi zero e azioni per livellare le condizioni di concorrenza tra i Paesi produttori di acciaio; Investimenti per le tecnologie e le pratiche agricole che possono ridurre le emissioni del bestiame e dei fertilizzanti, ampliare la disponibilità di proteine alternative e accelerare lo sviluppo di colture resistenti al clima; Standard internazionali per il monitoraggio e la rendicontazione dello stato delle risorse naturali da cui dipende l’agricoltura, con riferimento alla salute del suolo, al contenuto di carbonio nel suolo e alla salute degli impollinatori.

URGENTE RIDUZIONE EMISSIONI PER CONSENTIRE UNA TRANSIZIONE PIU’ RAPIDA

Il rapporto di Aie sottolinea che, oltre a garantire un’urgente riduzione delle emissioni, una maggiore collaborazione consentirà una transizione più rapida e meno costosa, favorendo al contempo la crescita dell’occupazione. Le ricerche dell’AIE dimostrano che, senza una collaborazione internazionale, la transizione verso emissioni globali nette zero potrebbe essere ritardata di decenni. Mentre una nuova ricerca citata dal rapporto mostra che i costi di alcune tecnologie potrebbero diminuire fino al 18% entro il 2030. Inoltre, secondo le stime dell’IRENA sempre citate dal rapporto, una transizione energetica in linea con la limitazione dell’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi potrebbe creare quasi 85 milioni di posti di lavoro in più entro il 2030 rispetto al 2019, più che compensando la perdita di 12 milioni di posti di lavoro.

LE PAROLE DI MOHIELDIN

“Questo rapporto evidenzia la necessità di garantire a tutti l’accesso a prezzi accessibili a fonti di energia pulite e verdi. È anche un forte richiamo alla necessità di concentrarsi sull’attuazione, che deve essere la priorità a livello nazionale, regionale e locale, per avere l’impatto necessario a livello globale, nonché alla necessità di mobilitare finanziamenti adeguati”, ha dichiarato Mahmoud Mohieldin, numero uno delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico in Egitto.

I Paesi con le migliaia di attori non statali che partecipano alla Race to Zero e alla Race to Resilience devono collaborare più intensamente per portare avanti la transizione verso soluzioni a emissioni zero a prezzi accessibili in ogni settore economico che produce emissioni”, ha dichiarato Nigel Topping, Campione di alto livello delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico per il Regno Unito. Questo è essenziale per lo sviluppo e per evitare pericolosi cambiamenti climatici. Alla COP27 devono essere prese misure chiare per attuare l’impegno della Breakthrough Agenda per un’azione collettiva che renda le tecnologie pulite accessibili e disponibili a tutti coloro che ne hanno bisogno in tutto il mondo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore