Scenari

Alstom: al via prima stazione a idrogeno per i treni in Assia

treno

Cerimonia di inaugurazione con il Segretario di Stato Deutschendorf: Società dei trasporti dell’area Reno-Meno (RMV), Alstom e Infraserv Höchst sviluppano la stazione di rifornimento per treni ad idrogeno nella regione del Reno-Meno

Se è il Segretario di Stato del Ministero dell’Economia, dell’Energia, dei Trasporti e dell’Edilizia abitativa dell’Assia ad impegnarsi in prima persona a promuovere la realizzazione di una stazione di rifornimento, ci troviamo davanti ad un’opera di grande rilevanza. La stazione di rifornimento che nei prossimi mesi sarà costruita nell’Industriepark Höchst è tutto fuorché un’opera ordinaria: è la prima stazione di rifornimento di idrogeno per i treni passeggeri in Assia e la seconda al mondo. In questa stazione, dal dicembre 2022, la più grande flotta di treni passeggeri a celle a combustibile del mondo potrà rifornirsi di idrogeno. Lunedì 26 ottobre, il Segretario di Stato Deutschendorf ha dato il via a questo importante progetto, insieme all’Amministratore Delegato di RMV, il prof. Knut Ringat, al dott. Jörg Nikutta, Amministratore Delegato di Alstom Germania e Austria e al dott. Joachim Kreysing, Amministratore Delegato del gestore del parco industriale Infraserv Höchst. Alstom fornirà i treni a celle a combustibile che RMV utilizzerà, mentre Infraserv Höchst, gestore del parco industriale, sta costruendo e gestendo la stazione di rifornimento.

L’ASSIA, PIONIERE NELLE STRATEGIE DI MOBILITÀ SOSTENIBILE

“L’Assia fa da apripista sulla strada della mobilità rispettosa del clima e dell’ambiente, come dimostra anche il progetto Taunusnetz”, ha affermato il Segretario di Stato Deutschendorf. “Nel 2022, treni non inquinanti, cioè quelli a celle a combustibile, sostituiranno i vecchi convogli diesel – un progetto senza linee elettriche aeree, che può essere un’alternativa interessante anche per altre regioni. Vorrei ringraziare RMV e Industriepark Höchst per il loro coraggio nel realizzare questo progetto innovativo”.

RMV: RECORD MONDIALE PER LA FLOTTA A CELLE A COMBUSTIBILE

Per la Società dei trasporti Reno-Meno, il progetto ha un significato molto particolare: “Con i treni a celle a combustibile di Alstom, stiamo aprendo un nuovo capitolo della mobilità priva di emissioni in RMV”, ha affermato il prof. Knut Ringat, Amministratore Delegato di RMV alla cerimonia inaugurale. “Grazie a questi 27 convogli, stiamo stabilendo un record mondiale: in nessun altro paese al mondo è presente una flotta a celle a combustibile così grande nel trasporto pubblico locale.” Il prof. Ringat ha celebrato l’eccellente collaborazione con l’azienda ferroviaria Alstom e Infraserv Höchst: “Sono molto lieto che questo grande progetto sia stato completato nei tempi previsti e rispettando il budget.” Il volume totale degli ordini è pari a 500 milioni di euro.

I TRENI ALSTOM: SENZA EMISSIONI E A BASSO RUMORE ATTRAVERSO I TAUNUS

“La cerimonia di oggi inaugura una nuova era del traffico ferroviario a emissioni zero nella regione Reno-Meno. Siamo lieti che Infraserv si occupi del rifornimento dei nostri treni per RMV”, ha affermato il dott. Jörg Nikutta. I treni a celle a combustibile “Coradia iLint” di Alstom, grazie ad unaautonomia fino a 1.000 chilometri, sono in grado di viaggiare un’intera giornata sulla rete di RMV e sostituiranno le locomotive diesel della consociata di RMV fahma sulle linee RB 11 (Francoforte-Höchst – Bad Soden (Taunus)), RB12 (Francoforte – Königstein), RB15 (Francoforte – Bad Homburg – Brandoberndorf) e RB16 (Friedrichsdorf – Friedberg). Il primo treno passeggeri al mondo alimentato da una cella a combustibile a idrogeno è completamente a emissioni zero, silenzioso ed emette solo vapore acqueo e condensa.

INFRASERV HÖCHST: L’IMPEGNO NELLA TECNOLOGIA A IDROGENO E DELLE CELLE A COMBUSTIBILE

Infraserv Höchst, la società operativa dell’Industriepark Höchst, il parco industriale di 4,6 chilometri quadrati, è attiva da molti anni nello sviluppo di tecnologia a idrogeno e celle a combustibile. La prima stazione di rifornimento di idrogeno per auto è stata attivata nel 2006. “Siamo molto orgogliosi che Infraserv Höchst e Industriepark Höchst possano contribuire all’ulteriore sviluppo di questa tecnologia del futuro”, ha affermato l’Amministratore Delegato di Infraserv Höchst, dottor Joachim Kreysing. In Germania da sempre l’industria chimica è stata uno dei settori industriali che ha dato impulso alle tecnologie innovative. Kreysing ha continuato sostenendo che: “Anche le questioni incalzanti riguardo l’approvvigionamento energetico e i concetti di mobilità del futuro possono essere risolte solo dall’industria chimica”.

VIALE: IN ITALIA ALSTOM È PROFONDAMENTE IMPEGNATA NELLO SVILUPPO DI SOLUZIONI PER IL MERCATO ITALIANO

In questo contesto, nell’ambito della mobilità sostenbile a idrogeno, Michele Viale, presidente e amministratore delegato di Alstom Ferroviaria dichiara: “In Italia Alstom è profondamente impegnata nello sviluppo di soluzioni per il mercato italiano. In questo specifico contesto, Alstom Ferroviaria SpA è membro di H2IT, l’Associazione Italiana Idrogeno e Celle a Combustibile e lavora per obiettivi comuni assieme alle filiere nazionali ed europee. A questo proposito, Alstom produce il Coradia Stream, un treno di ultima generazione, con elevati standard di comfort e affidabilità oltre che di sicurezza, alimentato con celle a combustibile. Quest’anno Alstom ha siglato una partnership con Snam con l’obiettivo di promuovere e ampliare il mercato italiano dell’idrogeno per il settore ferroviario. Snam si configura come un “system integrator” e si avvale del contributo di altre aziende del settore e di Alstom come azienda fornitrice di veicoli ferroviari, incaricata della fornitura e della manutenzione dei treni a idrogeno. Questo tipo di modello contribuisce alla solidità del sistema, in un’ottica di semplificazione, anche quando ai clienti vengono proposti progetti più complessi, come ad esempio le stazioni di servizio non solo per il rifornimento dei treni, ma anche per altri veicoli. In questo momento stiamo lavorando tutti insieme per lo sviluppo di diverse opportunità in Italia: sono stati avviati tavoli tecnici in diverse regioni per analizzare l’introduzione della tecnologia dell’idrogeno su alcune linee ferroviarie non elettrificate. Alstom accoglie con favore l’accordo tra FS e Snam. E’ questo un passo importante per promuovere ulteriormente lo sviluppo dell’idrogeno in Italia e per rafforzare la filiera nazionale dell’idrogeno”.