Sostenibilità

Arriva il primo bilancio sostenibile di Gori

Gori

Per il servizio idrico della Campania uno dei punti salienti è la digitalizzazione delle reti: alla fine del 2019 si è arrivati alla digitalizzazione di 4.967 km di rete idrica

Con 5,8 milioni di metri cubi d’acqua recuperati attraverso gli interventi alla rete idrica, 11 milioni di bottiglie di plastica in meno grazie alle Case dell’Acqua e dal progetto “PlasticFree” e quasi 8 milioni di chilowattora risparmiati con i lavori di efficientamento degli impianti, Gori (azienda che gestisce il Servizio Idrico Integrato in 74 comuni della Campania dal 2002, quelli del distretto Sarnese Vesuviano) ha presentato il primo bilancio di sostenibilità intitolato “Idrability”.

LE 5D DI GORI

Il bilancio, riferito all’intero anno 2019, rappresenta un impegno che l’Azienda assolverà annualmente. “L’energia che ha mosso il lavoro di stesura è stata una, pulita e rinnovabile: il sentimento di responsabilità. GORI ha voluto avviare il processo di rendicontazione destinato alla platea dei propri stakeholder, raccontando gli impatti diretti ed indiretti della gestione della risorsa idrica presso i 74 comuni gestiti”, si legge nel bilancio improntato a una politica di “sostenibilità integrata” la “Gori 5D” come si legge nella lettera agli stakeholder. “Le 5 dimensioni della nostra sostenibilità d’impresa nascono da un’attenta indagine condotta sulle nostre attività, accompagnata dall’allineamento ai Sustainable Development Goals emessi dall’ONU, orientati all’Agenda 2030. Acqua, Comunità, Ambiente, Persone ed Innovazione”.

LA DIGITALIZZAZIONE DELLE RETI

Uno dei punti salienti è la digitalizzazione delle reti: alla fine del 2019 si è arrivati alla digitalizzazione di 4.967 km di rete idrica (811 km di rete di adduzione e 4.156 km di rete di distribuzione), così come tutti gli impianti e dei loro schemi funzionali. Dal punto di vista della distribuzione della risorsa idrica le innovazioni messe in atto sono:l’attuazione di un intenso piano di sostituzione di condotte individuate tra quelle affette dai più alti tassi di guastabilità;la realizzazione dei distretti idrici per l’installazione di idrovalvole automatiche per il controllo di portate e pressioni, anche con doppia regolazione giorno/notte;l’istituzione di una specifica unità denominata Gestione Contatori, per il rinnovo del parco contatori mediante la sostituzione massiva di misuratori di utenza vetusti e/o guasti, al fine di migliorare la conturizzazione della risorsa distribuita, e quindi il bilancio idrico.

DI NATALE: CONTRIBUTO CULTURALE ALLA CAUSA AMBIENTALE

“GORI,attraverso il suo primo Bilancio di Sostenibilità, intende offrire un contributo culturale alla causa ambientale, inserendo il proprio tassello nel più ampio mosaico delle società che pubblicano annualmente questo documento. Un’iniziativa che si rifà ai principi della Responsabilità Sociale d’Impresa, intesa come azione volontaria di responsabilità delle imprese per l’impatto sulla società derivante dalle loro operazioni commerciali e dai loro rapporti con le parti interessate”, il commento del Presidente, Michele Di Natale in una nota.

MARATI: STRUMENTO PER CONDIVIDERE IL PERCORSO VIRTUOSO DI GORI

“Non si tratta semplicemente di un’istantanea statica degli eventi del 2019 – chiarisce l’Amministratore Delegato, Giovanni Paolo Marati – ma di uno strumento per condividere un percorso che GORI ha avviato anni fa e che nel 2019 è stato scandito anche dalla lotta all’utilizzo della plastica monouso e da azioni concrete per la salvaguardia del bacino idrografico del fiume Sarno”.

DE DONATO: UN UNICO OBIETTIVO: CONDIVIDERE CON IL TERRITORIO L’IMPORTANZA DI UNA VERA CULTURA DELLA SOSTENIBILITÀ

Un impegno che prosegue ma che arriva da lontano, arricchito dalla sinergia con le amministrazioni comunali, le scuole e le associazioni ambientaliste impegnate sul territorio. “Il 2019 è stato un anno ricco di novità, tra cui anche la formalizzazione di un’unità dedicata ai temi della CSR (Corporate Social Responsibility) – conclude Mara De Donato, Responsabile dell’unità Comunicazione e CSR – ciò ha reso possibile la nascita un percorso volto a raccontare, documentare e monitorare le azioni di sostenibilità avviate già a partire dagli anni precedenti, che vedono la nostra azienda impegnata su più fronti: dalla tutela ambientale all’innovazione tecnologica, dal recupero della balneabilità alla valorizzazione delle nostre persone, dalla ricerca al risparmio idrico. Sempre con un unico obiettivo: condividere con il territorio l’importanza di una vera cultura della sostenibilità”.